Danza macabra

Di

Editore: E/O

3.6
(119)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 384 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Tedesco

Isbn-10: 8876418989 | Isbn-13: 9788876418983 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina morbida e spillati

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Danza macabra?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
A Trieste esplode una bomba, ma la polizia se ne accorge solo dopo che la notìzia è già stata diffusa. Una faccenda inammissibile per il commissario Proteo Laurenti, il quale non sospetta che i Drakic, suoi nemici giurati, siano tornati in città per perseguire i propri intenti criminosi. Viktor e Tatjana Drakic però hanno soprattutto un desiderio: vendicarsi di Laurenti una volta per tutte. Le società del benessere producono valanghe di scorie. Che farne? La risposta arriva da un'azienda specializzata nello smaltimento dei rifiuti che conduce i propri affari negli uffici del consolato di un piccolo quanto sconosciuto paese dell'Est. Non c'è alcun dubbio: con la spazzatura si guadagna, soprattutto se si è in grado di sfruttare le leggi a proprio vantaggio. Quando però in uno di quegli uffici viene trovata una giovane massacrata di botte il caso finisce sul tavolo di Laurenti. Nel corso delle indagini il commissario si imbatte in affari criminosi di enorme portata; tuttavia il nesso con il consolato, ma soprattutto con i Drakic, all'inizio gli sfugge. I criminali hanno dunque tutto il tempo per tramare alle spalle dell'odiato Laurenti e organizzare il suo assassinio.
Ordina per
  • 4

    Qualche giallo l'ho sempre spiluccato qua e là, tra un classico e un saggio storico giusto per spezzare, giusto per poter leggere qualcosa anche in condizioni poco favorevoli a un lettore (treni zeppi ...continua

    Qualche giallo l'ho sempre spiluccato qua e là, tra un classico e un saggio storico giusto per spezzare, giusto per poter leggere qualcosa anche in condizioni poco favorevoli a un lettore (treni zeppi come carri bestiame, bar affollati all'ora di pranzo, stazionamenti infiniti davanti alla porta chiusa dell'ambulatorio del medico di famiglia con il paziente di turno che pensa di stare peggio di tutti gli altri e vuole fartene partecipe). Insomma ho sempre inteso il giallo come il minimo sindacale per sopravvivere a momenti di inevitabile inattività da condividere con gente che del silenzio non sa cosa farsene. Ma l'unico giallista che mi ha davvero convinto è stato, fino ad ora, l'intramontabile Simenon. Da qualche mese a questa parte affiancato da Veit Heinechen, tedesco trapiantato a Trieste che ambienta i suoi gialli proprio in questa città. E già solo per questo non poteva restarmi indifferente. Se a questo aggiungiamo un commissario simpatico, un 'analisi realistica e priva di idealismo del tessuto storico, economico e sociale della città giuliana, se l'autore definisce i SUV "psicofarmaci a trazione integrale per aumentare la propria autostima" allora per me non c'è scampo: leggerò tutti i volumi.

    ha scritto il 

  • 4

    Sto per andare a Trieste e con Heinichen ho iniziato ad immergermi negli odori e sapori della zona. A questo primo giallo ne farò seguire sicuramente altri:proteo laurenti mi piace, non capisce sempre ...continua

    Sto per andare a Trieste e con Heinichen ho iniziato ad immergermi negli odori e sapori della zona. A questo primo giallo ne farò seguire sicuramente altri:proteo laurenti mi piace, non capisce sempre tutto, fa cavolate, non è sempre nel giusto, gestisce con tranquillità un matrimonio ed un amante, come tutti i commissari apprezza la buona cucina ed il buon bere. Ho appena ordinato da Feltrinelli il suo primo libro tradotto in italiano!

    ha scritto il 

  • 0

    Incipit

    Era l’anno in cui i tedeschi, per vendicarsi con gli italiani di Trappattoni, rifilarono a Roma un papa “made in Germany” ...

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/d/danza-macabra-veit-heinic ...continua

    Era l’anno in cui i tedeschi, per vendicarsi con gli italiani di Trappattoni, rifilarono a Roma un papa “made in Germany” ...

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/d/danza-macabra-veit-heinichen/

    ha scritto il 

  • 4

    Citazione

    Nessun altro governo italiano, negli ultimi sessant'anni, aveva resistito per un'intera legislatura, ma il fervore degli elettori diminuiva di giorno in giorno. L'opposizione si dimostrava arrogante a ...continua

    Nessun altro governo italiano, negli ultimi sessant'anni, aveva resistito per un'intera legislatura, ma il fervore degli elettori diminuiva di giorno in giorno. L'opposizione si dimostrava arrogante almeno quanto la coalizione di governo: solo vecchie facce poco disposte ad andarsene nonostante le sconfitte subite e che nessuno poteva più vedere. Di novità neanche a parlarne. Dall'altra parte c'era il potere bruto dei media del premier in carica e la maggioranza in entrambe le camere, grazie alle quale era stato approvato un gran numero di leggi ad personam, modifica della legge elettorale inclusa. Nel frattempo il debito pubblico aveva generato preoccupazioni anche all'estero, e le condizioni economiche dei cittadini erano così peggiorate che per arrivare alla fine del mese a molti lo stipendio non bastava più. Tutta colpa dell'euro, faceva comunicare il premier dai media, e si chiedeva che colpa potesse avere una moneta. In una simile situazione critica, l'economia sommersa acquistava un peso sempre maggiore.

    ha scritto il 

  • 0

    Il commissario Proteo Laurenti deve indagare su un'esplosione avvenuta a Trieste in pieno centro.
    Si dipana un fitto intreccio ceh riconduce ad un passato non troppo lontano.
    Ci sono Trieste con il su ...continua

    Il commissario Proteo Laurenti deve indagare su un'esplosione avvenuta a Trieste in pieno centro.
    Si dipana un fitto intreccio ceh riconduce ad un passato non troppo lontano.
    Ci sono Trieste con il suo mare e il suo vento, la Slovenia, l'Istria e le sottili linee di confine che le dividono.
    Avvincente fino all'ultimo soffio

    ha scritto il