Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Den stygga flickans rackartyg

By Mario Vargas Llosa

(2)

| Others | 9789113015927

Like Den stygga flickans rackartyg ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Sommaren 1950 i Miraflores i Peru träffar den femtonårige Ricardo Somocurico för första gången Lily och blir handlöst, hopplöst och hjälplöst förälskad i henne, trots att hon avvisar hans kärleksförklaringar. Ödet vill att han senare i livet kommer a Continue

Sommaren 1950 i Miraflores i Peru träffar den femtonårige Ricardo Somocurico för första gången Lily och blir handlöst, hopplöst och hjälplöst förälskad i henne, trots att hon avvisar hans kärleksförklaringar. Ödet vill att han senare i livet kommer att stöta ihop med den äventyrliga och trolösa Lily åtskilliga gånger. Varje gång faller han lika handlöst för henne, varje gång blir han lika sviken och bedragen av henne. Miljöerna är Paris under det politiskt radikala 60-talet, hippiekretsar i London, Castros Kuba, Tokyos undre värld och Madrids nattliv.

Den stygga flickans rackartyg är en rörande och vemodig krönika över en kärlekshistoria med förhinder, som samtidigt blir en berättelse om politik och erotik under 1900-talets senare hälft.

Mario Vargas Llosa, född i Peru 1936, har en lång rad prisbelönta och uppmärksammade romaner bakom sig. Han är numera bosatt i Madrid

420 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    Un romanzo d'amore - romantico, inesorabile, disperato, "eterno" - verso una mala nina, una donna che non si concede se non alla ricchezza, nel tentativo non sempre riuscito di superare la sua povertà iniziale, di rinnegare le sue origini. Una donna ...(continue)

    Un romanzo d'amore - romantico, inesorabile, disperato, "eterno" - verso una mala nina, una donna che non si concede se non alla ricchezza, nel tentativo non sempre riuscito di superare la sua povertà iniziale, di rinnegare le sue origini. Una donna avida, egoista, spietata, per la quale spesso si prova irritazione, se non antipatia netta; ma pure una donna che non si riesce a condannare del tutto. Forse perché il lettore diventa tutt'uno con il narratore della vicenda, l'uomo vittima dell'amor fou, e ne assume perciò il suo punto di vista, quasi irretito nelle maglie di questa donna formidabile, indomita e selvaggia, ma anche fragile, perché l'unico lusso che non può permettersi è quello di nutrire sentimenti: d'amore, di tenerezza, di generosità, di totale dono di sé.
    La scrittura è fluida, la trama ben intessuta e l'interesse tenuto sempre desto; qualche smagliatura, per me, sta, a volte, nei dettagli eccessivi, che rasentano l'osceno e in qualche descrizione che si ripete con gli stessi termini per più pagine.
    Il mio primo incontro con Vargas Llosa non è stato deludente, ce ne potrebbero essere altri...

    Is this helpful?

    Dedi said on Jul 14, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    "[lui]- Mi addolora che, per la prima volta nella tua vita, ami davvero qualcuno e che quello non sono io.
    [lei]- No, no, non è amore, - ripeteva, scuotendo la testa. - è più complicato, una malattia piuttosto, te l’ho già detto. Mi fa sentire viva, ...(continue)

    "[lui]- Mi addolora che, per la prima volta nella tua vita, ami davvero qualcuno e che quello non sono io.
    [lei]- No, no, non è amore, - ripeteva, scuotendo la testa. - è più complicato, una malattia piuttosto, te l’ho già detto. Mi fa sentire viva, utile, attiva. Ma non felice. E' come una possessione. Non ridere, non sto scherzando, a volte sento che sono posseduta [...]"

    Is this helpful?

    Cocconauta said on Jul 4, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    E' un'insolita storia d'amore che attraversa il tempo (dagli anni 50 alla fine degli anni 80 del Novecento) e i luoghi del mondo (Lima, Londra, Parigi, Tokio, Madrid), con i due protagonisti, il nino bueno e la nina mala, che si perdono e si ritrovan ...(continue)

    E' un'insolita storia d'amore che attraversa il tempo (dagli anni 50 alla fine degli anni 80 del Novecento) e i luoghi del mondo (Lima, Londra, Parigi, Tokio, Madrid), con i due protagonisti, il nino bueno e la nina mala, che si perdono e si ritrovano più volte.
    La scrittura è coinvolgente e ricca, inconfondibilmente sudamericana, ed i personaggi molto realistici e accattivanti, anche se a volte un po' sopra le righe.
    Un bel romanzo da leggere senza pregiudizi.

    Is this helpful?

    Romacanta said on Jun 25, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Peccato per lo schema un po' ripetuto della trama. Interessante l'ambientazione peruviana, personaggi ben costruiti e qualche spunto geniale ogni tanto (Archimedes ei frangiflutti). Scena di chiusura perfetta!

    Is this helpful?

    Maria Petracca said on Jun 9, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ancora una volta un libro molto piacevole, meravigliosa storia d'amore. Non sempre vince chi fugge!!!!!

    Is this helpful?

    Mcpan said on May 29, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    L'amore malato(?) del "niño bueno" Ricardo per la "niña mala" ovvero la ragazza cattiva, dai molteplici nomi ed identità, è il collante che tiene appiccicati alle pagine del libro (specialmente dalla seconda metà in poi). La storia d'amore possibile ...(continue)

    L'amore malato(?) del "niño bueno" Ricardo per la "niña mala" ovvero la ragazza cattiva, dai molteplici nomi ed identità, è il collante che tiene appiccicati alle pagine del libro (specialmente dalla seconda metà in poi). La storia d'amore possibile ed impossibile fra i due, è accompagnata da un quadro abbastanza accurato della storia e della cultura europea, sudamericana e giapponese degli anni '50 e '80 del XX secolo, ed in questo quadro Llosa dà anche risalto alle storie di amicizia che si intrecciano e legano spesso le persone immigrate da altri paesi, che si sentono stranieri sia nella patria d'adozione che in quella d'origine, come tante piante estirpate le cui radici, nonostante succhino la linfa vitale necessaria per vivere, non riescono più a piantarsi definitivamente nè in un luogo, nè nell'altro.

    Is this helpful?

    Zanna3 said on May 27, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book