Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Das Monstrum

Tommyknockers

By Stephen King

(0)

| 9783453435858

Like Das Monstrum ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Bobbi Anderson ahnt nicht, was sie sich und den Bewohnern des kleinen Ortes Haven im US-Bundesstaat Maine antut, als sie eines Tages über ihr Schicksal stolpert. Es ist kein Ast oder Stein, es ist ein Raumschiff aus einer weit entfernten Galaxie, das Continue

Bobbi Anderson ahnt nicht, was sie sich und den Bewohnern des kleinen Ortes Haven im US-Bundesstaat Maine antut, als sie eines Tages über ihr Schicksal stolpert. Es ist kein Ast oder Stein, es ist ein Raumschiff aus einer weit entfernten Galaxie, das nur darauf wartet, ausgegraben zu werden...

134 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Uno dei libri di King che mi è piaciuto di meno. Non mi ha appassionato molto purtroppo e in alcuni capitoli è stato difficile proseguire...
    Un libro strano e a tratti inquietante. Il finale è allucinante ma è anche la parte più bella del libro, quel ...(continue)

    Uno dei libri di King che mi è piaciuto di meno. Non mi ha appassionato molto purtroppo e in alcuni capitoli è stato difficile proseguire...
    Un libro strano e a tratti inquietante. Il finale è allucinante ma è anche la parte più bella del libro, quella che gli ha fatto meritare una stellina in più!

    Is this helpful?

    Sevy said on Jul 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Stephen King - Tommyknocker

    Il solito King, nel senso di quello che abbina pregi a i suoi storici difetti che hanno contraddistinto i suoi lavori meno riusciti.

    Questa volta il buon Stevie decide di cimentarsi con il genere sci-fi, costruendo (come di suo consueto) una storia ...(continue)

    Il solito King, nel senso di quello che abbina pregi a i suoi storici difetti che hanno contraddistinto i suoi lavori meno riusciti.

    Questa volta il buon Stevie decide di cimentarsi con il genere sci-fi, costruendo (come di suo consueto) una storia che finisce per coinvolgere un'intera cittadina e nella quale vengono coinvolti numerosi personaggi (chi dice The dome, Cose preziose, L'ombra dello scorpione o IT sa di cosa parlo).

    Diciamo subito che il romanzo soffre di uno dei classici difetti di King, ovvero la prolissità. In alcuni momenti si ha l'impressione che alcuni personaggi di contorno, introdotti con la loro brava dose di storia pregressa, siano abbastanza inutili o comunque aggiunti per allungare un po' il brodo. Il finale in stile da solo contro tutti è francamente indigesto e comunque i cliché dell'autore si ripetono in maniera del tutto prevedibile (il co-protagonista con problemi di alcool, il bambino scomparso, la telepatia, veramente troppo abusata in numerosi romanzi).

    Le cosa da salvare sono l'atmosfera da Ai confini della realtà, le numerose citazioni (da Philip Dick e le sue pecore passando per Orson Welles e pagliacci con palloncini) e qualche personaggio a tutto tondo (direi Anne Anderson). Un po' poco direi per andare oltre le tre stelle. Lettura scorrevole che provoca comunque qualche sbadiglio. Per i fan di King direi. Per gli altri prima di affrontare questo bel mattoncino ci penserei sopra.

    Is this helpful?

    david said on Jun 22, 2014 | Add your feedback

  • 9 people find this helpful

    Una perla!

    Da molti sottovalutato (tra me e me, non riesco a non chiedermi come sia possibile...), questo romanzo di King è una vera e propria meraviglia, una specie di perla nascosta!

    Mentre descrive una intera cittadina americana (Haven, Maine) e delinea min ...(continue)

    Da molti sottovalutato (tra me e me, non riesco a non chiedermi come sia possibile...), questo romanzo di King è una vera e propria meraviglia, una specie di perla nascosta!

    Mentre descrive una intera cittadina americana (Haven, Maine) e delinea minuziosamente i suoi abitanti, descrivendo attriti e luoghi della loro vita quotidiana, il buon zio Stephen fa cadere il lettore in un incredibile vortice di follia aliena che nasce da una casuale e apparentemente insignificante scoperta (una minuzia...) fatta dalla scrittrice di western Bobbi Anderson mentre cammina nel bosco dietro a casa sua; con l'aiuto del suo compagno, Jim Gardner, Bobbi comincia ad indagare ulteriormente su questa scoperta che, se da un lato la fa diventare una sorta di superdonna intelligentissima, dall'altro... l'unica speranza è riposta in Jim che, immune dal potere dei Tommyknockers, decide di provare a mettere un freno alla follia dilagante e salvare la sua vecchia e amata Bobbi... sempre che sia ancora possibile...

    Un King da leggere assolutamente... anche se molti lo snobbano, io lo consiglio sempre! :)

    Is this helpful?

    Gio said on May 28, 2014 | 4 feedbacks

  • 3 people find this helpful

    Tommyknockers knocking at the door...

    Uno dei libri di King che ho riletto più volte nel corso degli anni (una cifra insensata di volte, per essere precisi) nella traduzione italo-dobneriana, da sempre nella mia top10 kinghiana, finalmente letto in lingua originale... che cosa potrei mai ...(continue)

    Uno dei libri di King che ho riletto più volte nel corso degli anni (una cifra insensata di volte, per essere precisi) nella traduzione italo-dobneriana, da sempre nella mia top10 kinghiana, finalmente letto in lingua originale... che cosa potrei mai dire se non un geniale capolavoro? :)

    Mentre è nel bosco a far legna, Bobbi Anderson inciampa in una sporgenza metallica che spunta dal terreno: questa semplice banalità è l'inizio di tutto, l'inizio della fine...
    Grazie all'aiuto del suo vecchio amico, Jim Gardener, giunto lì spinto dalla sensazione di un pericolo imminente, Bobbi comincia a scavare per disseppellire l'oggetto misterioso: ancora prima di capire esattamente a cosa si trovino di fronte, a quale immenso potere l'oggetto porti con sé, Bobbi e i cittadini di Haven vengono 'investiti' dal potere dei Tommyknockers che, da un lato regala loro straordinarie idee e invenzioni, ma dall'altro...
    Le speranze di salvezza per la città sono poche ma c'è chi, immune al potere dei Tommyknockers, proverà a porre un freno alla follia aliena dilagante... sempre che sia ancora possibile fermare ciò che è stato iniziato...

    King parte subito in quarta in questo romanzo, analizzando e descrivendo minuziosamente, sin dalle prime pagine, i due protagonisti [Bobbi Anderson, scrittrice di western, e Jim Gardener, ex-editore alcolista] e spostando poi l'attenzione sull'intera cittadina americana di Haven, Maine: qui, mentre l'intera comunità viene 'presentata', si cominciano a notare i primi segni della follia aliena che ben presto diventerà un vortice inarrestabile, da cui nessuno potrà (o vorrà?) fuggire...
    Anche se "l'elemento fantascientifico" è presente, come spesso accade con King, diventa velocemente praticamente un pretesto, uno sfondo sul quale il buon Stefano Re crea la sua classica ragnatela di situazioni, avvenimenti e personaggi (Cose Preziose docet...) che ben presto si stringe e non lascia scampo: il ritmo in un crescendo dosato alla perfezione, l'analisi della progressiva follia della popolazione di Haven e del loro 'chiudersi a riccio' e le numerose "storie" qui racchiuse in un tutt'uno, rendono questo romanzo uno dei romanzi corali migliori dell'intera produzione kinghiana!

    ps. molti FL, incomprensibilmente, snobbano questo romanzo del Re definendolo una "storiellina aliena neanche molto originale" o affibbiandogli l'etichetta "fantascienza di basso livello"... a tali affermazioni non posso che chiedermi se non abbiano letto un altro libro... :))

    Da leggere!

    Is this helpful?

    Gio said on May 27, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Guardando il Tg, ho l'impressione che i Tommyknockers siano già tra noi.....

    La storia "ingrana" dopo un inizio incerto.
    Si resta invischiati nell'aria malsana della città di Haeven e si vuole sapere cosa ci ha riservato lo zio Stephen.
    Scorrevole nella descrizione dei personaggi e degli eventi (magari tralasciare qualche per ...(continue)

    La storia "ingrana" dopo un inizio incerto.
    Si resta invischiati nell'aria malsana della città di Haeven e si vuole sapere cosa ci ha riservato lo zio Stephen.
    Scorrevole nella descrizione dei personaggi e degli eventi (magari tralasciare qualche personaggio di contorno non sarebbe stata una cattiva idea).
    Nel finale mi sono "ingolfato" e tutto ha il sapore di già visto/già letto.
    Leggerlo?
    Beh, male non fa. Certo nel caso non vi piaccia, data la mole, usarlo come "spessore" per il tavolino traballante non è possibile....

    Is this helpful?

    Atticus said on May 22, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Classico romanzo di King, ma non uno dei miei preferiti, ho l'impressione che si dilunghi un po' troppo in alcuni punti non essenziali.

    Is this helpful?

    Ilaria Eugeal Tomasini said on May 11, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book