Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Democrazia e istruzione

Non c'è libertà senza l'educazione

Di

Editore: EdUP

4.1
(20)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 95 | Formato: Altri

Isbn-10: 8884211174 | Isbn-13: 9788884211170 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: De Simone S.

Genere: Political

Ti piace Democrazia e istruzione?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Chomsky si interroga sul rapporto tra democrazia e istruzione e, soffermandosisulla tradizione libertaria di sinistra radicata nei valori dell'illuminismo,individua nell'istruzione una leva di cambiamento sociale. Non c'è democraziasenza educazione, non c'è società realmente libertaria e illuminata fin quandoil fine della produzione è una produzione di beni e non di esseri umaniliberi, reciprocamente associati in condizioni di uguaglianza, in cui non si èsolo spettatori ma partecipi.
Ordina per
  • 3

    una raccolta di discorsi e interviste di Chomsky sul tema dell'educazione e della pedagogia, continui rimandi alle idee di John Dewey e Bertrand Russell, due principi come la libertà e la creatività da apporre in sostituzione dell'indottrinamento, della gerarchia e della competizione. come non es ...continua

    una raccolta di discorsi e interviste di Chomsky sul tema dell'educazione e della pedagogia, continui rimandi alle idee di John Dewey e Bertrand Russell, due principi come la libertà e la creatività da apporre in sostituzione dell'indottrinamento, della gerarchia e della competizione. come non essere d'accordo e come non diffondere questo verbo... peccato che il libro, inteso come oggetto, sia di tuttaltro spessore, di tuttaltra qualità (plastificazione della copertina pessima, una valanga di refusi e una traduzione che fa acqua da tutte le parti), peccato...

    ha scritto il 

  • 0

    ha scritto un milione di cose interessanti e si e' fatto nemici illustri, chiaro lettore della politica americana ma a me interessa il suo approccio alla linguistica: e' il padre del generativismo.

    ha scritto il