Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 350 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Portoghese , Francese

Isbn-10: 8876250565 | Isbn-13: 9788876250569 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Luca Fusari , Simona Adami

Disponibile anche come: eBook , Altri

Genere: Romance , Science Fiction & Fantasy , Teens

Ti piace Danze dall'inferno?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Questo libro è una raccolta di brevi storie di famosi autori per ragazzi che esplorano il lato oscuro di una tradizione.
Questi racconti sono in grado di catturare anche il più riluttante dei lettori, ogni storia è piena di forti ed attraenti personaggi.
Una particolarità della collezione è che c'è un ottimo bilanciamento tra i differenti aspetti dell'orrore che ogni scrittore approfondisce.
La breve storia di Stephenie Meyer è intitolata "Hell on Earth".
In questo racconto incontriamo Sheba, un demone sulla terra che ama portare sofferenza agli altri.
Il suo piano sta funzionando, perchè tutti al ballo stanno vivendo un momento orribile. Tutti eccetto Gabe, che non sembra propriamente felice ma almeno sereno.
Il tempo che occorre a Sheba per rendersi conto di cosa sta succedendo, è troppo tardi e il ballo potrebbe avere un lieto fine dopotutto...
Ordina per
  • 3

    Carino, niente di speciale. Tre racconti su cinque non hanno un finale, sarebbe carino se venissero allungati e terminati. Il racconto di Kim Harrison - Medison Avery l'ho trovato interessante, ma anche in quello mi piacerebbe dargli un finale più dettagliato. Quello di Michele Jaffe, tutto somma ...continua

    Carino, niente di speciale. Tre racconti su cinque non hanno un finale, sarebbe carino se venissero allungati e terminati. Il racconto di Kim Harrison - Medison Avery l'ho trovato interessante, ma anche in quello mi piacerebbe dargli un finale più dettagliato. Quello di Michele Jaffe, tutto sommato come finale ci stava.

    ha scritto il 

  • 2

    Acquisto deludente

    Avevo appena finito di leggere L'Ospite (consigliatissimo) e avendo già letto l'intera saga di Twilight andavo in cerca di qualche altro prodotto della Meyer per portare avanti "l'idillio di lettura", alla Feltrinelli trovai questo.


    Idillio non spezzato, ma proprio mandato in frantumi. ...continua

    Avevo appena finito di leggere L'Ospite (consigliatissimo) e avendo già letto l'intera saga di Twilight andavo in cerca di qualche altro prodotto della Meyer per portare avanti "l'idillio di lettura", alla Feltrinelli trovai questo.

    Idillio non spezzato, ma proprio mandato in frantumi.

    Se non fosse stato per il nome della Meyer molto probabilmente non l'avrei mai comprato. Raramente considero sprecati dei soldi spesi in libri, ma questa sottospecie di raccolta di storie brevi veramente me la sarei risparmiata. Tanto poco mi piacquero i vari racconti che a sprazzi ricordo solo quello della Meyer, e nemmeno nei dettagli. Insomma, se proprio siete curiosi non lo comprate, limitatevi a prenderlo in prestito.

    ha scritto il 

  • 4

    Le quattro stelle sono per il racconto di Stephenie Meyer che mi è piaciuto molto e quello di Meg Cabot, anche scorrevoli nella lettura. Gli altri tre sinceramente non li ho finiti, non mi sono piaciuti. Lo consiglio solo per quei due.

    ha scritto il 

  • 3

    Raccolte

    Un libro che racchiude 5 brevi racconti, alcuni dei quali veramente affascinanti. Il finale di essi è sempre in sospeso e ti lascia immaginare liberamente in tuo finale come lo preferisci. Questo stile può piacere perchè può diventare personale, oppure può infastidire per la mancanza di un finale ...continua

    Un libro che racchiude 5 brevi racconti, alcuni dei quali veramente affascinanti. Il finale di essi è sempre in sospeso e ti lascia immaginare liberamente in tuo finale come lo preferisci. Questo stile può piacere perchè può diventare personale, oppure può infastidire per la mancanza di un finale del tutto concreto. della stessa serie avevo letto Amori infernali che devo ammettere,mi è piaciuto di più di Danze dell'inferno, ma anche i racconti contenuti in questo volume sono ben strutturati e leggeri, per chi non ha voglia di intrattenersi in una lettura difficile, ma lo stesso emozionante.

    ha scritto il 

  • 2

    Libro creato a scopo commerciale, mettere in grassetto il nome della Meyer è stata una grande mossa pubblicitaria dato il fenomeno mediatico della saga di Twilight.
    Peccato che il libro non sia stato solo scritto da lei, ma da altre 4 "scrittrici". Si tratta di una serie di brevi racconti incentr ...continua

    Libro creato a scopo commerciale, mettere in grassetto il nome della Meyer è stata una grande mossa pubblicitaria dato il fenomeno mediatico della saga di Twilight. Peccato che il libro non sia stato solo scritto da lei, ma da altre 4 "scrittrici". Si tratta di una serie di brevi racconti incentrati sul fantasy. E' una piacevole lettura per chi non parte con grandi aspettative (come invece ha fatto la sottoscritta ed infatti ne è rimasta alquanto delusa) Perciò vi consiglio, se volete leggerlo, di non acquistarlo ma scaricare il pdf.

    ha scritto il 

  • 2

    Zizzia:

    Dico solo che il racconto "migliore" (notare le virgolette! ahahahahahha perchè è tutto relativo..) è quello della meyer.


    praticamente la protagonista è questa diavolessa da 4 soldi (infatti ancora non c'ha le corna) il suo compito è quello di diffondere il male alle feste da ballo, quando ...continua

    Dico solo che il racconto "migliore" (notare le virgolette! ahahahahahha perchè è tutto relativo..) è quello della meyer.

    praticamente la protagonista è questa diavolessa da 4 soldi (infatti ancora non c'ha le corna) il suo compito è quello di diffondere il male alle feste da ballo, quando lo fa le esce il fumo dalle orecchie, tipo tubo di scappamento. I suoi malvagi obiettivi però vengono fermati da un giovane con gli occhi cerulei che risponde al nome di Gabriel Michael Christensen, detto Gabe. I due si innamorano mentre ballano un lento. Della Meyer avevamo già apprezzato le sue doti di grande stilista, infatti questa la veste con un abitino rosso di pelle di cerbero (che se ben ricordo dalla divina commedia che era??? un cane?? giusto?? ahahahahaha) una vera sciccheria!!

    ha scritto il 

Ordina per