Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Degli ebrei e delle loro menzogne

Di

Editore: Einaudi

3.6
(10)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 170 | Formato: Altri

Isbn-10: 8806138685 | Isbn-13: 9788806138684 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: A. Malena

Genere: History , Political , Religion & Spirituality

Ti piace Degli ebrei e delle loro menzogne?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Martin Lutero scrisse questo aspro e violento documento antisemita negli ultimi anni della sua vita. Si tratta di un saggio così duro da richiedere un commento che ne tenti una contestualizzazione, addentrandosi nell'intrico di violenza che ispirò quest'opera. Risulta allora fondamentale la ricostruzione che Adriano Prosperi fa dei rapporti del fondatore della Riforma con gli ebrei e più in generale dei rapporti fra il mondo cristiano e il mondo ebraico. Prosperi analizza poi l'enorme eco che il saggio ha suscitato nel mondo protestante dove l'antisemitismo si è rivelato ancora più tenace e devastante che nel mondo cattolico.
Ordina per
  • 4

    Cito, dall'introduzione di Adriano Prosperi :


    "Il 29 aprile 1946, davanti al tribunale internazionale di Norimberga, comparve tra gli imputati anche l'ombra di Lutero. La chiamata in correo venne da Julius Streicher, l'editore del foglio nazista "Der Stürmer". Alla domanda del suo difensor ...continua

    Cito, dall'introduzione di Adriano Prosperi :

    "Il 29 aprile 1946, davanti al tribunale internazionale di Norimberga, comparve tra gli imputati anche l'ombra di Lutero. La chiamata in correo venne da Julius Streicher, l'editore del foglio nazista "Der Stürmer". Alla domanda del suo difensore se in Germania ci fossero state altre forme di aggressione a mezzo stampa contro gli ebrei oltre a quelle da lui organizzate, Streicher rispose che per secoli la stampa antisemita aveva avuto toni antisemiti e che, se l'accsa avesse preso in considerazione un certo libro di Lutero, lo stesso dottor Lutero avrebbe dovuto sedere al banco degli accusati."

    ha scritto il