De eenzaamheid van de priemgetallen

By

Uitgever: Cargo

3.4
(26835)

Language: Nederlands | Number of Pages: 304 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , English , Spanish , Portuguese , Catalan , French , Chi traditional , Finnish , German , Chi simplified , Polish

Isbn-10: 902343496X | Isbn-13: 9789023434962 | Publish date: 

Also available as: Others

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Teens

Do you like De eenzaamheid van de priemgetallen ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 2

    È innegabile che il libro si faccia leggere in modo scorrevole e piacevole. La letteratura è tuttavia altra cosa: è narrazione e stile. Questo libro sembra più la traccia per un film. Non c'è una idea ...doorgaan

    È innegabile che il libro si faccia leggere in modo scorrevole e piacevole. La letteratura è tuttavia altra cosa: è narrazione e stile. Questo libro sembra più la traccia per un film. Non c'è una idea stilistica di fondo, o una pretesa di originalità poetica. Il merito del libro in questione è questo: tratta la spinosa tematica dell'autismo senza cadere in semplificazioni e stereotipi fuorvianti.

    gezegd op 

  • 2

    tanto rumore....

    .... per poco
    Capisco in parte il clamore suscitato per questo libro quando uscì. In effetti si inserisce in un filone abbastanza di moda negli ultimi anni: adolescenti esageratamente e poco credibilm ...doorgaan

    .... per poco
    Capisco in parte il clamore suscitato per questo libro quando uscì. In effetti si inserisce in un filone abbastanza di moda negli ultimi anni: adolescenti esageratamente e poco credibilmente problematici, genitori ebeti e assenti, storie senza grossi obbiettivi.
    E in effetti le due solitudini dei protagonisti riflettono questa moda.
    Ho trovato i personaggi abbastanza "finti" e poca introspezione sul dolore che portano dentro, poco credibili nelle loro esagerate manie o intenzione di auto punirsi.
    Prosa decisamente semplice e scorrevole, con qualche frasetta a effetto.
    Alla fine ho forse preferito l'altro libro di Giordano

    gezegd op 

  • 0

    Una solitudine forzata

    Ho recentemente letto la solitudine dei numeri primi attratta dalla fama del libro e dal titolo originale, ma come molti altri sono rimasta delusa. Già fin dai primi due capitoli la storia si apre con ...doorgaan

    Ho recentemente letto la solitudine dei numeri primi attratta dalla fama del libro e dal titolo originale, ma come molti altri sono rimasta delusa. Già fin dai primi due capitoli la storia si apre con il parallelismo tra le vite di due personaggi, Alice e Mattia. Come suggerisce il titolo, l'unico vero protagonista di questo libro è la solitudine, una solitudine perpetua, buia e logorante che finisce per attaccarsi anche al lettore. La sua ubiquità finisce però per renderla quasi irreale. Evidentemente Giordano voleva passarci la difficoltà di queste vite a rialzarsi dalla loro solitudine, ma anche sotto questo punto di vista il romanzo è inconcludente poichè non ci mostra neanche la volontà di Alice e Mattia di reagire.
    La potenza della loro solitudine non passa al lettore perchè, come per evidenziare il buio c'è bisogno di luce, anche questa loro solitudine per sopravvivere avrebbe bisogno di qualche raggio di speranza. Ciò che manca in questo libro è un equilibrio, oltre che tra i sentimenti dei personaggi anche tra il rapporto di questi con la realtà. Mentre si legge questo libro è difficile innamorarsi di uno o dell'altro personaggio in quanto ciascuno di loro è rappresentato come i suoi problemi e il suo unico sentimento. Nessun personaggio, seppur notando la loro situazione, reagisce per aiutarli, ma anzi vengono quasi contagiati. Più che soli questi personaggi sono morti.
    Un romanzo delicato, si, ma talmente dedicato da non riuscire a passare sotto la pelle del lettore. Le parole si posano su di lui come un velo di polvere persistente e pesante. Alla fine del libro l'unica preoccupazoine è quella di toglierlo.

    gezegd op 

  • 1

    TERRIBILE

    Una noia mortale. Non so come abbia fatto a leggerlo tutto, in ogni caso è così poco coinvolgente che nemmeno ricordo bene la trama.. Decisamente sopravvalutato!!

    gezegd op 

  • 0

    Un libro letto da molti... ma piaciuto a pochi!

    Ho recentemente letto La solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano, sapendo che è un libro molto famoso mi sono incuriosita e l'ho cominciato. La prima parte racconta appunto gli episodi di parten ...doorgaan

    Ho recentemente letto La solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano, sapendo che è un libro molto famoso mi sono incuriosita e l'ho cominciato. La prima parte racconta appunto gli episodi di partenza di tutto l'intreccio, dove i protagonisti sono bambini. Mattia, durante una festa di compleanno, abbandona la gemellina ritardata in un parco per non essere costretto a passare tutto il pomeriggio con lei. Alice, invece, durante una vacanza in montagna finisce fuori pista e fa un brutto incidente. Si rompre una gamba e questo la porta a diventare zoppa per sempre. A questo punto possiamo dire che inizia la "seconda fase" della storia, ovvero l'adolescenza dei due ragazzi. Alice e Mattia non sono normali, lui è profondamente depresso e si autolesiona, mentre lei smette di mangiare e si ammala di anoressia. Tutto questo viene condito con una serie di amicizie malate che non fanno che peggiorare la situazione. Frequentando la stessa scuola, Mattia e Alice finiscono per incontrarsi e diventare amici. Questa amicizia si rivela duratura, ma davvero strana... e arriviamo alla "terza fase" del libro, ovvero l'età adulta. Sostanzialmente non succede niente, a parte il fatto che per alcuni anni Mattia si trasferisce in Germania. Non voglio rivelare la parte finale del libro, ma anche qui non succede praticamente niente. Ho trovato questo libro estremamente piatto e noioso. Forse la prima parte si salva, ma da quella che poteva essere una bella storia con il giusto pretesto, è nato un aborto. Non capisco cosa Paolo Giordano volesse accendere nel lettore con questo libro. Ho tentato di vedere anche il film ad esso ispirato sperando che fosse un po' più "frizzante", ma non c'è stata via di scampo... SCONSIGLIO VIVAMENTE LA LETTURA DI QUESTO LIBRO

    gezegd op 

  • 1

    [DISCLAIMER] Questo commento nasce da un'esigenza ironica e non vuole screditare né il libro né l'autore né gli altri lettori [/DISCLAIMER]

    La solitudine del mio neurone al termine del libro. ...doorgaan

    [DISCLAIMER] Questo commento nasce da un'esigenza ironica e non vuole screditare né il libro né l'autore né gli altri lettori [/DISCLAIMER]

    La solitudine del mio neurone al termine del libro.

    gezegd op 

  • 1

    L'inutilità... fatta libro!

    Sostanzialmente un libro inutile.
    Personaggi inutili, storia non sviluppata come meritava, finale inutile all'ennesima potenza! Non ho capito dove Giordano pensava di poter accompagnare il lettore... ...doorgaan

    Sostanzialmente un libro inutile.
    Personaggi inutili, storia non sviluppata come meritava, finale inutile all'ennesima potenza! Non ho capito dove Giordano pensava di poter accompagnare il lettore... sostanzialmente, questo libro è una tragedia dalla prima all'ultima pagina.
    Non c'è speranza, non c'è la scintilla, non c'è nulla!
    #delusioneestrema

    gezegd op 

  • 3

    "La solitudine dei numeri primi" affronta tematiche particolari. La colpa, la diversità, l'anoressia, il senso di inadeguatezza nei confronti degli altri. E lo fa attraverso gli episodi della vita di ...doorgaan

    "La solitudine dei numeri primi" affronta tematiche particolari. La colpa, la diversità, l'anoressia, il senso di inadeguatezza nei confronti degli altri. E lo fa attraverso gli episodi della vita di due adolescenti, che crescendo si portano appresso il loro bagaglio di dubbi e incertezze. Il libro in sè è scorrevole e piacevole, però sono rimasta un pò delusa perchè tutto il clamore suscitato, Premio Strega 2008, tutto il passaparola che si è fatto l'ho riscontrato poco nella storia in sè. E' stato per talmente tanto tempo in cima alle classifiche dei libri più letti, e quindi anche dei più venduti credo, che mi ero creata delle aspettative maggiori rispetto alla storia che invece ho letto.

    gezegd op 

Sorting by
Sorting by