Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Das Foucaultsche Pendel.

By Umberto Eco

(7)

| Others | 9783446153950

Like Das Foucaultsche Pendel. ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

824 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Letto e riletto anche questo un romanzo dove Eco è riuscito a coinvolgermi nella storia fino alla fine.

    Is this helpful?

    Linda T said on Jul 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Saggia Lia
    L'apparenza superficiale del libro è predisposta per attirare gli amanti dell'esoterismo per poi aprir loro gli occhi , un libro che tratta certe cose meglio di altri , che da tante informazioni ma che è fatto per non prenderle sul serio, ...(continue)

    Saggia Lia
    L'apparenza superficiale del libro è predisposta per attirare gli amanti dell'esoterismo per poi aprir loro gli occhi , un libro che tratta certe cose meglio di altri , che da tante informazioni ma che è fatto per non prenderle sul serio, per portarti su un'altra via totalmente opposta , la via della realtà e del suo bello, per farlo si traveste, mette tutti i colori di ciò che vuol demolire e ti attira alla lettura e poi quando ne esci sei convertito alla concretezza e alla sua "meravigliosità" ...

    Is this helpful?

    Amarillide said on Jul 12, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    lettura in sospeso...troppo nozionistica e impegnativa per me al momento.
    Eco è un uomo coltissimo e ha concentrato molta della sua erudizione in questo tomo di cui sono arrivata poco oltre la metà...inoltre l'argomento trattato non mi affascina per ...(continue)

    lettura in sospeso...troppo nozionistica e impegnativa per me al momento.
    Eco è un uomo coltissimo e ha concentrato molta della sua erudizione in questo tomo di cui sono arrivata poco oltre la metà...inoltre l'argomento trattato non mi affascina per niente e questo influisce sul piacere di leggere che è scemato sino all'apatia totale.

    Is this helpful?

    black swan said on Jul 4, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Rileggerlo dopo piu' di 20 anni e scoprire di nuovo un capolavoro...." I Templari c'entrano sempre..." ma c'e' modo e modo..e questo e' uno dei migliori!

    Is this helpful?

    N.ADLER said on Jul 1, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Inspirate, espirate, fate 3 piegamenti, recitate un mantra e (forse) siete pronti per affrontare questo libro.
    Non è un'opera che aduli il lettore, non almeno nel senso di "ehi, siamo complici, abbiamo lo stesso background" (con relativa strizzatina ...(continue)

    Inspirate, espirate, fate 3 piegamenti, recitate un mantra e (forse) siete pronti per affrontare questo libro.
    Non è un'opera che aduli il lettore, non almeno nel senso di "ehi, siamo complici, abbiamo lo stesso background" (con relativa strizzatina d'occhio). A meno che non siate studiosi coltissimi, anticonformisti e spiritosi. Se non lo siete, non dico di lasciare ogni speranza (o voi che leggete), ma di premunirvi di una buona dose di pazienza. Sì, perchè questo è un libro dotto per dotti, e anche se c'è una certa giocosità e un discreto clima da romanzo gotico che può permetterne la lettura a molti, ben pochi sapranno cogliere tutti gli spunti e tutte le citazioni.
    L'Eco semiologo, che ha tutto il mio rispetto, si sente eccome (si sente sempre), ed è presente un'interessante e disincantata lettura prima del sessantotto e poi degli anni di piombo (questa, ovviamente, meno disincantata), nonchè una critica brillante e perfidissima del mondo editoriale. Per non parlare della proliferazione di teorie pseudo-scientifiche e/o complottistiche in cui tutto torna, basta incastrare bene le variabili giuste (teorie che fanno il successo di Voyager o di certi terrificanti programmi su alieni e civiltà scomparse trasmessi da Focus). E qui non dico altro per non compromettere la trama, ma ad ogni modo...alzi la mano chi non ha trovato in questo libro un termine sconosciuto o un riferimento oscuro che gli ha reso ostica la lettura. Se non la alzate, siete Umberto Eco, e allora non vale.

    Is this helpful?

    Crash said on Jun 2, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ho letto un'intervista ad Eco nella quale si stupiva dell'enorme successo de "Il nome della Rosa" rispetto ai successivi suoi romanzi, che lui giudica migliori.
    Secondo me, si tratta di un'esagerazione se ci si riferisce ai libri da "L'isola del gior ...(continue)

    Ho letto un'intervista ad Eco nella quale si stupiva dell'enorme successo de "Il nome della Rosa" rispetto ai successivi suoi romanzi, che lui giudica migliori.
    Secondo me, si tratta di un'esagerazione se ci si riferisce ai libri da "L'isola del giorno prima" in poi: mi sono piaciuti ma non sono paragonabili al suo esordio.
    Si tratta di un'affermazione che, invece, mi sento di condividere se si parla de "Il penolo di Foucault, vero capolavoro dell'autore.

    Is this helpful?

    AB75 said on May 21, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book