Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Dhalgren

By Samuel R. Delany

(26)

| Softcover | 9780375706684

Like Dhalgren ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

In Dhalgren, perhaps one of the most profound and bestselling science fiction novels of all time, Samuel R. Delany has produced a novel "to stand with the best American fiction of the 1970s" (Jonathan Lethem).

Bellona is a city a Continue

In Dhalgren, perhaps one of the most profound and bestselling science fiction novels of all time, Samuel R. Delany has produced a novel "to stand with the best American fiction of the 1970s" (Jonathan Lethem).

Bellona is a city at the dead center of the United States. Something has happened there…. The population has fled. Madmen and criminals wander the streets. Strange portents appear in the cloud-covered sky. And into this disaster zone comes a young man–poet, lover, and adventurer–known only as the Kid. Tackling questions of race, gender, and sexuality, Dhalgren is a literary marvel and groundbreaking work of American magical realism.

13 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Un capolavoro

    Come un sogno che rimane sempre presente nella nostra memoria visiva e nel nostro immaginario.

    Is this helpful?

    Gabriel said on Jul 22, 2014 | Add your feedback

  • 20 people find this helpful


    Dhalgren è un libro fantasmagorico e coraggioso del 1974.
    Mi ha dato l'impressione di essere stato scritto in totale assenza di vincoli o di imposizioni editoriali - consta di 900 pagine e non ha un destinatario preciso. L'autore, che nel '68 aveva ...(continue)


    Dhalgren è un libro fantasmagorico e coraggioso del 1974.
    Mi ha dato l'impressione di essere stato scritto in totale assenza di vincoli o di imposizioni editoriali - consta di 900 pagine e non ha un destinatario preciso. L'autore, che nel '68 aveva 26 anni e una certa idea rivoluzionaria del mondo, ha una tale padronanza della scrittura da essersi spinto a inventare un nuovo stile, ottenendo un risultato eccezionale. L'effetto più immediato è un'assoluta libertà espressiva, che conferisce al testo un ritmo molto naturale, quella specie di flemma di chi non ha un'occupazione urgente e se ne va a zonzo seguendo i propri pensieri - fermandosi eventualmente se il caso si frappone al vagabondaggio - una sorta di trip psichedelico, probabilmente simile alle visioni che avevano i Led Zeppelin o Jim Morrison, quando alle canzoni non era ancora imposta una durata “discografica”. Come in un quadro di Escher, si avvicendano percorsi impossibili, paradossi temporali e riflessioni metalinguistiche, con cui Delany cerca di esprimere l'indicibile.

    E' stato classificato nella categoria della fantascienza ma gli effetti speciali sono ridotti al minimo.
    Con l'escamotage della parziale perdita di memoria del protagonista – giovane poeta guerriero di madre indiana (d'America) - la vicenda viene ambientata in una strana distopico-utopica città americana – Bellona – di cui non si sa niente se non quello che, mentre procede la narrazione, il ragazzo sperimenta direttamente come un macchinista pazzo che, distrutto il passato, ricostruisce il presente.
    E' una città isolata, oppressa da un'atmosfera cupa, in cui dominano i colori grigi, dove non splende mai il sole e la luce è data dai pochi lampioni che ancora funzionano o dagli incendi che divampano qua e là, dove il fumo invade ogni più remoto recesso, in cui la maggior parte degli edifici è disabitata e dove i pochi abitanti che si incontrano sono per lo più giovani che vivono in comunità, dove non serve lavorare perché non c'è bisogno di comprare niente - in alcuni supermercati si trovano ciclicamente scorte di cibo -, dove molti appartamenti in condizioni abitabili sono ancora disponibili ma si può dormire anche nei parchi, all'aperto, dove chiunque fa l'amore con chiunque, per passatempo, fuori da qualsiasi etica, una città in cui tutti sono affascinati dalle poesie del protagonista, dove lo scorrere del tempo è percepito in modo soggettivo e in cui viene pubblicato un quotidiano che riporta date arbitrarie e incoerenti, dove non esiste nessun ordine costituito ma esistono gruppi di scorpioni, un serraglio spettrale di ragazzi con al polso gli unici oggetti fantascientifici di tutto il libro – le orchidee - una sorta di bracciali con lame che, oltre ad essere delle armi, servono a proiettare un ologramma che circonda la persona, nascondendola in un fascio di luce caleidoscopico.

    E' un libro che costringe a riflettere perché niente va come ci si aspetta, dove sarà proprio quel ragazzo sconclusionato, che all'inizio sembra uno sprovveduto perdigiorno, a diventare pian piano il leader carismatico dell'intera comunità. E sarà ancora lui, poeta per caso, solitamente di così poche parole, spesso distratto e apparentemente inconsapevole di tutto, a svelare al giornalista del Times che lo intervista e non lo capisce, il senso più profondo delle sue poesie fatte di visualizzazioni tanto vivide con un linguaggio tanto semplice, nelle quali ha cercato di costruire un'illusione complicata nella catalisi linguistica, un alkahest cristallino e cosciente.

    Per me sono proprio queste incongruenze, le prospettive diverse, certe intuizioni, le domande irrisolte, la fisicità degli stati d'animo, il fatto che sfuggano certi significati, a far venire voglia di mettersi alla ricerca delle cose che non esistono, di indovinare il futuro dai fondi del caffè, di tornare neonati per perdere la memoria, di seguire il filo di Arianna per vedere in faccia il Minotauro, di scoprire chi sia Dhalgren e poi trovare un libro di poesie di qualcuno o sarà il

    dubito di tutto
    il ragazzo non ricorda il proprio nome
    In principio era il verbo [cit]

    Is this helpful?

    Melinda said on Dec 7, 2013 | 8 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    La luna è precipitata sulla terra, ovvero: Quando si viene abbandonati a se stessi non si può che cadere in preda alla propria umanità.

    Dimmi cosa ti scandalizza e ti dirò il luogo che proprio non potrai fare a meno di visitare, per prenderti tutti i piaceri dello scandalo. Con ogni probabilità, quale che sia il tuo debole per lo scandalo, io ti indicherò la città di Bellona.

    Perc ...(continue)

    Dimmi cosa ti scandalizza e ti dirò il luogo che proprio non potrai fare a meno di visitare, per prenderti tutti i piaceri dello scandalo. Con ogni probabilità, quale che sia il tuo debole per lo scandalo, io ti indicherò la città di Bellona.

    Perché a Bellona non regna più nessun conformismo - beh, nessuno: il minimo possibile, ecco - perciò tutto è scandaloso, per chi viene da fuori.
    Per chi c'è già dentro, anche se ci è arrivato da qualche giorno, ogni cosa è normale come più non si può. E sarebbe scandalizzato da come continua, fuori da Bellona, un mondo molto più che scandaloso: indecente, psicotico, mortuario. Se ci pensasse, ecco. Ma da Bellona non fuoriesce neanche il pensiero.
    O ci si vive o la si diserta.

    Un grosso nero stupratore diventa la divinità mitica della città che avendo rotto i ponti con la società, ha rotto anche le sue repressioni. Ci sono manifesti ovunque del suo corpo sessualmente dotato. Se ne volete uno, potete andarlo a chidere alla Reverenda. Però poi non uccidete vostro fratello, come ha fatto - o non ha fatto?... - June. Normale che un vagabondo scalzo a metà diventi un poeta dimenticandosi di chi fosse, prima. Normale fare l'amore con una donna e con un ragazzo contemporaneamente, spingendo lei in lui e lui in lei e spingendosi e lasciandosi spingere da entrambi.
    Adesso le catene sono a vista sui corpi nudi, e brillano.

    Chi sono i pazzi? Gli abitanti di Bellona o quelli del mondo? O più correttamente: chi lo è di più e meglio?

    Il romanzo di Delany è un capolavoro a più dimensioni. C'è la politica, la religione, la sessualità, la morte. C'è la tragica satira del mondo. Incendia la psiche, come la città anarchica in cui si è trasformata, offre un ritratto possibile - e credibile - dell'umanità quando non si sente più tanto osservata, controllata, "normalizzata".
    Una umanità che impara a ineducarsi e a prendersi tutte le gioie e gli orrori della sua liberazione.

    Is this helpful?

    Coda said on Jan 7, 2013 | Add your feedback

  • 6 people find this helpful

    Credo che il valore di un libro, per chi lo legge, stia nel quanto sia capace di continuare a lavorare nella sua memoria. Confesso: leggendolo, ed anche dopo averlo chiuso dopo l'ultima pagina, la mia prima impressione 'a caldo' è stata di grandissim ...(continue)

    Credo che il valore di un libro, per chi lo legge, stia nel quanto sia capace di continuare a lavorare nella sua memoria. Confesso: leggendolo, ed anche dopo averlo chiuso dopo l'ultima pagina, la mia prima impressione 'a caldo' è stata di grandissima perplessità. Molti lati rimasti oscuri, molte domande che rimangono fatalmente irrisolte e destinate a rimanere tali. Ma oggi, a distanza di anni, debbo ammettere che da quel libro (che è narrazione, ma anche un viaggio, anche un'esperienza) non sono ancora uscito. E qui sta tutta la grandezza di questo romanzo. Che è immenso.

    Is this helpful?

    carloesse said on Feb 7, 2012 | 3 feedbacks

  • 8 people find this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    In una grande città degli Stati Uniti una catastrofe misteriosa ha stravolto ogni equilibrio. Isolata dal resto degli States, abbandonata a se stessa, Bellona è priva di ogni autorità e restìa ad ogni logica. Segni misteriosi e inspiegabili appaiono ...(continue)

    In una grande città degli Stati Uniti una catastrofe misteriosa ha stravolto ogni equilibrio. Isolata dal resto degli States, abbandonata a se stessa, Bellona è priva di ogni autorità e restìa ad ogni logica. Segni misteriosi e inspiegabili appaiono in cielo (due lune, un sole gigante, fulmini al rallentatore) senza che se ne conosca l'origine. Eventi naturali? Mano dell'uomo?
    Il Kid, un protagonista che non ricorda nè il suo nome, nè il suo passato, se non di una vaga pazzia, piomba nella città ed inizia a conoscerne la fragile struttura sociale: una comune hippy che vive nel parco, una gang violenta che fa razzie per la città (gli scorpioni), un isolato "sindaco" che pubblica un giornale, un lontano monastero. Senza struttura sociale tutti sono chiamati a scoprire quello che vogliono, tutto è possibile.
    C'è chi difende la propria proprietà a fucilate, chi organizza una scuola o una religione, chi fa finta di continuare la vita di sempre, chi segue ogni rapido istinto, chi scrive poesie.
    Il sesso avvolge ogni cosa: eterosessuale, omosessuale, di gruppo. Il Kid diventa il capo degli scorpioni e il membro di un terzetto bisex. Diventa l'eroe della città, pubblica il suo libro di poesie, ferisce, rapina, ossequia, devasta. E riflette sui suoi strani vuoti di memoria, sul rapporto che ha con le parole, mai sul futuro.
    In una città priva di tutto manca ogni riferimento per costruire una scala di valori, ogni possibilità di afferrare un meglio e un peggio, un alto e un basso.
    Sgangherate riflessione filosofica, metafora delle filosofie anni '70, apocalissi sospesa, geniale contaminazione. Un po' di tutto.
    Un testo sovrabbondante, denso ed evanescente, un'impresa epica e piena di difetti, una scrittura a tratti sciatta, soluzioni adolescenziali, eppure inquietanti. Un'opera folle da buttare e da rileggere. E poi Dhalgren. Ma chi cazzo è Dhalgren?

    Is this helpful?

    Chik67 (Expectore) said on May 12, 2011 | 7 feedbacks

  • 2 people find this helpful

    La città di Bellona è la casa degli specchi dove si riflettono tutte le metropoli, nel cui ventre in decomposizione covano i germi delle rivoluzioni e dell'eterna giovinezza. Irritante, sublime. Un cosmo. Uno stanzino asfittico. Un groviglio di contr ...(continue)

    La città di Bellona è la casa degli specchi dove si riflettono tutte le metropoli, nel cui ventre in decomposizione covano i germi delle rivoluzioni e dell'eterna giovinezza. Irritante, sublime. Un cosmo. Uno stanzino asfittico. Un groviglio di contraddizioni. Linguaggio impreciso, eppure costantemente teso. La bellezza delle imperfezioni.

    Is this helpful?

    Uiuisa said on Jan 15, 2011 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Groups with this in collection