Delitto e castigo

Di

Editore: A. Mondadori (Oscar Grandi Classici 50)

4.5
(8583)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 686 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Spagnolo , Francese , Russo , Catalano , Portoghese

Isbn-10: 8804536306 | Isbn-13: 9788804536307 | Data di pubblicazione: 

Curatore: Serena Prina ; Postfazione: Pier Paolo Pasolini

Disponibile anche come: Copertina rigida , Tascabile economico , Cofanetto , Altri , Copertina morbida e spillati , Rilegato in pelle , eBook

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Filosofia

Ti piace Delitto e castigo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
"È il rendiconto psicologico di un delitto. Un giovane, che è stato espulso dall'Università e vive in condizioni di estrema indigenza, suggestionato, per leggerezza e instabilità di concezioni, da alcune strane idee non concrete che sono nell'aria, si è improvvisamente risolto a uscire dalla brutta situazione. Ha deciso di uccidere una vecchia che presta denaro a usura..." (Dostoevskij).
Ordina per
  • 5

    Mai mi stanco di rileggere questo romanzo di Dostoevskij. Un capolavoro nel quale si mescolano tematiche umane, le più diverse. Un percorso di crescita e di rinnovamento. Dopo i rimorsi, la paura, la ...continua

    Mai mi stanco di rileggere questo romanzo di Dostoevskij. Un capolavoro nel quale si mescolano tematiche umane, le più diverse. Un percorso di crescita e di rinnovamento. Dopo i rimorsi, la paura, la consapevolezza di ciò che di terribile si è commesso come possibilità di soluzione a problemi di indigenza, vi è infine l'accettazione di se stesso, la redenzione attraverso l'amore e l'espiazione della giusta pena. Quanto mai attuale!

    "Capitano a volte incontri con persone a noi assolutamente estranee, per le quali proviamo interesse fin dal primo sguardo, all'improvviso, in maniera inaspettata, prima che una sola parola venga pronunciata."

    ha scritto il 

  • 5

    Spettacolo!!!

    "Di Katerina Ivànovna, evidentemente, avevano perfin timore; gl’inquilini, un dopo l’altro, si aprirono un varco a ritroso verso l’uscio con quello strano intimo senso di soddisfazione che sempre si n ...continua

    "Di Katerina Ivànovna, evidentemente, avevano perfin timore; gl’inquilini, un dopo l’altro, si aprirono un varco a ritroso verso l’uscio con quello strano intimo senso di soddisfazione che sempre si nota, anche nelle persone più intrinseche, di fronte a un’improvvisa sciagura che accada al loro prossimo, e dal quale non un uomo va esente, senza eccezione, nonostante ogni più sincero sentimento di compassione e di simpatia"

    "Secondo me, se le scoperte di Keplero e di Newton, per qualche combinazione, in nessuna maniera avessero potuto divenir note agli uomini altrimenti che col sacrificio della vita di uno, di dieci, di cento persone e via dicendo, che impacciassero quella scoperta, o che si fossero messe sulla sua strada come un ostacolo, allora Newton avrebbe avuto il diritto, e sarebbe perfin stato in obbligo... di eliminare quelle dieci o cento persone, per far note le sue scoperte a tutta l’umanità. Da questo però non segue punto che Newton avesse il diritto d’ammazzare chi gli fosse saltato in mente, i primi venuti e i primi incontrati, o di rubare ogni giorno al mercato."

    "Avete già visto una farfalla davanti alla candela? Ebbene, ecco, lui mi girerà, mi girerà intorno di continuo, come intorno a una candela; la libertà cesserà di essergli cara, comincerà a farsi meditabondo, a intricarsi, s’intricherà da sé tutto quanto, come in una rete, e si travaglerà a morte!..."

    "Ma qui comincia ormai una nuova storia, la storia del graduale rinnovamento d’un uomo, la storia della sua graduale rigenerazione, del graduale passaggio da un mondo in un altro, della conoscenza con una nuova, finora assolutamente ignota realtà. Questo potrebbe costituire il tema d’un nuovo racconto, ma il nostro odierno racconto è finito."

    ha scritto il 

  • 5

    "Ma che la sera sia proprio umida." I dettagli che fanno grande uno scrittore.

    letto per la prima volta a quattordici anni, riletto più volte nel corso della mia vita.
    Questo brano non l'ho mai dimenticato.

    - Vi piace sentir cantare nella strada? - si rivolse d'un tratto Raskoln ...continua

    letto per la prima volta a quattordici anni, riletto più volte nel corso della mia vita.
    Questo brano non l'ho mai dimenticato.

    - Vi piace sentir cantare nella strada? - si rivolse d'un tratto Raskolnikiov a un passante non più giovane che gli era vicino, davanti all'organetto, e aveva l'aria di un bighellone. L'altro lo guardò stranamente e rimase stupito.
    - A me piace - seguitò Raskolnikov, con un aspetto come se parlasse di ben altro che dei cantanti girovaghi, - mi piace quando cantano accompagnati dall'organetto in una fredda sera d'autunno, scura e umida, ma che la sera sia proprio umida, quando i passanti hanno tutti delle facce livide da malati; o, meglio ancora, quando una neve fradicia vien giù dritta dritta, sapete, senza vento, e attraverso la neve brillano i lampioni del gas...
    - Non saprei... scusate... - mormorò quel signore, spaurito e dalla domanda e dallo strano aspetto di Raskolnikov, e passà dall'altra parte della via.

    Ecco, Scrittore anche d'atmosfere. Lo amo.

    ha scritto il 

  • 5

    “Chiunque infatti ha bisogno di un posto dove poter andare. Giacché c’è un momento in cui è assolutamente indispensabile andare in un posto qualsiasi!”

    ha scritto il 

  • 5

    E' un romanzo, è un giallo, è un libro di introspezione psicologica... è un libro da leggere!!

    Lessi per la prima volta questo libro in un periodo particolare della mia vita, quando ero uno studente impantanato in tediosi esami dell'università che si chiedeva se quanto che lo attendeva fosse "t ...continua

    Lessi per la prima volta questo libro in un periodo particolare della mia vita, quando ero uno studente impantanato in tediosi esami dell'università che si chiedeva se quanto che lo attendeva fosse "tutto qui". Impossibile quindi non rimanere stregati dal delirio di onnipotenza, ricondotto ad una umanissima pena, dello studente Raskolnikov.

    I personaggi sono tutti caratterizzati al meglio di quanto qualunque scrittore abbia mai fatto.
    La storia, a parte alcuni momenti di lentezza soprattutto all'inizio, è appassionante e ricca di colpi di scena.
    L'introspezione psicologica dei personaggi è ai massimi livelli di eccellenza della letteratura mondiale: vediamo i protagonisti, siamo nella testa dei protagonisti, i loro pensieri e stati d'animo sono descritti così bene che sembra di conoscerli meglio di noi stessi.

    Ogni volta che lo rileggo, mi sembra di vedere Raskolnikov nella penombra con in mano l'accetta con cui ucciderà la vecchia, ansimante dalla paura. E mi sembra di sentirlo mentre sibila freddo "Fili via!" all'interessato spasimante di sua sorella.

    Tanto è stato detto e scritto su questo libro, io dico solo una cosa: non credete che solo perchè è un classico sia un mattone. E' una lettura appassionante in cui non una sola pagina è lasciata al caso.

    ha scritto il 

  • 5

    Libro che dovrebbe essere in ogni libreria. Capolavoro assoluto di Dostoevski.
    Non mi dilungo oltre sulla trama per paura di poter anticipare dettagli, che in questo caso sono fondamentali nella pros ...continua

    Libro che dovrebbe essere in ogni libreria. Capolavoro assoluto di Dostoevski.
    Non mi dilungo oltre sulla trama per paura di poter anticipare dettagli, che in questo caso sono fondamentali nella prospettiva della narrazione psicologica.

    ha scritto il 

  • 5

    Da rileggere, rileggere e rileggere!

    Dostoevskij mi ha letteralmente stregata con questo romanzo, la cui lettura mi era stata vivamente consigliata. Sono rimasta affascinata da questa Pietroburgo brulicante di miseria e dall'intensità de ...continua

    Dostoevskij mi ha letteralmente stregata con questo romanzo, la cui lettura mi era stata vivamente consigliata. Sono rimasta affascinata da questa Pietroburgo brulicante di miseria e dall'intensità dello struggimento dell'anima che l'autore, da vero maestro, riesce non soltanto a comunicare ma persino a far provare su sé stessi con la sapienza della sua scrittura. Di Rodja, come di Sonja, è impossibile non innamorarsi; è una storia che fa riflettere, che spinge ad andare oltre, verso la vera conoscenza dell'uomo: è mai possibile perdonare un assassino, prendere le sue difese, offrirgli la possibilità di amare di nuovo? Tante volte, divorando le pagine di questo romanzo, me lo sono chiesto, eppure ho provato per Rodja un'immensa pietà. Eccezionale per la forma, sublime per il contenuto. Credo di poter ufficialmente affermare che delitto e castigo sia il più bel romanzo che abbia mai letto.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per