Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Destino

Di

Editore: Linee Infinite

3.2
(12)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 418 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8862470606 | Isbn-13: 9788862470605 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Science Fiction & Fantasy

Ti piace Destino?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Destino è un fantasy romance ambientato ai nostri giorni. Micaela pensa di essere una ragazza comune, ma nel giorno del suo diciottesimo compleanno scoprirà che non è così e la sua vita cambierà. Le verrà rivelato infatti, che possiede la capacità di guarire con il tocco delle mani e di incantare, con il suono della voce, le creature magiche e gli animali. Gli Elfi boschivi, che grazie alla preveggenza sono a conoscenza della sua esistenza e dei suoi doni, cercheranno di proteggerla dal popolo degli Oscuri che la cercano per catturarla e usare i suoi poteri per fini malvagi. Galdasor, principe degli Elfi, che invece vuole proteggerla e aiutarla a controllare e accrescere le sue doti naturali, deciderà di condurla nelle sue terre. Serevon, sovrano degli Oscuri, cercherà con ogni mezzo di ostacolare questa fuga e di catturare Micaela per dominare il mondo e soddisfare la sua brama di potere. Tra amicizie e tradimenti, inganni e colpi di scena, Micaela affronterà molte prove per aumentare i suoi poteri, sconfiggere gli Oscuri e vivere il suo sogno d’amore con Galdasor.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    Due stelline davvero regalate...

    Caro lettore/ cara lettrice, se per caso hai intenzione di leggere questa recensione, mettiti comodo, perché di cose da dire ne ho a bizzeffe. Se hai adorato questo libro, o sei amico intimo dell'autrice, non andare oltre queste prime righe: lungi da me l'intenzione di scatenare odio o rancore o ...continua

    Caro lettore/ cara lettrice, se per caso hai intenzione di leggere questa recensione, mettiti comodo, perché di cose da dire ne ho a bizzeffe. Se hai adorato questo libro, o sei amico intimo dell'autrice, non andare oltre queste prime righe: lungi da me l'intenzione di scatenare odio o rancore o di attirarmi accuse di "criticismo" e via dicendo. Ma dico già che la cosa che più mi ha stupito, è stata vedere delle recensioni a cinque stelline in cui si parlava di "finalmente un buon fantasy italiano". Beh, se questo è "un buon fantasy", io sono Babbo Natale e non oso immaginare quali altri "fantasy" abbia letto in precedenza chi ha scritto il commmento.

    Si comincia con "Il vento sussurrava diffondendo la notizia nel bosco", che ricorda tanto un "Il vento ululava nella notte, portando con sè un odore che avrebbe cambiato il mondo", tratto da un certo Eragon, di un tale Christopher Paolini. E si prosegue con "Tutto ebbe inizio il giorno del mio diciottesimo compleanno.(...) Non potevo sapere che la mia vita stava per cambiare drasticamente, una vita trascorsa finora in modo insignificante, anonimo e solitario e sarebbe cambiata in un modo che non avrei potuto immaginare nemmeno nei miei sogni più fervidi.". Un altro ricordo... di una certa Bella Swan, credo.

    continua qui: http://blog.libero.it/gocciaverde/?nocache=1364761751

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    Naaah...!!! Ma perché...?! Ma dai!

    Erano questi i quasi involontari commenti che sgorgavano in me durante la lettura di Destino, ove si narrano le vicende di una teenager sfigatella, complessata e un po' asociale (insomma, più o meno come si sente il 90% delle adolescenti) a cui un giorno viene rivelato di essere l'Eletta che salv ...continua

    Erano questi i quasi involontari commenti che sgorgavano in me durante la lettura di Destino, ove si narrano le vicende di una teenager sfigatella, complessata e un po' asociale (insomma, più o meno come si sente il 90% delle adolescenti) a cui un giorno viene rivelato di essere l'Eletta che salverà il popolo degli Elfi. E chi le fa questa rivelazione? L'arcangelo Gabriele? No! Un pezzo di marcantonio...pardon, di elfo, che sembra un modello appena uscito dalla sfilata della collezione primavera-estate di Giorgio Armani. Cotanta abbondanza - che ovviamente si innamora subito perdutamente della timida e impacciata protagonista (oh, va be', del resto è una favola, no?!) - la conduce nel suo regno dove l'aspettano mille avventure, fino al prevedibile e (giustamente) inevitabile "e vissero tutti felici e contenti". Al di là della mia solita becera ironia sulla trama, la delusione nasce soprattutto dal fatto che alcuni aspetti del romanzo li ho apprezzati moltissimo e il materiale grezzo per un buon fantasy c'era. Ho apprezzato l'intreccio, ricco e ben congegnato, con alcune situazioni davvero carine e, a tratti, lo devo ammettere, anche emozionanti. Ho apprezzato questa duplice prospettiva narrativa, in cui la voce di lei e quella di lui si rincorrono e si intrecciano. E' vero che a volte la cosa risulta un po' ridondante e, personalmente, trattandosi di narrazioni in prima persona, avrei preferito l'uso del presente a quello del passato per dare maggior impatto al racconto, ma comunque l'ho trovato un espediente simpatico e originale. Purtroppo, per quanto mi riguarda, le critiche positive finiscono qui. Perché sono troppi gli aspetti che ho trovato fastidiosissimi e che mi hanno quasi portata ad abbandonare la lettura. In primis, fattore veramente da orticaria: perché questo elfo di 300 anni (ben portati, eh!) deve parlare e soprattutto pensare come un teenager, anzi no, come UNA teenager, visto il tono melenso di alcune sue espressioni? Per non parlare poi di alcune descrizioni che lui fa di lei, di come è vestita, che fanno veramente scompisciare trattandosi di un uomo! Non era possibile pensare per questo personaggio uno stile linguistico un pelino più appropriato al contesto? Lo avrebbe reso anche più affascinante. E poi, tutto questo sesso! Per carità, edulcorato, ma i due non si risparmiano di certo. Sì, ok, dopo esser stati legittimamente uniti in matrimonio, udite, udite...da un prete! E non un prete elfico, ma un prete cattolico, fatto arrivare appositamente nella terra degli elfi! Ahahahah! La lunga mano del Vaticano è arrivata sin lì! Paura! :-D Tornando al sesso, io ho un'opinione, che ovviamente è personalissima e in quanto tale non condivisibile, riguardo al modo di parlarne nei romanzi. O si è dei così bravi autori capaci di creare situazioni ad alta sensualità senza descrivere esplicitamente una scena di sesso; o si è bravi a scrivere delle scene hot esplicite senza essere volgari...oppure è meglio lasciar perdere. Personalmente, in un romanzo di questo tipo, rivolto prevalentemente ad un pubblico di lettrici adolescenti/post-adolescenti, avrei preferito che la "consumazione" avvenisse più tardi e con meno reiterazioni (peraltro spesso inutili, brevi e mortalmente noiose). [Oh, comunque 'sto elfo si produce in una serie di prestazioni una di fila all'altra da far invidia a Mr Grey delle Sfumature! Ammazza! Qui la spiegazione è che gli elfi hanno bisogno di meno tempo degli umani per riposare...hihihihi!] L'elenco delle altre amenità sarebbe lungo e tedioso. Mi limito ad una che mi ha fatto sbellicare, quasi quanto quella del prete. La prima notte di nozze lui la spoglia. NB: lei è vestita secondo la foggia degli elfi. Ad un certo punto lui inizia a descrivere la di lei biancheria intima. Qui si parla di "slacciare il reggiseno" che oltretutto è di pizzo bianco! Ci mancava l'etichetta de "La Perla" per far tombola! Non riuscivo a smettere di pensare a dove si trovasse nella terra degli elfi la fabbrica di intimo... E il petrolio per produrre l'elastan da dove lo estraggono? L'epilogo, da Harmony di 4a categoria, rappresenta la (in)degna conclusione della vicenda. Se il romanzo fosse stato scritto da una teenager tutte queste ingenuità potevano essere accettabili, ma quando ho letto nei ringraziamenti finali che l'autrice è una donna adulta...gulp! Ripeto, peccato davvero che non siano state ben sviluppate le buone potenzialità della storia e della tecnica narrativa.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    0

    http://www.amazon.it/DESTINO-ebook/dp/B007X4UBUU/ref=pd_rhf_pe_p_t_1

    Ammetto che la cover di questo libro ha influito insieme al prezzo conveniente a farmi decidere per l'acquisto... nel complesso la storia è carina e scorrevole e il fatto che sia raccontata dal punto di vista di entrambi i protagonisti aggiunge sfumature e dettagli interessanti... quello che però ...continua

    Ammetto che la cover di questo libro ha influito insieme al prezzo conveniente a farmi decidere per l'acquisto... nel complesso la storia è carina e scorrevole e il fatto che sia raccontata dal punto di vista di entrambi i protagonisti aggiunge sfumature e dettagli interessanti... quello che però mi ha creato qualche difficoltà è stato il linguaggio molto "adolescenziale" adottato dai personaggi in cui ormai sono troppo grandicella per riconoscermi...

    http://libreriarosaitaliana.wordpress.com/2012/09/25/destino-di-sabrina-rizzo/

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Storia molto intrigante e ben scritta, finalmente un'autrice italiana che scrive qualcosa di decente di tipo fantasy.
    La storia racconta di una normale ragazza umana con le sue paure e le sue insicurezze che un giorno incontra nel bosco un ragazzo bellissimo e molto misterioso. Incipit che si rit ...continua

    Storia molto intrigante e ben scritta, finalmente un'autrice italiana che scrive qualcosa di decente di tipo fantasy. La storia racconta di una normale ragazza umana con le sue paure e le sue insicurezze che un giorno incontra nel bosco un ragazzo bellissimo e molto misterioso. Incipit che si ritrova in molti libri horror - fantasy di questo periodo, la novità sta nel fatto che invece di vampiri in questa storia fanno la loro comparsa gli Elfi. e si perchè il bel ragazzo è in realtà un principe elfico che è venuto a conoscere l'umana dai poteri "magici" (che lei non sapeva di avere). Da qui si snodano avventure e colpi di scena che portano all'inevitabile "e vissero felici e contenti". Libro che nel complesso mi è piaciuto, perchè scritto in modo semplice e chiaro. L'unica grande pecca è il continuo spostare il narratore da lui a lei e per descrivere sempre le stsse scene poi!!!! Ci si ritrova a perdere il filo del discorso facendo due passi avanti e poi al pieno della suspence tornare indietro per rivedere il tutto con gli occhi di un altro. Finale concluso in fretta e furia. Ma ripeto nel complesso ho amato i protagonisti della storia.

    ha scritto il 

  • 4

    A volte una persona comune può diventare molto speciale. E' quello che succede alla protagonista di questo romanzo fantasy che dovrà trovare la forza ed il coraggio di affrontare il suo destino per la salvezza non solo della specie umana ma anche quella di altre creature.
    La storia è narrata da ...continua

    A volte una persona comune può diventare molto speciale. E' quello che succede alla protagonista di questo romanzo fantasy che dovrà trovare la forza ed il coraggio di affrontare il suo destino per la salvezza non solo della specie umana ma anche quella di altre creature. La storia è narrata da due punti di vista, cosa molto interessante anche se a volte in alcuni punti può essere ripetiva, resta comunque una lettura scorrevole e piacevole. Unico punto che mi ha lasciata un po' delusa è stato lo scontro finale, mi aspettavo qualcosa di più "grandioso". Nel complesso la storia mi è piaciuta, specialmente la parte romantica del romanzo.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    La storia poteva essere carina e ricca di spunti, ma non è proprio piaciuto la scelta della doppia narrazione. All'inizio mi ha intrigato, riuscire a capire i pensieri di entrambi i protagonisti è stato interessante, poi con il proseguo della storia ho cominciato a saltare pezzi e pagine, lo so ...continua

    La storia poteva essere carina e ricca di spunti, ma non è proprio piaciuto la scelta della doppia narrazione. All'inizio mi ha intrigato, riuscire a capire i pensieri di entrambi i protagonisti è stato interessante, poi con il proseguo della storia ho cominciato a saltare pezzi e pagine, lo so che non andrebbe fatto, ma rileggere le stesse identiche scene appena lette dal punto di vista dell'altro protagonista, mi ha irritato non poco. Non vedevo l'ora di giungere alla fine per arrivare al climax della storia, ma differentemente dalle altre parti che sono descritte nei minimi particolari, le prove finali di Micaela per diventare Eletta e la battaglia finale sono stringatissime, dando l'impressione che si vuole chiudere il libro il più velocemente possibile. 2 stellette e 1/2

    ha scritto il