Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Diario segreto di una casalinga disperata

Di

Editore: Newton & Compton

3.1
(47)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 320 | Formato: Altri

Isbn-10: 8854108871 | Isbn-13: 9788854108875 | Data di pubblicazione: 

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Diario segreto di una casalinga disperata?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Mi è sembrato di leggere il Diario di Bridget Jones in versione casalinga!
    Stile di scrittura simile, personaggio strutturato allo stesso modo...situazioni diverse ma uguali!
    Molto meglio leggersi direttamente l'"originale".
    Il libro è scorrevole, una lettura facile, niente da dire, ma troppo, ve ...continua

    Mi è sembrato di leggere il Diario di Bridget Jones in versione casalinga! Stile di scrittura simile, personaggio strutturato allo stesso modo...situazioni diverse ma uguali! Molto meglio leggersi direttamente l'"originale". Il libro è scorrevole, una lettura facile, niente da dire, ma troppo, veramente troppo simile al libro di Helen Fielding, non si può certo dire che lo scrittore abbia avuto un'idea originale! Per di più, con un finale veramente scontato. Il fatto che mi abbia strappato qualche risata, perchè c'è da dirlo, l'ho trovato divertente a tratti, non toglie i punti negativi che ho elencato sopra. Non ve lo consiglio proprio. Poi ognuno ha i suoi gusti, chiaro. Senza contare due cose...perchè il "papà single" viene soprannominato così se è sposato? E come fai Susi, protagonista di questo evidente romanzo, ha farti rispondere velocemente dalle emittenti televisive a cui scrivi, ma soprattutto, come fai a farti rispondere?

    ha scritto il 

  • 2

    Chiunque

    abbia dei figli, un marito e una casa da portare avanti (oltre che un lavoro fuori casa) avrebbe potuto scrivere questo libro, forse anche meglio della scrittrice stessa. Non è scritto male, è scritto uguale ad altri millemila libri sul genere e millemila blog di mamme sedicenti disperate,incazza ...continua

    abbia dei figli, un marito e una casa da portare avanti (oltre che un lavoro fuori casa) avrebbe potuto scrivere questo libro, forse anche meglio della scrittrice stessa. Non è scritto male, è scritto uguale ad altri millemila libri sul genere e millemila blog di mamme sedicenti disperate,incazzate,disorganizzate etc etc etc E francamente dopo un po' questa "letizia" di fondo, questi imprevisti sempre affrontati con il sorriso, queste ancore di salvataggio stereotipate (la socera rinco ma solerte, i nonni garruli ma efficienti, sto marito assente h24 ma adorato) stufano

    Specie se hai la socera rinco e basta, i genitori lontani 400km ed un marito che alla fine, a ben vedere, è molto meglio del suo e non altrettanto adorato

    insomma, si riderebbe se fosse il primo libro sul tema, ma siccome questo non è....è un libro leggero ed inutile

    Da NON leggere se si è in modalità chevitadaschifochefaccio

    ha scritto il 

  • 2

    La storia comincia discretamente ma si perde lungo "il tragitto" con descrizioni, a volte anche nauseanti, di caratteristiche fisiche e corporali dei personaggi. Troppe situazioni e personaggi "impossibili" che rendono la vicenda irreale e non credibile. Non lo consiglierei. Voto 5/10

    ha scritto il 

  • 4

    E' IL RACCONTO SOTTO FORMA DI DIARIO DI UNA DONNA ALLE PRESE CON CRISI ESISTENZIALI POST MATRIMONIO I FIGLI LA CASA IL MARITO IL LAVORO LA FEDELTA' LE AMICIZIE LA QUOTIDIANITA' SERVE A CONOSCERE MEGLIO SE STESSI E GLI ALTRI

    ha scritto il 

  • 3

    Quaranta pagine in meno

    Nonostante il titolo un po' gridato, il romanzo contiene in sé una trama di quotidiana verità senza tanti dotti approfondimenti psicologici. Un po' rozzi e scontati i necessari (per la trama) "colpi di scena". Si legge tranquillamente e lo si leggerebbe meglio con una quarantina di pagine in meno ...continua

    Nonostante il titolo un po' gridato, il romanzo contiene in sé una trama di quotidiana verità senza tanti dotti approfondimenti psicologici. Un po' rozzi e scontati i necessari (per la trama) "colpi di scena". Si legge tranquillamente e lo si leggerebbe meglio con una quarantina di pagine in meno.

    ha scritto il