Die Erbin

By

Verleger: Fischer

3.9
(695)

Language: Deutsch | Number of Seiten: 194 | Format: Mass Market Paperback | In einer anderen Sprache: (Andere Sprachen) Chi traditional , English , Italian , Spanish , Portuguese , Dutch

Publish date:  | Edition 1

Auch verfügbar als: Others

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Do you like Die Erbin ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Anmeldung kostenlos
Buchbeschreibung
Sorting by
  • 5

    I personaggi di James sono immediati ed infiniti, i dialoghi sono perfetti, l'ironia tagliente.

    La protagonista è magnifica nel suo orgoglioso autocontrollo ostinato mentre si veste con troppi fronzol ...weiter

    I personaggi di James sono immediati ed infiniti, i dialoghi sono perfetti, l'ironia tagliente.

    La protagonista è magnifica nel suo orgoglioso autocontrollo ostinato mentre si veste con troppi fronzoli e serba rancore. E' se stessa e lo è per se stessa, bendisposta ma vagamente punk, non ha nulla di ingenuo (fosse stata ingenua si sarebbe piegata a qualche sotterfugio in più)

    gesagt am 

  • 4

    Sorpresa !

    Molto molto piacevole .Talmente ben delineati i personaggi, che la zia impicciona e la figlia sin troppo ingenua riescono veramente a darti sui nervi ! Altri hanno criticato la mancanza di descrizion ...weiter

    Molto molto piacevole .Talmente ben delineati i personaggi, che la zia impicciona e la figlia sin troppo ingenua riescono veramente a darti sui nervi ! Altri hanno criticato la mancanza di descrizioni della N.Y dell'800 o del viaggio in Europa, a me non ha disturbato anzi, la lettura così è molto scorrevole e ti concentri sulla psicologia dei protagonisti, Se ne potrebbe trarre benissimo una commedia. La riscoperta di H. James mi farà sicuramente riprendere in mano "Giro di vite" e "Ritratto di signora" con più entusiasmo.

    gesagt am 

  • 3

    Non mi ha coinvolto interamente, forse perché le carte sono già tutte in tavola fin dall'inizio, e si capisce bene il destino riservato a Catherine, troppo paziente, ingenua e generosa.

    gesagt am 

  • 3

    La storia di un amore tormentato, di una giovane ereditiera, di doveri filiali e di cacciatori di dote. Scorrevole, forse con un finale un po' scontato e amaro.

    gesagt am 

  • 4

    crudele

    breve romanzo bellissimo,una celata ironia graffiante riflessa nella tristezza che permea le vite dei protagonisti. Tutto ruota intorno al denaro,un'eredità che condiziona rapporti e dinamiche,sia fam ...weiter

    breve romanzo bellissimo,una celata ironia graffiante riflessa nella tristezza che permea le vite dei protagonisti. Tutto ruota intorno al denaro,un'eredità che condiziona rapporti e dinamiche,sia familiari che amorose. il finale,una sorta di bilancio esistenziale per tutti,è grandioso. un James lontanissimo da 'giro di vite',una New york solo accennata a posto di un maniero isolato ma la medesima grande scrittura.
    consigliatissimo

    gesagt am 

  • 4

    Un piccolo gioiellino

    Un racconto piccino ma pieno di significati, una grande scrittura, trattenuta e densa, le psicologie dei personaggi sono descritte magistralmente, l'ironia di James è non così esplicita ma quando vien ...weiter

    Un racconto piccino ma pieno di significati, una grande scrittura, trattenuta e densa, le psicologie dei personaggi sono descritte magistralmente, l'ironia di James è non così esplicita ma quando viene fyori è tagliente e micidiale. Grandissimo natratore.

    gesagt am 

  • 5

    ...

    James mi aveva ammaliato con Ritratto di signora e delusa con giro di vite. con washington square torna ad ammaliarmi. torna a stupirmi con la sua capacità di descrivere la psicologia di un personaggi ...weiter

    James mi aveva ammaliato con Ritratto di signora e delusa con giro di vite. con washington square torna ad ammaliarmi. torna a stupirmi con la sua capacità di descrivere la psicologia di un personaggio in modo ultrarealistico.
    James va approfondito, sospetto sia un genio.

    gesagt am 

  • 2

    Washington square è un romanzo ottocentesco e il periodo, sia a livello sociale che letterario, si sente tutto. Può sembrare strano, visto che il suo autore è il rinomato Henry James (si, lo ammetto: ...weiter

    Washington square è un romanzo ottocentesco e il periodo, sia a livello sociale che letterario, si sente tutto. Può sembrare strano, visto che il suo autore è il rinomato Henry James (si, lo ammetto: prendendo in mano il libro mi aspettavo altro), ma è anche vero che si tratta di uno dei primi lavori. E poi se lo stile ottocentesco è arrivato fino a noi senza cadere nel dimenticatoio significa che qualcuno doveva pur scriverlo.
    È un romanzo breve, ben lontano dai tomi dell’epoca tipo Orgoglio e pregiudizio o Jane Eyre. Tutta la storia ruota attorno all’amore tra una giovane ragazza, magari non bellissima ma pur sempre interessante, e un giovane ragazzo bello e intrigante. Al centro delle vicende c’è la ragazza, tanto per chiarire le varie dinamiche, la quale si troverà sballottata a destra e a manca da sentimenti contrastanti e da personaggi che cercheranno di portarla verso di loro. C’è il giovane di cui la ragazza è innamorata, con il suo desiderio di mettersi insieme a lei; c’è il padre della ragazza, al quale quest’ultima è legata particolarmente in quanto è il solo genitore che le è rimasto (la madre è morta dandola alla luce), e il suo ostinato voler negare l’amore tra i due ragazzi (principalmente per il presunto intento finale del giovane di arrivare alla ricca eredità della ragazza); e c’è la zia della ragazza, che cerca in tutti i modi agevolare l’unione dei ragazzi forse per evitare alla nipote la sua fine lontana dall’amore in quanto vedova già da molto tempo.
    Tutto questo viene narrato in modo asciutto, forse in alcuni punti fin troppo asciutto. James si limita a riportare quanto succede senza prolungarsi troppo in descrizioni e/o analisi comportamentali. Nonostante questo arrivi alla fine e ti guardi indietro, cerchi di tirare un po’ le fila, e ti domandi come diavolo abbia fatto James ha tirare fuori da una storia così semplice e corta qualcosa come duecento pagine e passa. D’accordo, il font utilizzato dalla casa editrice non è minuscolo ma si ha pur sempre la sensazione che nascosta da qualche parte tra una parola e l’altra ci sia dell’aria e dello spazio vuoto per l’imballaggio, solo che non te ne rendi conto e non riesci a capire dove sia questa misteriosa botola nascosta dove spariscono tutte le parole in più per arrivare a duecento pagine.

    gesagt am 

  • 4

    Excelente novela, con apariencias de una trama trivial, pero con gran calidad narrativa y descripción psicológica de los personajes, logra una intensidad literaria de alta calidad.

    gesagt am 

Sorting by