Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Zoek Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

De volmaaktheid van het tijdelijke

By

Uitgever: Prometheus

3.8
(4670)

Language:Nederlands | Number of Pages: 302 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , Spanish , English

Isbn-10: 9044616889 | Isbn-13: 9789044616880 | Publish date: 

Translator: Rob Gerritsen

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like De volmaaktheid van het tijdelijke ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 5

    Un giallo investigativo vero e proprio per l'avvocato Guerrieri che se la cava davvero egregiamente a vestire i panni del "Montalbano" di turno, che si fa irretire dalla bella del momento col rischio ...doorgaan

    Un giallo investigativo vero e proprio per l'avvocato Guerrieri che se la cava davvero egregiamente a vestire i panni del "Montalbano" di turno, che si fa irretire dalla bella del momento col rischio di farsi sviare dalle indagini e non cogliere "quel" particolare illuminante e decisivo.
    Davvero bella la scelta del titolo che mi piace riassumere con questa citazione:
    " ...ero in bilico fra il non più della mia vita di ragazzo e il non ancora della mia vita di uomo. Era una striscia sottile, euforica e provvisoria. Era bello starci, su quella striscia. E solo quello che è provvisorio è perfetto."

    gezegd op 

  • 3

    Sono felice di aver seguito il consiglio del librario che mi ha proposto “Le perfezioni provvisorie” per fare la conoscenza di Gianrico Carofiglio.
    E’ stata una sorpresa, mi è piaciuto molto. Ben sc ...doorgaan

    Sono felice di aver seguito il consiglio del librario che mi ha proposto “Le perfezioni provvisorie” per fare la conoscenza di Gianrico Carofiglio.
    E’ stata una sorpresa, mi è piaciuto molto. Ben scritto, scorrevole, semplice eppure coinvolgente.
    La storia “gialla” che viene dipanata in maniera soft ha avuto un finale tanto logico che ci potevo arrivare da sola, ma ero troppo coinvolta nel seguire la quotidianità dell’avv. Guido Guerrieri. Ho imparato a conoscere questo personaggio diventato avvocato senza tanta convinzione né sacro fuoco per la verità, che continua a svolgere la professione con fatica, con tanti dubbi e titubanze e anche con lucida consapevolezza sul “ mondo della giustizia” nel quale deve agire. Non è un eroe, non è tutto di un pezzo, è un uomo.
    E’ un libro di svago ma ho trovato vari concetti ben espressi da approfondire come, per esempio :
    “Nadia dopo avergli raccontato la storia della sua travagliata vita chiede “Pensi che ti abbia raccontato tutta la verità?”
    “Nessuno dice mai tutta la verità, soprattutto se parla di se stesso. Ma se mi fai una domanda simile significa che in qualche modo già lo sai e ci sei stata attenta. Probabilmente mi hai raccontato qualcosa di molto vicino alla così detta verità.”
    Non ci avevo mai pensato ma riflettendo penso sia proprio vero. Nessuno di noi dice tutta la verità forse non riusciamo nemmeno a distinguerla con chiarezza o è davvero troppo difficile o pericoloso “scoprirsi” completamente.
    Quando si è disturbati da persone o da pensieri troppo pesanti o difficili da sopportare si ha bisogno di respiro :
    “Mi dissi che dovevo rifugiarmi in un nascondiglio zen della mia mente e cancellare gli stimoli provenienti dal mondo esterno. Mi dissi che così facendo, prima che riuscissi a rendermene conto, sarebbe tutto finito.”
    In questo caso si parla di una persona fastidiosa che se ne andrà ma anche per riposare la mente per un poco da pensieri ingombranti può essere una tecnica valida.

    gezegd op 

  • 3

    Ok tutto, ma Mike Patton lasciamolo perdere

    Il libro in sé non è male e mi ha anche abbastanza appassionato, scritto anche discretamente, al netto di una trama abbastanza prevedibile, ma Mike Patton "hip hop di quello tosto" fa cadere sinceram ...doorgaan

    Il libro in sé non è male e mi ha anche abbastanza appassionato, scritto anche discretamente, al netto di una trama abbastanza prevedibile, ma Mike Patton "hip hop di quello tosto" fa cadere sinceramente le braccia; va bene tutto, ma le bestemmie meglio risparmiarsele.

    gezegd op 

  • 4

    Sempre in gamba l'avvocato Guerrieri

    Ecco un altro libro molto bello avente come protagonista l'avvocato Guido Guerrieri, stavolta fuori dai tribunali e con un compito alquanto inconsueto: scoprire qualcosa su una ragazza misteriosamente ...doorgaan

    Ecco un altro libro molto bello avente come protagonista l'avvocato Guido Guerrieri, stavolta fuori dai tribunali e con un compito alquanto inconsueto: scoprire qualcosa su una ragazza misteriosamente scomparsa.
    La trama è semplice ma ben articolata e la narrazione piacevole; come sempre, ai fatti riguardanti il "caso" in oggetto si mescolano le vicende professionali e sentimentali del protagonista.
    E poi, come sempre, fa da sfondo all'azione la città di Bari con una presenza tale che fa venire voglia di visitarla a chi, come me, non c'è mai stato.
    Dulcis in fundo, è geniale la trovata con cui Guerrieri risolve il caso, ispirata (come scrive lo stesso autore) al re del giallo, Sir Arthur Conan Doyle.

    gezegd op 

  • 0

    Il genere non perde mai fascino e presa presso i lettori. Intendo il poliziesco, perdonatemi la semplificazione, quello in cui l’eroe solitario risolve il caso. L’uomo, in questo casi un avvocato pena ...doorgaan

    Il genere non perde mai fascino e presa presso i lettori. Intendo il poliziesco, perdonatemi la semplificazione, quello in cui l’eroe solitario risolve il caso. L’uomo, in questo casi un avvocato penalista, deve essere senz’altro solo. Da Sherlock Holems ad August Dupin, la famiglia e la vita normale ed ordinaria è bandita per queste figure letterarie. E così dev’essere, perché le idee migliori vengono di sera, davanti ad un bicchiere di vino in perfetta solitudine o sfogando la propri energia prendendo a pugni (e conversando con) il “sacco”. Che sia la voce narrante di Philipe Marlowe nella California degli anni 30, o l’avvocato Jake Brigance nell’America degli anni 80 di John Grisham (ma la lista è infinita); o per l’appunto la voce di un penalista barese, che ascolta i Velvet Underground e Bruce Springsteen, legge Alan Bennet, compra libri alla Feltrinelli, vota a sinistra e qua e là mollta giù qualche suo pensiero notturno.. Insomma, ha tutto per piacere. O per essere sottilmente antipatico.

    gezegd op 

  • 4

    Provvisoriamente perfetto

    L'avvocato Guerrieri che si improvvisa investigatore è una bella variante sul tema. Un po' telefonato il finale ma la storia fila bene.

    gezegd op 

  • 4

    31-2014

    Decisamente apprezzo come scrive Carofiglio. Pulito, razionale, descrittivo ma senza inutili fronzoli. In breve come avrei voluto scrivere io se mai avessi tentato la carriera di scrittore. Le perfezi ...doorgaan

    Decisamente apprezzo come scrive Carofiglio. Pulito, razionale, descrittivo ma senza inutili fronzoli. In breve come avrei voluto scrivere io se mai avessi tentato la carriera di scrittore. Le perfezioni provvisorie narra un'altra vicenda dell'avvocato Guerrieri, a metà tra cronaca giudiziaria e thriller, con splendidi scorci di Bari e riflessioni post-quarant'anni. Consigliato.

    gezegd op 

Sorting by
Sorting by