Die Erbin

By

Verleger: Fischer

3.9
(700)

Language: Deutsch | Number of Seiten: 194 | Format: Mass Market Paperback | In einer anderen Sprache: (Andere Sprachen) Chi traditional , English , Italian , Spanish , Portuguese , Dutch

Publish date:  | Edition 1

Auch verfügbar als: Others

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Do you like Die Erbin ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Anmeldung kostenlos
Buchbeschreibung
Sorting by
  • 3

    I contrasti della società americana della prima metà dell'ottocento, paranoie e tic medio borghesi, il capitalismo sfrenato degli americani sono ben descritti dall'autore tramite la voce di Catherine ...weiter

    I contrasti della società americana della prima metà dell'ottocento, paranoie e tic medio borghesi, il capitalismo sfrenato degli americani sono ben descritti dall'autore tramite la voce di Catherine che rivela una forza inaspettata. Una storia d'amore interessata crea un'inevitabile dolore al personaggio principale la quale si chiude a riccio non confidandosi più con i suoi cari. Un'analisi comparativa tra il modo di vivere europeo ancorato saldamente alle proprie radici e quello americano popolo giovane ancora alla ricerca della propria identità storico/culturale.

    gesagt am 

  • 4

    Se l’unica dote che ti viene riconosciuta è quella che ha fissato tuo padre per darti in moglie a qualcuno dotati tu della volontà di liberarti e di tuo padre e di chi mira ai tuoi soldi; alla peggio investiteli in serate coi toyboy di tuo gusto.

    Henry James è un canaglione. Soltanto lui può riuscire a raccontare di Catherine, messa al centro tra l’orgoglio di suo padre, il dottor Sloper, e la vanagloria del suo corteggiatore, Morris, senza pe ...weiter

    Henry James è un canaglione. Soltanto lui può riuscire a raccontare di Catherine, messa al centro tra l’orgoglio di suo padre, il dottor Sloper, e la vanagloria del suo corteggiatore, Morris, senza per questo risarcire la povera Catherine, che nel romanzo resta scialba così com’è per suo padre e per il suo corteggiatore: James non ha infatti intenzione di comportarsi meglio dei suoi due antagonisti e è a loro che riserva lo scambio di battute più belle del libro:

    “Non c’è niente che io possa fare per indurvi a credere in me?”
    “Se ci fosse qualche cosa, non ve lo suggerirei certo. Non vedete che non voglio credere in voi?”

    Al padre come al corteggiatore interessa una sola cosa: averla vinta; dei sentimenti di Catherine non frega a nessuno; alla lunga, neppure a Catherine stessa.

    James scrive del padre di Catherine: “Il dottore passava momenti di ira constatando di aver messo al mondo un essere così comune ed era giunto perfino al punto di compiacersi che sua moglie non fosse vissuta per vedere quel poco brillante risultato.”; insommma, con tutta placidità sintattica, rivela la peggiore considerazione che un genitore può avere di un figlio.

    E qual è l’emancipazione di Catherine verso il padre? “Per la seconda volta nella sua vita diede una risposta indiretta, e l’inizio di un periodo di dissimulazione è certamente una data significativa.” La dissimulazione è l’inizio di una rivolta che può passare inosservata anche agli occhi di chi non sa d’averle appena dato vita.

    Morris Townsend, come Lavinia - la zia ‘romantica’ cioè vedova cronica -, per quanto ottimamente caratterizzato non ce la fa a scalzare il personaggio del padre: “Quello che ti dico è il risultato di trent’anni di attenta osservazione, ed ho dovuto impiegare tutta una vita di studio per essere in grado di esprimere un giudizio in una sola sera.”

    Però la protagonista di “Washington Square” resta Catherine, la bruttina, la riservata, la mite, la debole, che ha il merito di aver elaborato il sentimento più bello:

    “L’amore reclama certe cose come un diritto, ma Catherine non aveva coscienza dei suoi diritti; riteneva soltanto di aver ricevuto una grazie immensa ed inaspettata.”

    Poi c’è da controllare su un dizionario che aspetto abbiano gli ailanti.

    gesagt am 

  • 5

    I personaggi di James sono immediati ed infiniti, i dialoghi sono perfetti, l'ironia tagliente.

    La protagonista è magnifica nel suo orgoglioso autocontrollo ostinato mentre si veste con troppi fronzol ...weiter

    I personaggi di James sono immediati ed infiniti, i dialoghi sono perfetti, l'ironia tagliente.

    La protagonista è magnifica nel suo orgoglioso autocontrollo ostinato mentre si veste con troppi fronzoli e serba rancore. E' se stessa e lo è per se stessa, bendisposta ma vagamente punk, non ha nulla di ingenuo (fosse stata ingenua si sarebbe piegata a qualche sotterfugio in più)

    gesagt am 

  • 4

    Sorpresa !

    Molto molto piacevole .Talmente ben delineati i personaggi, che la zia impicciona e la figlia sin troppo ingenua riescono veramente a darti sui nervi ! Altri hanno criticato la mancanza di descrizion ...weiter

    Molto molto piacevole .Talmente ben delineati i personaggi, che la zia impicciona e la figlia sin troppo ingenua riescono veramente a darti sui nervi ! Altri hanno criticato la mancanza di descrizioni della N.Y dell'800 o del viaggio in Europa, a me non ha disturbato anzi, la lettura così è molto scorrevole e ti concentri sulla psicologia dei protagonisti, Se ne potrebbe trarre benissimo una commedia. La riscoperta di H. James mi farà sicuramente riprendere in mano "Giro di vite" e "Ritratto di signora" con più entusiasmo.

    gesagt am 

  • 3

    Non mi ha coinvolto interamente, forse perché le carte sono già tutte in tavola fin dall'inizio, e si capisce bene il destino riservato a Catherine, troppo paziente, ingenua e generosa.

    gesagt am 

  • 3

    La storia di un amore tormentato, di una giovane ereditiera, di doveri filiali e di cacciatori di dote. Scorrevole, forse con un finale un po' scontato e amaro.

    gesagt am 

  • 4

    crudele

    breve romanzo bellissimo,una celata ironia graffiante riflessa nella tristezza che permea le vite dei protagonisti. Tutto ruota intorno al denaro,un'eredità che condiziona rapporti e dinamiche,sia fam ...weiter

    breve romanzo bellissimo,una celata ironia graffiante riflessa nella tristezza che permea le vite dei protagonisti. Tutto ruota intorno al denaro,un'eredità che condiziona rapporti e dinamiche,sia familiari che amorose. il finale,una sorta di bilancio esistenziale per tutti,è grandioso. un James lontanissimo da 'giro di vite',una New york solo accennata a posto di un maniero isolato ma la medesima grande scrittura.
    consigliatissimo

    gesagt am 

  • 4

    Un piccolo gioiellino

    Un racconto piccino ma pieno di significati, una grande scrittura, trattenuta e densa, le psicologie dei personaggi sono descritte magistralmente, l'ironia di James è non così esplicita ma quando vien ...weiter

    Un racconto piccino ma pieno di significati, una grande scrittura, trattenuta e densa, le psicologie dei personaggi sono descritte magistralmente, l'ironia di James è non così esplicita ma quando viene fyori è tagliente e micidiale. Grandissimo natratore.

    gesagt am 

  • 5

    ...

    James mi aveva ammaliato con Ritratto di signora e delusa con giro di vite. con washington square torna ad ammaliarmi. torna a stupirmi con la sua capacità di descrivere la psicologia di un personaggi ...weiter

    James mi aveva ammaliato con Ritratto di signora e delusa con giro di vite. con washington square torna ad ammaliarmi. torna a stupirmi con la sua capacità di descrivere la psicologia di un personaggio in modo ultrarealistico.
    James va approfondito, sospetto sia un genio.

    gesagt am 

Sorting by