Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Dialogo sul cinema, la vita, la vodka

By Aki Kaurismäki,Peter von Bagh

(52)

| Others | 9788876380792

Like Dialogo sul cinema, la vita, la vodka ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

L'appassionato dialogo tra due amici, Peter von Bagh e Aki Kaurismäki, uno dei registi più amati e geniali del nostro tempo. Parlano di cinema e di arte, della Finlandia, della vodka, del senso delle cose. Ridono, divagano, si raccontano aneddoti per Continue

L'appassionato dialogo tra due amici, Peter von Bagh e Aki Kaurismäki, uno dei registi più amati e geniali del nostro tempo. Parlano di cinema e di arte, della Finlandia, della vodka, del senso delle cose. Ridono, divagano, si raccontano aneddoti personali. Come conversando di notte in auto o in un bar, ripercorrono tutti i film del regista, svelando dettagli e significati inediti. Da La fiammiferaia a Leningrad Cowboys, da Ho affittato un killer a L'uomo senza passato, fino al recente Le luci della sera, Aki e Peter danno vita a un confronto sull'amore e sul mestiere del cinema, paragonabile per intensità e interesse a quello tra Alfred Hitchcock e François Truffaut.

5 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    "ho detto loro che se volevano potevano esprimere tutto il furore e il dolore della regina di Saba, a patto che lo facessero solo con il sopracciglio sinistro, senza smuovere nient'altro, a parte il pubblico."

    Is this helpful?

    Sergio said on Sep 15, 2011 | Add your feedback

  • 4 people find this helpful

    dialogo sul cinema, la vita, la vodka (fra Kaurismäki e Von Bagh)

    "In me c'è un 60% di esistenzialismo, un 20% di comunismo, un 10% di ecologismo di sinistra e un 10% di anarchia. Tutto il resto è acqua e normale socialdemocrazia"

    Aki Kaurismäki è figlio del cinema scandinavo almeno quanto non lo è della soci ...(continue)

    "In me c'è un 60% di esistenzialismo, un 20% di comunismo, un 10% di ecologismo di sinistra e un 10% di anarchia. Tutto il resto è acqua e normale socialdemocrazia"

    Aki Kaurismäki è figlio del cinema scandinavo almeno quanto non lo è della società degli ultimi decenni. E' capace di uno sguardo sull'umano che non ha niente da invidiare ad alcuni fra i filosofi, scrittori, registi che più hanno dato alla cultura occidentale e con cui si è misurato, fra cui in modo particolare Sartre, Dostoevskij, Bresson, Bergman, Kirkegaard. Anarchia, denuncia sociale, follia, tenerezza, ironia e disperazione convivono nelle sue opere. Il dialogo con cui si racconta nel libro targato edizioni isbn (una casa editrice veramente interessante) ci aggiunge un senso di familiarità che lo rende estremamente piacevole e allo stesso tempo veramente illuminante. Con semplicità e gusto del gioco si racconta in una visione del mondo e dell'umanità, attraverso la Finlandia, assolutamente fondamentale per capire quanto abbiamo venduto noi stessi al mercato. E Amleto diventa un produttore di un'industria di paperine di plastica, o di telefonia mobile, se si preferisce.

    Is this helpful?

    guccia said on Apr 4, 2008 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    regalo di natale, spero riciclato dal donatore, perché vorrei capire come caspita qualcuno mi può associare a kaurismaki. guazzabuglio grafico che richiama i leningrad cowboys: mi sono rifiutata di leggere le pagine con font bianco su sfondo grigio. ...(continue)

    regalo di natale, spero riciclato dal donatore, perché vorrei capire come caspita qualcuno mi può associare a kaurismaki. guazzabuglio grafico che richiama i leningrad cowboys: mi sono rifiutata di leggere le pagine con font bianco su sfondo grigio. gli interventi del critico-intervistatore sono insopportabili.

    Is this helpful?

    dimegliodafare said on Mar 11, 2008 | 1 feedback

  • 3 people find this helpful

    Che uomo fantastico, Kaurismaki. Questo libro è fuori dal comune come lui ed i suoi film, integra le descrizioni di ogni lavoro cinematografico con interviste in forma di dialogo completamente surreali. Quando vengono a cena amici e conoscenti, mi di ...(continue)

    Che uomo fantastico, Kaurismaki. Questo libro è fuori dal comune come lui ed i suoi film, integra le descrizioni di ogni lavoro cinematografico con interviste in forma di dialogo completamente surreali. Quando vengono a cena amici e conoscenti, mi diverto a fargli vedere "Leningrad Cowboys" per vedere dopo quanti minuti mostrano segni di impazienza. Impagabile.

    Is this helpful?

    robxyz said on Dec 22, 2007 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    "Il senso della vita è costruirsi una morale che rispetti l'uomo e la natura e poi metterla in pratica."

    Is this helpful?

    elkstar said on Dec 18, 2007 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (52)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
  • Others 224 Pages
  • ISBN-10: 8876380795
  • ISBN-13: 9788876380792
  • Publisher: ISBN Edizioni
  • Publish date: 2007-01-01
Improve_data of this book