Denti bianchi

Voto medio di 2318
| 261 contributi totali di cui 254 recensioni , 7 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Pech!
Ha scritto il 07/09/17
Una scoperta.
Il fatto che la Smith abbia pubblicato questo romanzo a soli 25 anni mi lascia basito. La storia è ricca di particolari e sfumature, i personaggi numerosi e ben definiti, c'è il giusto mix tra colpi di scena e ironia, i dialoghi sono bellissimi, ci s...Continua
ingrid
Ha scritto il 09/06/17
Noiosetto...
Temi importanti (migrazione, genetica, religione), trattati bene, anche con una acuta ironia che spezza un po' tematiche mai così attuali. Una lunga galleria di personaggi descritti ognuno in maniera personale e dettagliata senza mai decretare il ver...Continua
Maiolica
Ha scritto il 05/04/17
Denti guasti, denti che dolgono. Denti storti, deformi. Denti sani. Denti bianchi, dritti, perfetti. Denti finti. Radici solide, curate. Radici spezzate, estirpate, contorte, aggrovigliate. Radici lontane, dimenticate, rinnegate. Radici presenti. Rad...Continua
Jacobass2006
Ha scritto il 24/03/17
Nonostante una...
... sceneggiatura con dialoghi da sit - comedy ( che può aiutare a diluire quasi 600 pagine di saga ), non si può negare che i temi toccati lo siano potentemente. Immigrazione , genetica, fodamentalismi religiosi su tutti; ma poi anche storia, famili...Continua
Marozzi
Ha scritto il 06/03/17
uno di quei libri che a pagina 150 hanno già dato idea di sè e non la cambiano e non c'è evoluzione. una buona scrittura che resta buona ma non cresce, una certa ironia che si mostra identica dalla prima all'ultima pagina. insomma un libro carino che...Continua

Ōshima
Ha scritto il Mar 12, 2015, 21:09
L'aveva rivissuta nella mente, una bella donna sulla soglia di una stanza, con un'espressione che sembrava dire "affidati a me"; e si era reso conto di rimpiangere di non essersi affidato a lei. Se mai esisteva una seconda possibilità di rivedere un'...Continua
Pag. 24
Ōshima
Ha scritto il Mar 12, 2015, 20:57
Gli venne in mente che, per la prima volta da quando era nato, la Vita aveva detto Sì ad Archie Jones. Non un semplice "okay" o un "tanto-vale-che-vai-avanti-visto-che-hai-iniziato", ma una sonora affermazione. La Vita voleva Archie. La Vita l'aveva...Continua
Pag. 13
Ethel
Ha scritto il Feb 17, 2013, 13:11
Qualche mese prima, il giorno in cui Magid compiva nove anni, un gruppo di ragazzini bianchi molto carini e dai modi inappuntabili aveva suonato alla porta e chiesto di Mark Smith. «Mark? Non c'è nessun Mark, qui» aveva detto Alsana, chinandosi fino...Continua
Pag. 156
Ethel
Ha scritto il Feb 17, 2013, 11:51
«Ecco il punto! Non voglio essere un uomo moderno! Voglio vivere come sono destinato a vivere! Voglio tornare in Oriente!» «Ah, be'... lo vogliamo tutti, no?» mormorò Shiva, rimestando le cipolle e i peperoni nella padella. «Io me ne sono andato quan...Continua
Pag. 151
Ethel
Ha scritto il Feb 17, 2013, 09:20
Figli. Samad aveva accolto i figli come una malattia. Sì, ne aveva procreati volentieri due - volentieri quanto è possibile - ma non aveva fatto i conti con l'altra cosa. La cosa di cui nessuno ti parla. Questa cosa del "conoscere" i figli.
Pag. 131

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Aggiungi