Die Insel unter dem Meer

Roman

By

Verleger: Suhrkamp Verlag

4.0
(2707)

Language: Deutsch | Number of Seiten: 557 | Format: Others | In einer anderen Sprache: (Andere Sprachen) Italian , Spanish , Dutch , Portuguese , English

Isbn-10: 3518421387 | Isbn-13: 9783518421383 | Publish date: 

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , History

Do you like Die Insel unter dem Meer ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Anmeldung kostenlos
Buchbeschreibung
Sorting by
  • 0

    Non mi ha entusiasmata particolarmente, specie nella seconda parte.
    Se volete saperne di più, ecco il link alla recensione completa:
    http://affettadabovarismo.blogspot.it/2017/06/recensione-isabel-all ...weiter

    Non mi ha entusiasmata particolarmente, specie nella seconda parte.
    Se volete saperne di più, ecco il link alla recensione completa:
    http://affettadabovarismo.blogspot.it/2017/06/recensione-isabel-allende-lisola-sotto.html?m=1

    gesagt am 

  • 4

    Un libro intenso, scritto con lo stile fluido ma toccante della Allende. Una storia dura, con un personaggio indimenticabile alla ricerca della libertà agognata tutta la vita e raggiunta nemmeno compl ...weiter

    Un libro intenso, scritto con lo stile fluido ma toccante della Allende. Una storia dura, con un personaggio indimenticabile alla ricerca della libertà agognata tutta la vita e raggiunta nemmeno completamente, una madre al di sopra di tutto. Ho riscoperto la Allende che avevo abbandonato dopo i primi libri e che ho ritrovato in questo in tutta la sua potenza descrittiva. "...non appena fui in grado di reggermi sulle gambe, mi invitava a perdermi nella musica come in un sogno....perché uno schiavo che balla è libero...finché balla...E io ho sempre ballato"

    gesagt am 

  • 2

    Prima osservazione: il libro è scritto molto bene; la forma è ampiamente sopra la media dei romanzi che escono al giorno d'oggi.

    Seconda osservazione: nota di merita, a fianco della forma, spetta alle ...weiter

    Prima osservazione: il libro è scritto molto bene; la forma è ampiamente sopra la media dei romanzi che escono al giorno d'oggi.

    Seconda osservazione: nota di merita, a fianco della forma, spetta alle parti di inquadramento e narrazione storica, a tratti estremamente ben scritte e superbamente raccontate.

    Quindi, le dolenti note. La trama e l'ambientazione devono molto, in maniera piuttosto evidente, a Garcia Marquez: si notano in maniera netta l'afflato e l'atmosfera tipiche del realismo magico di quest'ultimo; le atmosfere, ma non necessariamente le tematiche o i refrain. Un ibrido per nulla spiacevole, dato che il romanzo si legge con piacere.
    Meno riuscita invece la costruzione della trama, ammazzata soprattutto dalla seconda parte, con il passaggio dell'ambientazione da Haiti a New Orleans: nella paura di dimenticare i pezzi della prima parte, tutti i frammenti vengono ricomposti nella seconda, tutti (o quasi) i personaggi - fuggiaschi da Haiti si ritrovano miracolosamente in Lousiana; tale ricomposizione, tuttavia, lungi dall'essere memorabile, appare caotica, raffazzonata, forzata, banale, persino incoerente.

    Mi si dirà che la vita è caotica, e che l'incoerenza non è una caratteristica che ha senso collegare in nessun modo alla realtà, e che un romanzo questo racconta: una realtà, seppur immaginaria. Le stesse persone sono incoerenti. Niente di male quindi? L'incoerenza è termometro della veridicità d'un racconto, dato che non esistono persone completamente e del tutto coerenti; ma l'incoerenza non è frutto d'un capriccio, ma delle condizioni al contorno. Ha, in sostanza, una causa che la scatena.

    Qui i personaggi si muovono in maniera sostanzialmente casuale, spesso incoerente e stereotipata, e stereotipate appaiono certe situazioni, certi intrecci che paiono quasi essere messi lì per allungare il brodo oltre misura.

    Ecco, il difetto principale del libro: ha quasi 200 pagine di troppo, che non aggiungono nulla né alle denunce sociali della prima parte (la schiavitù capitalista in auge nelle colonie europee d'oltremare del Settecento) né allo sviluppo dei personaggi. Il racconto storico si defila nettamente, cresce la parte romanzesca di stampo rosa (proprio mentre, al contrario, spariscono le scene di sesso obbiettivamente assai mal riuscite e degne di un Harmony), tutto si sviluppa lentamente in una sarabanda piuttosto noiosa di fatterelli fini a sé stessi, i personaggi si cristallizzano e diventano macchiette pienamente stereotipate.

    Se la Allende avesse troncato l'opera con l'incendio di Haiti e il redde rationem fra schiavi e schiavisti, sarebbe stato un gran bel libro; così, diventa un buon brodo che è stato troppo allungato con l'acqua, diventando insapore.

    En passant, trovo imprescindibile la condanna senza appello dello schiavismo, di qualunque epoca e cultura. Stupisce come la società occidentale capitalistica riesca a trasformare in raccapriccianti industrie senza più parvenza di umanità fenomeni sociali sempre esistiti: penso come detto alla schiavitù (largamente diffusa per tutta l'età antica e anche nel Medioevo, pur con aspetti differenti) ma anche agli eccidi (anch'essi sempre esisiti, ma si può paragonare lo sterminio dei popoli mesoamericani, per esempio, con la spaventosa effiicenza scientifica dell'Olocausto?).
    Posto questo, va ricordato come non si tratti di questione di razza: non solo i bianchi sono stati schiavisti; la Haiti nera post-rivoluzione è passata dall'essere - nel lasso di pochi decenni - una delle più ricche colonie del mondo a uno dei paesi più poveri e disperati del mondo. Quale è tuttora. Non solo morte, torture e ingiustizie ha inventato l'uomo bianco, insomma: consci delle colpe dei nostri avi, senza dimenticarle, è bene che ricordiamo quanto di buono è stato fatto e, definitivamente, uscire da quel limite mentale oggi ingiustificabile che è il razzismo (quello vero, non quello ad usum politico-demagogico).

    In definitiva, la storia della schiava Zaritè, ben scritta e avvincente nella prima parte (pur con qualche perplessità) declina poi in un feutillon privo di sapore, per concludersi in un finale tirato via, fra il dolce e l'amaro, addirittura brutto e poco significativo. Raffazzonato, mi verrebbe da dire, come gran parte del libro stesso.
    Peccato.

    gesagt am 

  • 4

    Leggevo la Allende con passione quando ero ragazzina e le sue storie mi avvincevano sempre tanto. E' da vari anni che non la leggo, presa dal desiderio di ampliare i miei orizzonti, ma ora mi è tornat ...weiter

    Leggevo la Allende con passione quando ero ragazzina e le sue storie mi avvincevano sempre tanto. E' da vari anni che non la leggo, presa dal desiderio di ampliare i miei orizzonti, ma ora mi è tornata la voglia di riprenderla in mano anche con la curiosità di vedere che effetto mi avrebbe fatto a distanza di tempo. Il risultato è che ne sono entusiasta! La storia è ambientata nei Caraibi tra '700 e '800, parla delle colonie e della schiavitù e delle vicissitudini della schiava Tété che seguiamo nell'arco di 40 anni. E' una storia ben costruita, basata anche sulle fonti storiche delle guerre per l'indipendenza e la liberazione degli schiavi neri, ci sono tanti intrecci che ti sanno tenere incollata alle pagine, la scrittura è bella, ha una ventata di freschezza. E' allo stesso tempo la lettura leggera che cercavo in questo momento (perché mi rendo conto che non è paragonabile a certi capolavori della letteratura, ma il mio intento non è quello di fare raffronti) e profonda quanto basta per rammentare cosa furono la schiavitù, tutte le atrocità commesse, e come era variopinta la società in cui le diverse gradazioni di colore con cui si veniva al mondo potevano determinare di molto le sorti di un essere umano.
    Un bella, fresca, lettura. Son molto contenta!!!

    gesagt am 

  • 4

    Un bel romanzo, sostenuto da una solida ambientazione storica che ripercorre le vicende della schiavitu tra Santo Domingo (Haiti) Cuba e la Louisiana. La voce narrante e' quella di Tete', nata schiava ...weiter

    Un bel romanzo, sostenuto da una solida ambientazione storica che ripercorre le vicende della schiavitu tra Santo Domingo (Haiti) Cuba e la Louisiana. La voce narrante e' quella di Tete', nata schiava ma dotata di intraprendenza e determinazione: attorno a lei molti personaggi, dai grandi latifondisti bianchi ai meticci che cercano di emergere e di costruirsi una vita indipendente, fino agli schiavi senza diritti e senza speranze. La Allende riesce a coinvolgere pur con qualche forzatura e con un finale un po'frettoloso e deludente. Nel suo genere, comunque, un libro riuscito

    gesagt am 

  • 4

    Non si può scappare dal dolore; bisogna imparare a portarlo dentro di se...

    Tanti libri narrano la schiavitù e in questo ho trovato molti sentimenti negativi ma anche molto positivi. È scorrevole la lettura ma a tratti mi è parsa pesante e poco distraente. Nel complesso un bu ...weiter

    Tanti libri narrano la schiavitù e in questo ho trovato molti sentimenti negativi ma anche molto positivi. È scorrevole la lettura ma a tratti mi è parsa pesante e poco distraente. Nel complesso un buon libro

    gesagt am 

  • 4

    Frasi dal libro

    “Era una ragazza snella, dagli zigomi pronunciati, gli occhi allungati dalle palpebre socchiuse e le pupille dorate, con una grazia naturale e movimenti precisi e fluidi. Irradiava una potente energia ...weiter

    “Era una ragazza snella, dagli zigomi pronunciati, gli occhi allungati dalle palpebre socchiuse e le pupille dorate, con una grazia naturale e movimenti precisi e fluidi. Irradiava una potente energia, che il dottore sentì sulla pelle. Intuì che sotto l’aspetto austero si nascondeva la contenuta energia di un felino a riposo.”

    https://frasiarzianti.wordpress.com/2016/10/28/lisola-sotto-il-mare-isabel-allende/

    gesagt am 

  • 0

    Lettura avvincente

    Ho letto questo libro con grande fluidità e a questo proposito volevo soffermarmi proprio sulla tecnica narrativa dell'autrice: al di là del contenuto, comunque avvincente, interessante e ricco d ...weiter

    Ho letto questo libro con grande fluidità e a questo proposito volevo soffermarmi proprio sulla tecnica narrativa dell'autrice: al di là del contenuto, comunque avvincente, interessante e ricco di riferimenti culturali e storici, quello che mi colpisce sempre in questa scrittrice è la sua tecnica narrativa, riesce a trascinarti con le parole e con il racconto, caratterizzando i personaggi con poche pennellate, in modo preciso e puntuale , a volte pungente ed ironico .

    La narrazione non è mai noiosa, ecco chi non vuole annoiarsi deve leggere i suoi libri, non mi sono mai annoiata a leggere un libro di Isabel Allende e questo è già un grande punto a favore.

    Inoltre come tutta la letteratura sudamericana risente molto della tendenza all'animismo e alla magia, che si avverte in ogni sua pagina: questa continua ricerca di un contatto con la natura, col mondo degli animali e delle piante, dei miti e delle religioni,al di là delle epoche storiche e degli sviluppi tecnologici,riveste di magia e di poesia gli eventi narrati nelle sue pagine e la natura, con i suoi messaggi arcani e segreti, insieme all'amore, diventano un tema fondamentale in tutti i suoi romanzi.

    gesagt am 

Sorting by
Sorting by
Sorting by