Diario d'inverno

di | Editore: Einaudi
Voto medio di 482
| 85 contributi totali di cui 74 recensioni , 11 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
«Piaceri fisici e dolori fisici. I piaceri del sesso innanzitutto, ma anche quelli del mangiare e del bere, di stare nudo in un bagno caldo, di grattarti un prurito, di starnutire e di scoreggiare, di stare a letto un'ora in piú, di voltare la faccia ...Continua
Gresi
Ha scritto il 20/04/18
La maggioranza delle altre persone sembrano in grado di ritrovarsi senza difficoltà. Sanno dove sono, dove sono stati e dove andranno, ma tu non sai niente, sei perso per sempre nel momento, nel vuoto di ciascun successivo momento che ti avvolge, del tutto ignaro di dove sia il nord perché per te i quattro punti cardinali non esistono, non sono mai esistiti.
Guardando la mano destra che tiene la penna stilografica blu che sto usando per scrivere nel mio immancabile blocnotes questa recensione, penso a Paul Auster nella sua casa a Manhattan, seduto dinanzi alla sua scrivania, in circostanze simili alle mi...Continua
lawhite89
Ha scritto il 28/03/18
Ho avuto il piacere di incontrare per la prima volta la scrittura fantastica di Auster e nel contempo di conoscere Paul, l’uomo Paul Auster, curiosare nei suoi affetti, sbirciare dal buco della serratura delle sue stanze, che di colpo diventano anche...Continua
Marta
Ha scritto il 21/02/18
L'inverno dell'uomo...
... un po' come l'inverno di anobii... Io e Paul Auster abbiamo avuto un primo brutto incontro con Trilogia di New York, abbiamo proseguito malissimo con Timbuctù, immaginatevi il mio entusiasmo per questo terzo 'appuntamento', comunque mi son immers...Continua
ReAnto
Ha scritto il 05/11/17
Le tue mani
..."ma non appena pensi a "Questa mano" ti torna in mente una storia che ti hanno raccontato su James Joyce, Joyce a Parigi negli anni Venti a una festa, era lí in piedi, ottantacinque anni fa, quando una donna gli si avvicinò e gli chiese se poteva...Continua
Emanuela
Ha scritto il 18/10/17
Avevo già letto di Auster parecchi anni fa, La Trilogia di New York e mi era piaciuto. Poi chissà perché per tutti questi anni non l’ho più riavvicinato fino a pochi giorni fa quando ho iniziato Diario d’inverno. Non si tratta di un romanzo ma di un...Continua

Layura
Ha scritto il Jan 31, 2017, 18:00
I tuoi piedi scalzi sul pavimento freddo mentre scendi dal letto e vai alla finestra. Hai sessantaquattro anni. Fuori l’aria è grigia, quasi bianca, il sole non si vede. Ti domandi: quante mattine restano? Una porta si è chiusa. Un’altra si è aperta...Continua
Pag. 195
Layura
Ha scritto il Jan 31, 2017, 18:00
È il cibo come rituale, come continuità, come coesione familiare – come àncora simbolica che trattiene dall’andare alla deriva in alto mare.
Pag. 180
Layura
Ha scritto il Jan 31, 2017, 09:54
Questa è stata la storia della tua vita. Ogni volta che arrivi a un bivio il tuo corpo cede, perché il tuo corpo ha sempre saputo quello che la tua mente non sa, e benché scelga di cedere, sia per mononucleosi o per gastrite o per attacchi di panico,...Continua
Pag. 62
Layura
Ha scritto il Jan 31, 2017, 09:54
E' lí che la storia comincia, nel tuo corpo, come nel corpo finirà tutto.
Pag. 17
Layura
Ha scritto il Jan 31, 2017, 09:54
per ogni cicatrice c’è la traccia di una ferita sanata, e ogni ferita era stata provocata da un’inattesa collisione con il mondo – cioè da un incidente, o da qualcosa che non doveva necessariamente accadere, perché un incidente per definizione è qual...Continua
Pag. 12

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi