De Profundis

di | Editore: Feltrinelli
Voto medio di 2749
| 506 contributi totali di cui 284 recensioni , 221 citazioni , 0 immagini , 1 nota , 0 video
Il De Profundis è una lunga lettera a Lord Alfred Douglas, il giovane amato da Wilde, scritta nei primi mesi del 1897 nel carcere di Reading dove Wilde si trovava da quasi due anni per il reato di sodomia.
È l'opera che ci permette di accostarci
...Continua
Zinonno
Ha scritto il 25/09/18
Leggere questa lunga lettera di Wilde è fondamentale per uscire dall'equivoco nato dalla lettura dei soli aforismi, cioè dall'idea di un Wilde cinico e votato solo al piacere. In queste pagine si vede tutta la profondità e il romanticismo del suo ani...Continua
Monica FattiFurbetta
Ha scritto il 11/10/17

Poverino. Anche i geni possono essere sottoni

Serena's
Ha scritto il 16/06/17

non ce la posso fare, è troppo deprimente

Mrs Darcy of the...
Ha scritto il 16/04/17
Parto plurigemellare
Mi dispiace non trovarmi d'accordo con molti altri ma io questo libro ho faticato tantissimo a finirlo. Si riesce a intuire che in carcere Wilde non aveva nulla da fare, nemmeno mangiare arance, dato che ha scritto questa chilometrica lettera all'amo...Continua
LelaCosini
Ha scritto il 08/04/17
chi è causa del suo mal
Una lunga, lunghissima lettera che Wilde scrive per il caro Bosie quanto per se stesso, per ricordare a entrambi che il rapporto problematico che hanno avuto è scaturito dalla sua mancanza di polso nei confronti di un ragazzino sfacciato, violento e...Continua

Silvia Piscopo
Ha scritto il Aug 10, 2013, 10:55
Quel che è una cosa dipende dal mondo in cui la guardiamo. «Là dove gli altri» dice Blake «non vedono che l'alba spuntare sopra la collina, io vedo i figli di Dio che gridano di gioia.» [...] Ciò che si spiega davanti a me ora, è il mio passato. Devo...Continua
Pag. 189
Silvia Piscopo
Ha scritto il Aug 10, 2013, 10:49
pito questo, non hai capito nulla dell'amore. [...] Ricorda anche che debbo ancora conoscerti. Forse dobbiamo ancora conoscerci. Per te, ho ancora quest'ultima cosa da dirti. Non temere il passato. Se la gente ti dirà che è irrevocabile, non crede...Continua
Pag. 188
Silvia Piscopo
Ha scritto il Aug 10, 2013, 10:49
In passato, tra noi è sempre esistito un abisso [...] ora, tra di noi, c'è un abisso ancora più grande, l'abisso del dolore: ma [...] all'amore tutto torna facile. [...] Vorrei sapere da te perché non hai fatto lo sforzo di scrivermi [...] quando sap...Continua
Pag. 187
Silvia Piscopo
Ha scritto il Aug 10, 2013, 10:46
Ma la natura, le cui dolci piogge cadono sul giusto e sull'ingiusto in egual maniera, avrà recessi tra le rocce ove potrò nascondermi e celate valli nel cui silenzio potrò piangere indisturbato. Appenderà le stelle nella notte perché io possa andare,...Continua
Pag. 186
Silvia Piscopo
Ha scritto il Aug 10, 2013, 10:45
Devi guardare indietro, ora, con meraviglia, ai giorni in cui avevi nelle tue mani l'intera mia esistenza. Anch'io mi volgo a guardarli con meraviglia e con altre diversissime emozioni.
Pag. 183

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Biblioteche...
Ha scritto il Apr 18, 2016, 15:47
823.8 WIL 6409 Letteratura Inglese

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi