Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Detti e contraddetti

By Karl Kraus

(82)

| Others | 9788845900723

Like Detti e contraddetti ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

28 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    L'aforisma non coincide mai con la verità; o è una mezza verità o una verità e mezza.

    Da leggere due, tre o quattro volte. Come scrive il curatore Roberto Calasso: si consiglia il lettore di leggerli una prima volta senza preoccuparsi di ...(continue)

    L'aforisma non coincide mai con la verità; o è una mezza verità o una verità e mezza.

    Da leggere due, tre o quattro volte. Come scrive il curatore Roberto Calasso: si consiglia il lettore di leggerli una prima volta senza preoccuparsi di rimandi e allusioni, affidandosi alla loro forza; ma sarà molto utile se li leggerà una seconda volta andando a cercarne, ove possibile, l'occasione. Che poi è quello che si auspica lo stesso Kraus.

    Ogni aforisma di Kraus è una sassata. Bam! Secca e precisa. Morale, arte, linguaggio, etc. Ma non sempre è diretta. Anzi, quasi mai. Ed è difficile a volte seguirne tutti i rimbalzi, dalla mano al bersaglio. Per questo vanno ri-letti già alla prima lettura. Soprattutto per comprenderne fino in fondo l'attualità intrinseca.

    Is this helpful?

    Meon said on Oct 12, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Un aforisma dovrebbe saltare la realtà con un solo passo. Essere una verità o una verità e mezza..."

    Cit.

    Is this helpful?

    [gioh87] said on May 20, 2013 | Add your feedback

  • 5 people find this helpful

    Per questo libro ringrazio Robi e Rena che me lo regalarono una decina di anni fa.

    21.10.2012
    Oggi c’è un bellissimo articolo su Kraus, ne Il Sole24ore.

    A proposito di due suoi libri Essere uomini è uno sbaglio (Einaudi) e Non c’è niente da ridere (Piano B), che sono in uscita o sono usciti da poco.
    Maestro in punta di fioretto, g ...(continue)

    21.10.2012
    Oggi c’è un bellissimo articolo su Kraus, ne Il Sole24ore.

    A proposito di due suoi libri Essere uomini è uno sbaglio (Einaudi) e Non c’è niente da ridere (Piano B), che sono in uscita o sono usciti da poco.
    Maestro in punta di fioretto, grande produttore di aforismi. “”Se avesse scritto Il capitale, lo avrebbe fatto in tre righe.”” Ed è un elogio.
    Di sé stesso, in questo libro “” Ci sono certi scrittori che riescono ad esprimere già in venti pagine cose per cui talvolta mi ci vogliono addirittura due righe””.
    Ma i suoi bersagli preferiti sono giornalisti, psicoanalisti, politici e, in generale, la società benpensante e baciapile, anche quella che sembra controcorrente. Nei confronti poi dell’Austria, pur amandola, ha l’atteggiamento che avrà, più tardi, Bernhard. Vienna come la natura matrigna di Leopardi.

    Ferruccio Masini (germanista) consigliava di meditare due volte al giorno, a digiuno e prima di coricarsi sull’aforisma “”Destinato in origine al commercio, di fatto finì per dedicarsi alla letteratura”” ed eventualmente rovesciarlo nel suo contrario.

    Qualcuno dice che la Vienna dell’inizio del Novecento era molto interessante, piena di personaggi culturalmente vitali. Ed è vero.
    Ma atteso ciò che è accaduto (la storia serve anche a questo) mi ha sempre ricordato il fenomeno del “risveglio del moribondo” per il quale chi è in punto di morte, sta improvvisamente meglio, si sveglia, parla, riconosce, diventa quasi allegro. Il momento in cui la Vita dà il suo addio.

    Conoscevo uno che teneva la cultura nel taschino del gilet perché c’era più posto lì che nella testa.

    Is this helpful?

    Anina e "gambette di pollo" said on Oct 21, 2012 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    «Società: erano presenti tutti quelli che dovevano esserci e che altrimenti non saprebbero a che serve vivere, se non appunto a essere presenti.»

    «Tutta la vita dello Stato e della società è fondata sul tacito presupposto che l'uomo non pensi. Una t ...(continue)

    «Società: erano presenti tutti quelli che dovevano esserci e che altrimenti non saprebbero a che serve vivere, se non appunto a essere presenti.»

    «Tutta la vita dello Stato e della società è fondata sul tacito presupposto che l'uomo non pensi. Una testa che non si offra in qualsiasi situazione come un capace spazio vuoto non avrà vita facile nel mondo.»

    «Nulla di più incomprensibile dei discorsi della gente a cui il linguaggio non serve a nient'altro che a farsi capire.»

    «Non tutto ciò che viene passato sotto silenzio vive.»

    «L'uomo politico è conficcato nella vita, non si sa dove. L'esteta fugge dalla vita, non si sa dove.»

    «La parola scritta dovrebbe essere il farsi corpo di un pensiero secondo la necessità naturale e non l'involucro di un'opinione secondo l'opportunità sociale.»

    «Il pensiero è figlio dell'amore. L'opinione è riconosciuta nella società borghese.»

    «Bisogna leggere due volte tutti gli scrittori, i buoni e i cattivi. Si riconosceranno i primi, si smaschereranno i secondi.»

    Is this helpful?

    Il tarlo said on Mar 24, 2011 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (82)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Others 373 Pages
  • ISBN-10: 884590072X
  • ISBN-13: 9788845900723
  • Publisher: Adelphi
  • Publish date: 1972-01-01
  • Also available as: Paperback , Hardcover
Improve_data of this book