Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Dea del caos

Di

Editore: Fratelli Frilli editori

3.5
(6)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 246 | Formato: Altri

Isbn-10: 8875631158 | Isbn-13: 9788875631154 | Data di pubblicazione: 

Ti piace Dea del caos?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Mah

    Non mi ha colpito particolarmente soprattutto il finale mistico e che si conclude in maniera del tutto irrealistico.
    Le basi di partenza, ricordiamo che si tratta del sequel di Nero Italiano, non sarebbero neanche male: l'Italia divisa, trame neo fasciste, comunisti ormai ex.
    Però da ...continua

    Non mi ha colpito particolarmente soprattutto il finale mistico e che si conclude in maniera del tutto irrealistico.
    Le basi di partenza, ricordiamo che si tratta del sequel di Nero Italiano, non sarebbero neanche male: l'Italia divisa, trame neo fasciste, comunisti ormai ex.
    Però da metà in poi si perde in strane storie mistico-religiose.

    ha scritto il 

  • 3

    Meglio di quanto pensassi. L'autore infila eventi e personaggi storici in una linea storica alternativa, inserendoli a meraviglia. L'interesse è tale, per questo panorama, che quasi il plot perde importanza. Credo che una maggiore lunghezza avrebbe dato più opportunità alla vicenda, che rimane un ...continua

    Meglio di quanto pensassi. L'autore infila eventi e personaggi storici in una linea storica alternativa, inserendoli a meraviglia. L'interesse è tale, per questo panorama, che quasi il plot perde importanza. Credo che una maggiore lunghezza avrebbe dato più opportunità alla vicenda, che rimane un po' sacrificata, con una chiusura a saracinesca. Stile fluido, semplice; psicologie ben delineate, purtroppo troppo artificiali quelle femminili. Ottimo uso della "scenografia" cittadina. Lo consiglio.

    ha scritto il