Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Suchen Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Der Vorleser

By

Verleger: Diogenes Verlag AG

4.1
(2973)

Language:Deutsch | Number of Seiten: 206 | Format: Paperback | In einer anderen Sprache: (Andere Sprachen) English , Spanish , Chi traditional , Chi simplified , Japanese , Italian , French , Catalan , Dutch , Slovenian , Portuguese , Greek , Esperanto

Isbn-10: 3257229534 | Isbn-13: 9783257229530 | Publish date:  | Edition 6

Auch verfügbar als: Others

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , History

Do you like Der Vorleser ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Anmeldung kostenlos
Buchbeschreibung
Sorting by
  • 5

    "Siccome la verità di ciò che si dice è ciò che si fa, si può anche fare a meno di dire"

    Questo è un romanzo veramente difficile da commentare.

    E' una storia d'amore complicata...sghemba, improbabile, intensa, fatta di bagni, di odori e ... di letture...

    "Spesso io l'annusavo come un anim ...weiter

    Questo è un romanzo veramente difficile da commentare.

    E' una storia d'amore complicata...sghemba, improbabile, intensa, fatta di bagni, di odori e ... di letture...

    "Spesso io l'annusavo come un animale curioso, cominciavo dal collo e dalle spalle che sapevano di fresco, d'appena lavato, aspiravo tra i seni l'odore di sudore fresco, d'appena lavato che si mescolava nelle ascelle con l'altro odore, che poi trovavo allo stato quasi puro, pesante e oscuro, attorno alla vita e sul ventre e tra le gambe in una gradazione fruttata che mi eccitava, cosi' fiutavo anche le sue gambe e i suoi piedi, le cosce, dove quell'odore pesante si perdeva, le conche dei ginocchi con ancora un leggero odore di sudore fresco, e i piedi che sapevano di sapone o di cuoio o di stanchezza"
    "Il fatto di leggere ad alta voce era il mio modo di parlare con lei"

    E' una storia che parla di responsabilità di chi potrebbe salvare qualcuno e non lo salva...

    "Immaginati qualcuno che corre verso la sua rovina, deliberatamente, e tu sai di poterlo salvare: lo salveresti?[..]Immaginati semplicemente che l'imputato si vergogna"

    E' una storia che parla dell'importanza dell' istruzione... della cultura ... della lettura...

    "Analfabetismo significa minorità"

    E' una storia che parla di una vergogna inammissibile... Tanto inammissibile che pur di non svelarla ... si preferisce essere condannati per qualcosa che non si è commesso...

    "Sapevo anch'io quanto la vergogna possa esser causa di un comportamento elusivo, difensivo, dissimulatore e depistante, persino offensivo."

    E' una storia che parla di responsabilità delle azioni che si compiono nell'adempimento di un incarico... "Lei signor giudice (o signor lettore) cosa avrebbe fatto nei miei panni?"

    "Parlare genericamente di ciò che si deve fare e non si può fare e di quanto cio' possa costare, non rendeva giustizia alla serietà della domanda. Lei voleva sapere cosa avrebbe dovuto fare in quella situazione, non che esistono cose che si fanno e che non si fanno"

    E' una storia che parla di tradimenti... ma non di tradimenti in senso fisico... di quel tradimento cosi' terribile che è il rinnegare qualcuno...

    "Non avevo rivelato nulla di ciò che avrei dovuto tacere. Avevo taciuto ciò che avrei dovuto rivelare. Non l'avevo riconosciuta insomma. So che il tacito rinnegare è una variante poco appariscente del tradimento[..] Ma chi non ti riconosce apertamente, sa benissimo che non è cosi'. E cosi' il rinnegare priva la relazione del suo fondamento tanto quanto le varianti spettacolari del tradimento"

    E' una storia che parla di fughe... da se stessi... dall'assunzione di responsabilità, dal vivere la propria vita.

    "Fuggire, pero', non è solo scappare, ma anche arrivare"

    E' una storia che racconta come sia difficile definire una persona per i gesti che ha compiuto.

    "Io ho la continua sensazione che comunque nessuno mi capisce, che nessuno sa chi sono e cosa mi ha portata fin qui. E, sai, se nessuno ti capisce, allora nessuno ha il diritto di chiedere conto di cio' che hai fatto"

    E' un romanzo che parla della difficoltà di comprensione delle generazioni di tedeschi che seguono alle generazioni che hanno assistito o preso parte allo sterminio degli ebrei...

    "Al tempo stesso mi chiedo, e cominciai a chiedermelo già allora: ma cosa doveva farsene la mia generazione di nati dopo, delle informazioni sulle atrocità dello sterminio degli ebrei? Noi non dobbiamo pensare di poter comprendere ciò che è incomprensibile, non possiamo comparare ciò che è incomparabile, non possiamo indagare, perchè chi indaga sulle atrocità, anche se non le mette in discussione, ne fa comunque oggetto di comunicazione e non ottiene che qualcosa di fronte a cui può solo ammutolire per l'orrore, la colpa e la vergogna? [..] Ma che solo pochi venissero condannati e puniti e che noi, la generazione venuta dopo, ci trovassimo ammutoliti dall'orrore, dalla colpa, dalla vergogna: era giusto che fosse così?"

    E' una storia che parla del Terzo Reich... con uno sguardo inconsueto...

    E' una storia che pone interrogativi etici e morali di grande spessore...

    E' una storia che tiene incollati alle pagine.

    E' una storia scritta in modo crudo, asciutto, essenziale, incisivo. Duro.

    E' una storia da leggere. Assolutamente. Almeno per me.

    gesagt am 

  • 4

    Preciosa historia con un estilo que no me llena

    Me gusta la expresión "beberse un libro" y no devorarlo, porque no se mastica, no se hace pedazos: él te destroza a ti. En cambio al beberlo entra en ti, lo absorbes y se distribuye por todo tu cuerpo ...weiter

    Me gusta la expresión "beberse un libro" y no devorarlo, porque no se mastica, no se hace pedazos: él te destroza a ti. En cambio al beberlo entra en ti, lo absorbes y se distribuye por todo tu cuerpo, se hace sangre. Este libro lo he bebido y me ha hecho desangrarme. No sé realmente cuándo me di cuenta cuánto de mí tenía entre las páginas; supongo que cuando leí "la reconocí, pero no sentí nada. No sentí nada". Pensad en esa persona a la que no queréis, a la que no podríais llamar el amor de vuestra vida, pero sí la persona de vuestra vida. Pensar ahora en esa persona que os destroza, que se va y que, de pronto, reaparece y vosotros no podéis sino odiarla y buscarla al mismo tiempo. La persona con la que inventas un lenguaje secreto para comunicaros sin deciros nada, porque no hay más que decir, simplemente estar. ¿Coinciden todas esas personas con un solo nombre? Pues ahora llámala Hanna y llora todo lo que quieras con este libro.

    gesagt am 

  • 4

    Un sensibile e distaccato romanzo d'amore tedesco.

    Una storia d'amore che ci ricorda gli orrori del Terzo Reich mescolati al dopoguerra della Germania Ovest che si stava risollevando lentamente.
    Una storia struggente raccontata a se stesso dal protago ...weiter

    Una storia d'amore che ci ricorda gli orrori del Terzo Reich mescolati al dopoguerra della Germania Ovest che si stava risollevando lentamente.
    Una storia struggente raccontata a se stesso dal protagonista con la timidezza tipica degli uomini teutonici.
    Una continua ricerca del vero amore nell'impossibilità di poterlo di nuovo sentire, tra senso di colpa e visioni del bene e del male.

    gesagt am 

  • 1

    Rimasto perplesso dalla visione del film(due volte),decido di leggere l'opera dal quale è tratto.
    La sostanza non cambia,anche sul libro si leggono monconi delle tematiche che lo vorrebbero caratteriz ...weiter

    Rimasto perplesso dalla visione del film(due volte),decido di leggere l'opera dal quale è tratto.
    La sostanza non cambia,anche sul libro si leggono monconi delle tematiche che lo vorrebbero caratterizzare e l'unico risultato è un insipido minestrone,un pesce senza testa nè coda e finisce con l'essere fintamente riflessivo.

    gesagt am 

  • 5

    Straordinariamente coinvolgente, uno di quei libri che quando lo incominci non smetteresti più di leggere.. due vite parallele ma troppo lontane, una storia troppo difficile da vivere, la "vergogna" t ...weiter

    Straordinariamente coinvolgente, uno di quei libri che quando lo incominci non smetteresti più di leggere.. due vite parallele ma troppo lontane, una storia troppo difficile da vivere, la "vergogna" tedesca per un passato che non può passare.. un insieme di emozioni, un amore, mistero.
    Dal libro: “Gli strati della nostra vita sono così sedimentati l'uno sull'altro, che nel dopo incontriamo sempre il prima, non come qualcosa di eliminato, di liquidato, ma come un che di presente e vivo. Questo posso capirlo, eppure a volte lo trovo difficile da sopportare.”

    scritto il 30 giu 2009

    gesagt am 

  • 4

    淡淡的,但是本很不錯的書.不論是漢娜或是男主角,她們那種堅定又壓抑的個性,感覺起來真是非常的德國人.

    對於那段納粹的回憶,也不得不承認德國人真的是很勇於面對自己的過錯啊.

    gesagt am 

  • 4

    Originale e molto intensa la storia quì raccontata.
    Il libro è perfetto così, se fosse stato più introspettivo sarebbe risultato troppo pesante, però devo ammettere che, nonostante la buona narrazione ...weiter

    Originale e molto intensa la storia quì raccontata.
    Il libro è perfetto così, se fosse stato più introspettivo sarebbe risultato troppo pesante, però devo ammettere che, nonostante la buona narrazione ed il fatto che il libro a mio avviso sia perfetto così, è troppo poco introspettivo per me, quindi cinque stelle non riesco a dargliele.
    Il film invece è fatto molto bene, molto tagliato per vari motivi come è giusto che sia per una trasposizione cinematograficam ma con degli ottimi attori e fatto molto bene

    gesagt am 

  • 3

    L'Autore ha uno stile ed un linguaggio essenziali, asciutti, pur manifestando sensibilità verso i suoi personaggi; una sensibilità ed una capacità introspettiva affidata alla voce di una malinconico e ...weiter

    L'Autore ha uno stile ed un linguaggio essenziali, asciutti, pur manifestando sensibilità verso i suoi personaggi; una sensibilità ed una capacità introspettiva affidata alla voce di una malinconico e struggente Michael, la cui memoria e il cui cuore saranno pervasi per sempre dalla personalità forte e fragile al contempo di una donna che, con poche parole ma in modo penetrante, ha saputo svegliare in lui sensazioni e sentimenti unici, così forti da non poter essere sostituiti da nessun'altra donna.
    Avrei nondimeno preferito una maggiore intensità e una maggiore attenzione all'interiore di Hanna, motivo per cui è uno dei pochi casi in cui la narrazione in prima persona mi ha convinto poco.

    Il tema dello sterminio degli ebrei è affrontato con lucidità, senza banalità o frasi fatte.
    l'Autore - attraverso il protagonista - si interroga, chiedendosi/ci se esistano dei criteri morali oggettivi, assoluti, giusti, per giudicare coloro che hanno partecipato alla persecuzione, come coloro che erano addetti a sorvegliare, "smistare" gli ebrei forti (da adoperare nei lavori) separandoli da quelli "deboli" (destinati alle camere a gas): hanno "semplicemente" obbedito a ordini superiori, non mossi da odio personale verso le vittime del nazismo ma motivati unicamente dal "senso del dovere", coinvolti da una situazione storico-sociale più grande di loro, la cui enorme e drammatica portata era per essi difficile da comprendere, in quel momento, tanto da opporvisi?

    http://chicchidipensieri.blogspot.it/2013/12/recensione-voce-alta-read.html

    gesagt am 

  • 4

    Non a caso...

    ... ne è stato tratto un film. Bellissimo.
    Leggere il libro dopo avere visto la pellicola toglie qualcosa.
    Ma anche aggiunge, entra in maggiore profondità ed evidenzia le emozioni,lo smarrimento, le d ...weiter

    ... ne è stato tratto un film. Bellissimo.
    Leggere il libro dopo avere visto la pellicola toglie qualcosa.
    Ma anche aggiunge, entra in maggiore profondità ed evidenzia le emozioni,lo smarrimento, le difficoltà a capire dell'io narrante, del protagonista.
    Come è giusto che sia, una delle tante conseguenze disumanizzanti dell'olocausto, devasta pensiero e coscienze, anima e corpo e lascia dietro di sè solo cenere. E un pò di rispetto, anche per chi suo malgrado, ha compiuto molte delle sue terribili azioni quasi inconsapevolmente .
    E', comunque, un monumento all'espiazione che, nella sua esasperazione, quasi diventa un apologia dell'obbedienza ( ignorante ) a tutti i costi ad un regime spietato e sanguinario.
    Molto duro.

    gesagt am 

Sorting by