Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Daughter of Smoke & Bone

By Laini Taylor

(19)

| eBook | 9780316192149

Like Daughter of Smoke & Bone ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

8 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    L'inizio mi è piaciuto molto: l'ambientazione a Praga, Karou studentessa d'arte con i capelli blu. Anche la sua strana famiglia è parecchio intrigante e tutto è avvolto da un mistero affascinante. Poi con il procedere della storia, l'intervento di Ak ...(continue)

    L'inizio mi è piaciuto molto: l'ambientazione a Praga, Karou studentessa d'arte con i capelli blu. Anche la sua strana famiglia è parecchio intrigante e tutto è avvolto da un mistero affascinante. Poi con il procedere della storia, l'intervento di Akiva e la spiegazione, si è fatto un pò tutto più scontato. Soprattutto la storia d'amore, abbastanza scontata. Però tutto l'intreccio precedente e la storia dei desideri e dei denti (insieme al fatto che Karou ha mandato a quel paese Akiva dopo aver scoperto quello che aveva fatto) gli fa meritare le 4 stelline.

    Is this helpful?

    Serena said on Aug 9, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Primer libro de la trilogía Hija de humo y hueso. Sigo en mi campaña de dar a conocer libros que casi nadie conoce. Ayer me decía una forera que me gustan libros un poco raros, que si un ser intergaláctico, que si un hombre que la mete a ella en el m ...(continue)

    Primer libro de la trilogía Hija de humo y hueso. Sigo en mi campaña de dar a conocer libros que casi nadie conoce. Ayer me decía una forera que me gustan libros un poco raros, que si un ser intergaláctico, que si un hombre que la mete a ella en el maletero de un coche en el Apocalipsis, que si un prota con los ojos naranjas… Hoy voy a hablar de este último.

    Karou es una joven que vive en Praga, va todos los días a las clases de Arte en la universidad, le encanta dibujar, tiene una serie de blogs sólo con los bocetos de criaturas extrañas, de otro mundo, ¿será que tiene una gran imaginación? Sale con su mejor amiga Zuzana, rompe con un novio tras descubrir que se lió con otra… nada fuera de lo normal. Ah, y también es capaz de hablar muchos idiomas pero no porque haya estudiado a fondo para aprenderlos; le crece el pelo de color azul porque así lo deseó; y conoce a cuatro monstruos quimera como si fueran su propia familia… Bueno, lo reconozco, Karou no es una chica normal.

    Pero Karou siente que falta algo, siente un gran vacío constante, no consigue desentrañar el misterio de su existencia, ¿quiénes son esas quimeras que han estado ahí toda su vida? ¿Hay más de esos seres extraños o son individuos únicos e irrepetibles? ¿Por qué no tiene una familia humana como todo el mundo? ¿Por qué Brimstone, el, digamos, líder, la manda a distintos puntos del planeta a conseguir dientes de todas las especies imaginables? ¿Para qué necesita tanto marfil y tanto hueso? ¿Quién es ella realmente? ¿Por qué tiene unos extraños tatuajes en las palmas de las manos desde que tiene memoria? Y, ¿cómo ha terminado ahí?

    De pronto, empiezan a ocurrir sucesos extraños, unos seres increíblemente hermosos marcan con su fuego especial las puertas que conducen a la casa de las quimeras de Karou, los “portales”. Y en uno de los encargos de Brimstone, llama la atención de uno de ellos, un ángel de ojos naranjas. Casi oía la canción de Amaral en mis oídos: “Que son demonios tus ojos de fuego cuando se clavan en los míos.” Ella le percibe como un ser frío y vacío, que la mira con una indiferencia tal que siente un miedo inmediato. Y en ese incidente casi pierde la vida.

    Después de aquello Karou consigue burlar la vigilancia de su familia quimera y atravesar la otra puerta de la casa, la que nunca jamás le han permitido cruzar… y no da crédito a lo que ve. Cuando Brimstone la descubre, la echa a cajas destempladas, con violencia pero también con miedo en su mirada, para no volver. Ahora es huérfana y los portales han desaparecido. Karou debe descubrir qué ha pasado y cómo puede volver a ver a su familia y, en el camino, va desempolvando misterios largamente olvidados y encontrando respuestas a sus preguntas existenciales.

    El libro es romántica juvenil pero debo decir que está muy bien escrito y muy bien desarrollado. Es consistente y adictivo. La autora nos va ofreciendo pequeños misterios y pequeños descubrimientos, respondiendo a varios interrogantes pero abriendo muchos más. Poco a poco vamos entendiendo todo, el origen de Karou, la aparición de los ángeles, la desaparición de las quimeras. Me ha sorprendido muy gratamente. De hecho, me ha parecido más romántico que muchos de romántica. Es amor puro, amor del bueno. No hay escenas hot explícitas, de hecho, son bastante light pero el amor impregna cada hoja y no necesita en absoluto de escenas de cama continuas y gráficas como tantas novelas del género.

    El ángel, Akiva, siente la necesidad de conocer a esa joven de pelo azul y no cesa hasta encontrarla. Hay algo en ella que le atrae irreversiblemente, el impulso de tocarla es irresistible y aunque sabe que ella le odia porque sospecha que tiene algo que ver con la desaparición de su familia y que son “enemigos”, no puede evitar acercarse a ella y tratar de descubrir quién es en realidad. Porque los tatuajes que tiene en las manos él los reconoce al instante, y el collar de huesos que lleva en el siguiente encuentro… también.

    Debo reconocer que siento debilidad por los personajes monos y Akiva cumple todas mis expectativas, es un héroe a la altura de Karou. Ambos me dan la esperanza de que hay vida más allá de Crepúsculo en la romántica juvenil aunque reconozco que no es un género que yo lea demasiado. Son personajes muy bien delineados y con múltiples facetas, son personajes que evolucionan, que tienen fondo y que tienen vida.

    El final es muy inesperado y me dejó con ganas de más. Espero con ansias el segundo libro de la trilogía, Days of blood and starlight, es una continuación que veo muy necesaria porque, aunque se resuelven muchos misterios en este volumen, la misión de Karou no ha terminado. Es un libro con una trama muy original, con sucesos imprevisibles y sorprendentes, con una protagonista de armas tomar pero con personalidad y con un héroe que no está diciendo que es peligroso para ella constantemente, sino que la ama con sinceridad y con todo su corazón y lo muestra sin tapujos y sin esconder lo que siente.

    Nota: 9. Noviembre parece que está muy lejos, NECESITO el segundo libro YA.

    Is this helpful?

    Moonlight said on Jul 12, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Kate Walker Reviews: Daughter of Smoke and Bone

    Daughter of Smoke and Bone. An intriguing title indeed. I had read conflicting reviews on this book in the run up to its official release; some reviewers were essentially spewing rainbows over how good the book was, others were not so forthcoming. ...(continue)

    Daughter of Smoke and Bone. An intriguing title indeed. I had read conflicting reviews on this book in the run up to its official release; some reviewers were essentially spewing rainbows over how good the book was, others were not so forthcoming.

    The chunkiest and, frankly, most intimidating novel in my post-Christmas to-be-read pile, I put it off until I'd run out of books to read and had a good, free weekend to tackle it in.

    Well, a weekender it was not. It follows the story of the seventeen year old artist Karou as she struggles to balance a life in Prague with a life... well, Elsewhere, becoming embroiled in a complicated struggle between teenage life, magic, angels and chimerae.

    Despite the time it took me to read, and the days when my boyfriend asked "Do you like it?" and I repeatedly felt compelled to respond with an agonised "I don't knooooow.", I still have come to the conclusion that I very much enjoyed Taylor's book. While it did stumble into a few of the standard YA pitfalls, Daughter of Smoke and Bone did not fail to deliver in style and substance.

    The main pitfall was the whole beautiful baddie thing that writers are so fond of. I'm getting to quite miss the villains that look like they ran for the bus and caught it with their face or appear as if their mother mated with some kind of genetically mutated sheep creature. How much is it to ask for a good old villain that doesn't want to get into our protagonist's pants and betray everything they ever stood for? That, my friends, is not character progression; that is a serious lack of dedication to your cause.
    So, my only real gripe is Akiva. Ever wary of the pretty male counterpart, I disliked him for a myriad of reasons that I won't bore you with, mostly because I will get shouted down by his cheerleaders. That isn't to say that I rooted for Karou's slimy ex Kaz any more than I did Akiva; I was just hoping we'd reached a point in YA literature where romance wasn't the driving force behind the whole plot. Daughter of Smoke and Bone doesn't need a sappy love story; the wonderful tale of the war between the Seraphim and the Chimerae carries the whole book beautifully and I would have liked more focus on the battle aspect rather than the whole 'stomach butterflies' deal. (Plus, Akiva quite readily inhabited the current trope of 'creepy as hell stalkery boyfriends are the best kind of dedicated life partner!' which I did not appreciate.)

    At times, I found the style a little pretentious and hard to work through. I think that Taylor is often over-poetic and purple prose happens to be an enormous turn off for me when it comes to novels. The twist was obvious but still appreciated, though I'm not sure if the whole flashback thing worked for me.

    The main thing that I enjoyed was the use of the angel lore and the revenant concept. To me, at least, Brimstone's particular line of work was new and certainly unique, and a welcome revelation after spending so much of the book wondering about the purpose of teeth, as they seemed to be so important yet so ubiquitous in Karou's life. Definitely enjoyed the wishes, also, though it took me a chapter or two to remember the hierarchy! (Scuppies, Shings, Lucknows, Gavriels... what was it again?)

    Is this helpful?

    Kate Walker said on Jun 12, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Tanto tempo fa un angelo e un diavolo si innamorarono. Non finì bene.

    La Chimera di Praga. Come poter descrivere questa opera di Laini Taylor? Semplicemente dicendo che è uno dei migliori libri che ho letto nel 2012!
    Karou è una studentessa d'arte ...(continue)

    Tanto tempo fa un angelo e un diavolo si innamorarono. Non finì bene.

    La Chimera di Praga. Come poter descrivere questa opera di Laini Taylor? Semplicemente dicendo che è uno dei migliori libri che ho letto nel 2012!
    Karou è una studentessa d'arte di 17 anni, che vive a Praga. Ha un’amica fidata Zuzana, disegna nel tempo libero ed il suo ex-fidanzato, Kazimir, la tormenta.. Ma dietro tutto questo, Karou ha un segreto.
    Perché lei è stata adottata, o meglio è stata cresciuta da dei mostri, delle chimere. Presa sotto l’ala protettiva di Sulphurus, la ragazza viaggia attraverso porte magiche disseminate per il mondo per prendere gli ingredienti per i riti del padre adottivo, denti umani e animali. Quello che però la ragazza non sa è il motivo per cui vengono commerciati questi denti.
    Che cosa nasconde Sulphurus? La risposta a questa domanda le verrà fornita più avanti nella narrazione, da un essere angelico, Akiva, mandato dall’Alto per sigillare tutte le porte magiche, in modo tale che il mondo in cui vive Sulphurus sia distaccato dal mondo degli uomini.
    Una domanda che viene posta più volte da Akiva a Karou è “Chi sei?”. Una domanda a cui Karou non sa rispondere. Una domanda a cui la ragazza vuole trovare la risposta.
    Ma a chi crederà la ragazza? A Sulphurus e alle altre chimere che per lei sono state una famiglia, o ad Akiva, verso il quale prova un intenso coinvolgimento emotivo?
    Laini Taylor è riuscita a miscelare perfettamente alcuni temi mitologici con temi triti e ritriti .
    La combinazione del tema delle Chimere, mostri mitologici con parti del corpo di animali diversi, con il tema della lotta tra Bene e Male, angeli e demoni, rappresentati appunto dalle chimere, unito all’amore proibito e tragico fra Karou e Akiva, che rappresentano i moderni Romeo e Giulietta, è semplicemente perfetta e rivoluziona ognuno di questi semplici temi.
    Si perché non è la solita lotta tra Bene e Male. Qui semplicemente il male viene visto da un differente punto di vista, portando entrambe le fazioni ad avere dei pregiudizi gli uni verso gli altri.
    A tratti la narrazione è quasi poetica, l’ambientazione magica, nulla viene lasciato al caso: ogni singola parte del libro è legata ad un’altra in modo impeccabile e a mio avviso pochi autori sono in grado di intrecciare queste parti in maniera continua.
    La storia di Karou è toccante, e riesce a trasportarci in un mondo fatto di mistero, magia, dolore, sofferenza, solitudine ma anche sensualità ed amore. Sensualità provata dalla prima apparizione di Akiva, e amore provato nei confronti del padre adottivo, ma anche dell’angelo stesso. Insomma, come può un lettore non affezionarsi alla nostra protagonista?!
    Laini Taylor è riuscita a trasmettermi ogni singola sensazione provata dalla giovane ragazza, mi sono immedesimata talmente tanto in Karou che, proprio come lei, alcuni dettagli della sua vita si sono palesanti davanti a me quando ormai era troppo tardi.
    Il mondo che l’autrice ha creato è originale e allo stesso tempo intricato, insomma, va al di là della nostra immaginazione e proprio per questo lo considero il miglior libro che la Taylor abbia mai scritto!

    Is this helpful?

    Diletta Dike Brizzi said on May 20, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Arrivano le chimere..

    Karou è una studentessa di arte, vive a Praga e ha un passato misterioso alle spalle; neanche la sua migliore amica Zuzana conosce la sua famiglia o le sue origini. Vivendo da sola, Karou riesce a mantenere segreta la sua doppia vita, di cui i lunghi ...(continue)

    Karou è una studentessa di arte, vive a Praga e ha un passato misterioso alle spalle; neanche la sua migliore amica Zuzana conosce la sua famiglia o le sue origini. Vivendo da sola, Karou riesce a mantenere segreta la sua doppia vita, di cui i lunghi capelli blu e i tatuaggi sono solo un accenno: gli album da disegno della ragazza sono pieni di disegni di strane creature, dalle forme bizzarre e dai poteri incredibili. Ma nessuno sa che quei disegni in realtà sono dei ritratti. La famiglia di Karou è composta da chimere, esseri il cui corpo è composto da parti di animali diversi; cresciuta nel negozio magico di Sulphurus, Karou ha trascorso un’infanzia felice giocando con i serpenti di Sybilis e con la coda del Mercante dei sogni, avendo a disposizione infiniti parvix, desideri di basso livello. Crescendo, Karou ha iniziato a svolgere misteriose “commissioni” per il mercante, a causa delle quali si è spesso procurata delle ferite difficili da spiegare a Zuzana; il più delle volte Karou riesce a bilanciare le sue due vite, ma negli ultimi giorni le richieste di Sulphurus si fanno più frequenti, e con esse arriverà anche una scoperta terribile: i serafini sono sulle tracce del mercante, e la stessa Karou potrebbe rischiare la vita..

    Ho scoperto questo libro in un blog americano l’anno scorso, sono rimasta affascinata dalla trama ma anche dal titolo, dal suono così misterioso.. Daughter of smoke and bone ha un significato ben preciso, che viene colto dal lettore solo al termine della lettura; certo, anche La chimera di Praga è significativo, ma lo sento meno particolare..
    Comunque, la grande novità portata da questo romanzo sta nell’introduzione di un nuovo tipo ci creatura: la chimera. A differenza delle chimere “classiche”, queste hanno tutte una forma diversa e vivono in una città, con tanto di re; tra tutte, le chimere più particolari sono quelle altamente umane, con busto e testa umana. Strano vero? :)
    Mi è davvero piaciuto questo libro, oltre appunto alla figura delle chimere ho apprezzato il personaggio di Karou, la protagonista principale: sembra ormai abbandonata l’idea delle fanciulle indifese e questo libro non fa eccezione, Karou è decisamente in grado di difendersi da sola e di cavarsela in ogni situazione.
    Molto molto carina l’idea dei serafini che nascondono la vista delle loro immense ali grazie ad un incantesimo, se ne può vedere solo l’ombra.
    Le descrizioni sono molto accurate, specialmente quelle di Praga; bellissimi il Poison Kitchen (magari esistesse davvero!), il castello e il Ponte Carlo giusto per citare alcuni scenari.

    Lo consiglio assolutamente, a mio avviso è davvero un’ottima lettura! :D

    Is this helpful?

    Ilovebooksblog said on May 10, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (19)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • English Books
  • eBook 432 Pages
  • ISBN-10: 0316192147
  • ISBN-13: 9780316192149
  • Publisher: Little, Brown Books for Young Readers
  • Publish date: 2011-09-27
  • Also available as: Paperback , Hardcover , Others
  • In other languages: other languages Libri Italiani
Improve_data of this book