Diceria dell'untore

Di

Editore: Sellerio (La memoria ; 23)

4.2
(1329)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 196 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8838901856 | Isbn-13: 9788838901850 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Fumetti & Graphic Novels , Narrativa & Letteratura , Filosofia

Ti piace Diceria dell'untore?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Nel 1946, in un sanatorio della Conca d'oro – castello d'Atlante e campo di sterminio - alcuni singolari personaggi, reduci dalla guerra, e presumibilmente inguaribili, duellano debolmente con se stessi e con gli altri, in attesa della morte. Lunghi duelli di gesti e di parole; di parole soprattutto: febbricitanti, tenere, barocche - a gara con il barocco di una terra che ama l'iperbole e l'eccesso. Tema dominante, la morte: e si dirama sottilmente, si mimetizza, si nasconde, svaria, musicalmente riappare. E questo sotto i drappeggi di una scrittura in bilico fra strazio e falsetto, e in uno spazio che è sempre al di qua o al di là della storia - e potrebbe anche simulare un palcoscenico o la nebbia di un sogno... «Ingegnoso nemico di se stesso», finora sfuggito a ogni tentazione e proposta di pubblicare, uomo, insomma, che ha letto tutti i libri senza cedere a pubblicarne uno suo, Gesualdo Bufalino è con questa Diceria al suo primo libro. Scritta negli anni, come lui dice, «della glaciazione neorealista», questa contemplazione viene alle stampe in un tempo meno gelido, più sciolto e più libero perché sia giustamente apprezzata.
Ordina per
  • 5

    Che dire? Fin dalla copertina quell'accostamento di un nome (Gesualdo) e un titolo (Diceria dell'untore) che evocano tempi remoti, m'ha ammaliato e ha dato forma in me a un'idea barocca del romanzo ch ...continua

    Che dire? Fin dalla copertina quell'accostamento di un nome (Gesualdo) e un titolo (Diceria dell'untore) che evocano tempi remoti, m'ha ammaliato e ha dato forma in me a un'idea barocca del romanzo che ha poi potuto svilupparsi, ampliarsi, farsi vera lungo tutte le pagine del libro. La bellezza immutabile e abbagliante dell'arte barocca impregna il midollo della scrittura di questo romanzo senza soffocarla, senza appesantirla; la soccorre piuttosto nel ricoprire la miseria dell'uomo e il suo inevitabile destino di morte di un manto dorato fatto allo stesso tempo di sfumature e precisione, sapientemente ricamato da una lingua magnifica e altissima, ricca e penetrante.
    Oltre a ciò, una testimonianza preziosa sulla morte, sull'attesa della morte e quindi sulla vita nei suoi aspetti più veri e profondi. Un capolavoro indimenticabile.

    ha scritto il 

  • 2

    Periodo di letture insolite (per me)

    Da amante dei romanzi ambientati in Sicilia, ho deciso di sperimentare di recente anche autori più particolari e meno conosciuti: Vincenzo Consolo e, appunto, Diceria dell'untore di Gesualdo Bufalino. ...continua

    Da amante dei romanzi ambientati in Sicilia, ho deciso di sperimentare di recente anche autori più particolari e meno conosciuti: Vincenzo Consolo e, appunto, Diceria dell'untore di Gesualdo Bufalino. In entrambi i casi ho riscontrato uno stile particolare, elegante, ricco di metafore e che mostra una Sicilia diversa tramite tale tipo di scrittura, però si tratta anche di uno stile molto pesante ed intimistico, comprensibile solo per chi riesce ad immedesimarsi del tutto nei pensieri del protagonista/autore. Inoltre questo "dare precedenza" alla forma oscura il contenuto che potrebbe essere interessante, ad esempio la storia d'amore tra Marta ed il protagonista l'ho trovata irritante.

    ha scritto il 

  • 3

    Stile che affascina per l'accuratezza e le ricchezza del linguaggio e la perfezione della sintassi... ma la storia raccontata non appassiona, nonostante i temi toccati (la vita, la morte, l'amore, l'a ...continua

    Stile che affascina per l'accuratezza e le ricchezza del linguaggio e la perfezione della sintassi... ma la storia raccontata non appassiona, nonostante i temi toccati (la vita, la morte, l'amore, l'amicizia) siano tra quelli fondamentali per la trama di un romanzo. Mi si perdoni il paragone azzardato, ma questo libro mi ha dato l'impressione di un'automobile dalla splendida e luccicante carrozzeria fornita però di un motore inadeguato a farla correre come dovrebbe.

    ha scritto il 

  • 0

    dal blog Giramenti

    Il sior Bufalino compare spesso su Giramenti, ma dopo Le menzogne della notte avevo un certo timore reverenziale nei confronti di Diceria dell’untore: avrebbe sfigurato accanto al suo collega libresco ...continua

    Il sior Bufalino compare spesso su Giramenti, ma dopo Le menzogne della notte avevo un certo timore reverenziale nei confronti di Diceria dell’untore: avrebbe sfigurato accanto al suo collega libresco o l’avrebbe scalzato dal mio personale olimpo del leggibile d’alta qualità? E quindi ho tergiversato a lungo prima d’allungare la mano verso quello che, negli anni, è stato considerato il capolavoro di Bufalino.

    SEGUE su https://gaialodovica.wordpress.com/2015/12/07/diceria-delluntore-di-gesualdo-bufalino/

    ha scritto il 

  • 3

    Che bello, ma che fatica.

    "Per questo forse m'era stato concesso l'esonero; per questo io solo m'ero salvato, e nessun'altro, dalla falcidia: per rendere testimonianza, se non delazione, d'una retoric ...continua

    Che bello, ma che fatica.

    "Per questo forse m'era stato concesso l'esonero; per questo io solo m'ero salvato, e nessun'altro, dalla falcidia: per rendere testimonianza, se non delazione, d'una retorica e d'una pietà. Benché sapessi già allora che avrei preferito starmene zitto e portarmi lungo gli anni la mia diceria al sicuro sotto la lingua, come un obolo di riserva, con cui pagare il barcaiolo il giorno in cui mi fossi sentito, in séguito ad altra e meno remissibile scelta o chiamata, sulle soglie della notte."

    ha scritto il 

  • 3

    C’è una narrativa che, pur non cercando di indulgere alla commozione, poco a poco insinua nel cuore una vena di malinconia, mettendo a nudo e alla prova la capacità di sentire e di umanamente comprend ...continua

    C’è una narrativa che, pur non cercando di indulgere alla commozione, poco a poco insinua nel cuore una vena di malinconia, mettendo a nudo e alla prova la capacità di sentire e di umanamente comprendere.
C’era un vecchio insegnante che ha voluto parlare della vita di uomini vicini alla morte e in tal modo è riuscito a far comprendere quanto, in quell’attesa, si possa ancora essere uomini.
 Ecco, Diceria dell’untore di Gesualdo Bufalino è tutto questo.

    ha scritto il 

  • 4

    Una storia che avvolge come un respiro delicato, lo stesso dei protagonisti, malati di tubercolosi. Un soffio caldo e legato a doppio filo alla morte, alla sua assenza di significato, e all'agognata v ...continua

    Una storia che avvolge come un respiro delicato, lo stesso dei protagonisti, malati di tubercolosi. Un soffio caldo e legato a doppio filo alla morte, alla sua assenza di significato, e all'agognata vita, con la stessa assenza di significato, ma desiderata, cercata, bramata.
    Il tutto narrato come una musica, usando una lingua colta e ricercata.

    ha scritto il 

Ordina per