Diario d'Irlanda

Voto medio di 332
| 58 contributi totali di cui 53 recensioni , 5 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Mariano
Ha scritto il 31/10/17
SPOILER ALERT
Un libro diverso da "Opinioni di un clown". Un diario di viaggio in bilico tra il piacevole stupore per i luoghi incantanti e aspri e la sconsolata visione degli irlandesi che, salvo rare eccezioni, appaiono tristi anche inconsapevoli. "Gente di Dubl...Continua
Maria...
Ha scritto il 18/10/16
Una lenzuolata che ha il suo perchè
Un libro fuori dai parametri, anche quelli che l’autore si era dati intraprendendo questo viaggio- vacanza. Del resto era abituato a scavalcare parametri in un continuo rimaneggiamento dei punti di vista sulla società tedesca, in cui era immerso e d...Continua
Gioggia
Ha scritto il 06/10/16
Unica pecca del libro: troppo breve! Non ho mai visitato l'isola di smeraldo, ma Böll me ne ha fatto venire una voglia assurda, nel modo in cui l'ha descritta! Ci regala tanti pezzetti di Irlanda che incuriosiscono e affascinano, e il fatto che l'aut...Continua
Greg
Ha scritto il 14/07/16
Riletto dopo 23 anni (giusto la metà della mia vita), e dopo essere stato proprio nei luoghi visti da Boell circa sessant'anni fa. Credo che Boell, in questi racconti pastorali, tutta la propria passione, la finezza descrittiva, il suo proverbiale sp...Continua
Tittirossa
Ha scritto il 02/06/16

(Letto prima di andare in Irlanda la prima volta. E non tornare mai più indietro).

#sindromedellarondine


PPP
Ha scritto il May 09, 2011, 14:30
"Qui la pioggia è assoluta, grandiosa, terrificante. Chiamare una simile pioggia mal tempo sarebbe sproporzionato, come chiamare bel tempo il sole a picco. Questa pioggia si può chiamare mal tempo ma non lo è; è semplicemente tempo e ci ricorda che...Continua
Federica
Ha scritto il Apr 01, 2010, 15:58
Il mio accompagnatore tremava: era schiavo del più amaro e più stupido di tutti i pregiudizi, quello di credere che le persone malvestite siano pericolose, comunque più pericolose di quelle vestite bene.
Pag. 71
Federica
Ha scritto il Apr 01, 2010, 15:56
Tutto quello che non era pietra era stato eroso dalla pioggia, dal sole, dal vento e dal tempo che filtra ovunque, paziente: ventiquattro grosse gocce di tempo ogni giorno, l'acido che corrode ogni cosa e non si avverte, come la rassegnazione.
Pag. 50
Federica
Ha scritto il Apr 01, 2010, 15:54
Una tazza di tè al levar del sole stando al vento che soffia da ponente e dà i brividi, mentre l'isola dei santi si nasconde al sole nella foschia dell'alba; su quest'isola, dunque, abita l'unico popolo d'Europa che non ha mai intrapreso guerre di co...Continua
Pag. 21
Fe
Ha scritto il Nov 12, 2009, 18:24
I cimiteri sono pieni di persone senza le quali il mondo non poteva vivere. Mi parve che già solo per questa massima valesse la pena di essere venuto a Dublino: mi proposi di serbarla nel profondo del cuore per quei momenti in cui mi accadesse di co...Continua
Pag. 25

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi