Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Delitto e castigo

By Fedor M. Dostoevskij

(1035)

| Mass Market Paperback | 9788811519560

Like Delitto e castigo ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

"È il rendiconto psicologico di un delitto. Un giovane, che è stato espulso dall'Università e vive in condizioni di estrema indigenza, suggestionato, per leggerezza e instabilità di concezioni, da alcune strane idee non concrete che sono nell'aria, s Continue

"È il rendiconto psicologico di un delitto. Un giovane, che è stato espulso dall'Università e vive in condizioni di estrema indigenza, suggestionato, per leggerezza e instabilità di concezioni, da alcune strane idee non concrete che sono nell'aria, si è improvvisamente risolto a uscire dalla brutta situazione. Ha deciso di uccidere una vecchia che presta denaro a usura..." (Dostoevskij).

1051 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    "la natura si corregge e si dirige, se no ci toccherebbe affondare nei pregiudizi"

    Is this helpful?

    Patrick Bateman said on Jul 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Riletto dopo più di trent'anni, è ancora un libro straordinario. Dostoevskij riesce ad analizzare le più piccole sfumature della psicologia di Raskolnikov e di tutti gli straordinari personaggi che gli girano attorno. Si vorrebbe non arrivare mai all ...(continue)

    Riletto dopo più di trent'anni, è ancora un libro straordinario. Dostoevskij riesce ad analizzare le più piccole sfumature della psicologia di Raskolnikov e di tutti gli straordinari personaggi che gli girano attorno. Si vorrebbe non arrivare mai alla fine del libro.

    Is this helpful?

    Marco said on Jul 20, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non è andato giù

    Quando ci metto parecchio a finire un libro è un chiaro segnale negativo. In se la lettura non è stata particolarmente pesante od ostica, ma tranne la parte relativa all'assassinio, il resto è stato tedioso e poco appassionante. Davvero non saprei di ...(continue)

    Quando ci metto parecchio a finire un libro è un chiaro segnale negativo. In se la lettura non è stata particolarmente pesante od ostica, ma tranne la parte relativa all'assassinio, il resto è stato tedioso e poco appassionante. Davvero non saprei dire cosa c'è di rilevante nelle 400 pagine posteriori al crimine, a parte infiniti personaggi (difficile per un non-russo riuscire ad associare nomi e soprannomi correttamente). Avevo apprezzato "Il giocatore", probabilmente perchè molto più breve.

    Is this helpful?

    Nico said on Jul 5, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Soffrire e piangere significa vivere

    Inserito apparentemente nel filone del romanzo giallo per la presenza di un duplice delitto, di indagini poliziesche, di personaggi malvagi che si muovono in quartieri degradati e squallide stanze, al centro di Delitto e Castigo, in realtà, ...(continue)

    Inserito apparentemente nel filone del romanzo giallo per la presenza di un duplice delitto, di indagini poliziesche, di personaggi malvagi che si muovono in quartieri degradati e squallide stanze, al centro di Delitto e Castigo, in realtà, c’è l’analisi introspettiva della coscienza umana in tutte le sue angosce, le sue incertezze, i suoi aspetti malati e i conflitti tra il bene e il male. Raskòl’nikov è lo studente che per risolvere i suoi problemi economici deruba e uccide un'anziana usuraia e sua sorella, macchiandosi del sangue di un doppio omicidio. Ritenendosi un essere superiore e al di sopra delle regole morali degli uomini comuni, pensa di poter facilmente giustificare l’assassinio di un individuo abietto come l’usuraio. Attraverso un’atmosfera febbrile, come da incubo e tormento, costruita con grande capacità ed esattezza di particolari, vi è l’incontro vertiginoso e continuo con tutte le emozioni dell’animo umano. Dietro al personaggio di Raskòl’nikov si cela il significato di una grande ambiguità: un ragazzo che si odia per il senso di superiorità che tanto ostenta e al contempo suscita compassione per il rimorso che, invece, gli lacera l’anima deperendone anche il corpo. Un fragile e insicuro che ha bisogno di commettere un gesto brutale per dimostrare a se stesso di essere qualcuno. Inseguito dal senso di colpa e da ripetute allucinazioni, è sempre al centro di fughe e correnti vorticose: frequenta ambienti poco raccomandabili entrando in contatto con ladri, ubriaconi e prostitute, esseri inferiori nei quali, però, scopre una ricca e insospettata dimensione umana. Il punto di vista è spesso all’interno del personaggio i cui pensieri vengono riportati tramite un monologo che si presenta come un discorso che la coscienza fa a se stessa. Un miracolo espressivo che arricchisce chi ne sfoglia le pagine. Un capolavoro della letteratura di tutti i tempi.

    Is this helpful?

    Martin Eden said on Jun 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    meraviglioso...emotivamente toccante, sembra di vivere in prima persona i conflitti interiori del protagonista...assolutamente da leggere

    Is this helpful?

    Simona said on Jun 21, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Pensavo meglio

    Dato la grandissima fama che ha questo libro, e il suo autore, mi aspettavo una lettura più travolgente invece l'ho trovato noioso da morire e molto confusionario (troppi nomi diversi per lo stesso personaggio).

    Is this helpful?

    Darietta91 said on Jun 15, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Margin notes of this book