Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Dei delitti e delle pene

Con il commento di Voltaire. Ediz. integrale

Di

Editore: Newton Compton (Grandi tascabili economici)

4.4
(11)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 125 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8854134244 | Isbn-13: 9788854134249 | Data di pubblicazione: 

Prefazione: Roberto Rampioni

Genere: Fiction & Literature , Law

Ti piace Dei delitti e delle pene?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Pubblicato in forma anonima nel 1764, Dei delitti e delle pene di Cesare Beccaria rappresenta una tappa essenziale nell'evoluzione del diritto sostanziale e processuale penale, tanto da far considerare il suo autore uno dei fondatori della scienza della legislazione. Seguita in questa edizione dal famoso Commento di Voltaire, l'opera viene presentata da Roberto Rampioni, noto avvocato penalista italiano. Il merito di Beccaria consiste nell'aver condensato in modo organico e completo in questo piccolo rivoluzionario opuscolo tutte le critiche maturate nell'alveo del pensiero illuminista contro gli eccessi e gli orrori del pensiero inquisitorio del tempo, in particolare la tortura e la pena di morte. Le cronache giudiziare dei nostri giorni ci rendono consapevoli della straordinaria attualità dell'insegnamento autenticamente "liberale" di Beccaria.
Ordina per
  • 5

    “ciò che è giusto ch’io faccia è limitarmi ad auspicare che l’opera di questo filantropo venga riletta sovente”

    Ed io che pensavo di farmi del male iniziando la lettura di questo libro, per accompagnare lo studio del mio manuale di diritto penale. Ho pensato che sarebbe stato utile leggere l’opera intera ...continua

    Ed io che pensavo di farmi del male iniziando la lettura di questo libro, per accompagnare lo studio del mio manuale di diritto penale. Ho pensato che sarebbe stato utile leggere l’opera intera così da poter ricollegare tutte le varie citazioni sparse che si trovano nel mio testo. Devo dire che sono rimasta piacevolmente sorpresa. Certo non è un romanzo, ma è incredibilmente scorrevole, il linguaggio per nulla arcaico, di facile comprensione, e se non fosse per i frequenti rifermenti al potere regio potrebbe essere stato scritto oggi. È sicuramente questa la grandezza di Beccaria: l’infinita lungimiranza di aver scritto un testo su un argomento in continua evoluzione come il diritto che ancora oggi viene citato nei manuali di studio. Credo che non ci sia frase migliore di quella che ho messo come titolo, scritta da Voltaire nel suo commento che esprime la grandezza di quest’opera.

    ha scritto il