Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Dieci domande alle quali la scienza non può (ancora) rispondere

By Michael Hanlon

(112)

| Others | 9788875780951

Like Dieci domande alle quali la scienza non può (ancora) rispondere ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Come ha avuto origine la vita? Perché ci sono due sessi? Sono la stessa persona che ero un minuto fa? Di cosa è fatto il 96% dell'universo? Quelle che trovate in questo libro sono le domande che un ragazzino potrebbe porre al suo insegnante. Sono le Continue

Come ha avuto origine la vita? Perché ci sono due sessi? Sono la stessa persona che ero un minuto fa? Di cosa è fatto il 96% dell'universo? Quelle che trovate in questo libro sono le domande che un ragazzino potrebbe porre al suo insegnante. Sono le domande che potrebbero dar filo da torcere anche agli esperti più navigati. La scienza, sostiene Michael Hanlon, è stata, è tuttora e sarà in futuro un continuo percorso di ricerca. Se oggi siamo in grado di dare una risposta chiara ed esauriente a una miriade di problemi che appena un secolo fa erano considerati pura fantascienza, ne restano ancora infiniti da risolvere. Problemi che nella maggior parte dei casi, come l'indagine sul concetto di tempo, presuppongono un approccio trasversale e multidisciplinare e una capacità di sintesi che talvolta non si sposano con l'estrema specializzazione che caratterizza la ricerca scientifica odierna. Queste "Dieci domande", se da un lato stuzzicano la curiosità del lettore, dall'altro ne stimolano la riflessione con un avvertimento: quando vi sedete soddisfatti sulla sommità di una conoscenza acquisita, è già ora di rimettersi in piedi e ripartire.

23 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Interessante forse un po' troppo filosofico e come spesso accade ai testi scientifici un attimo datato.

    Is this helpful?

    Tír na nÓg said on Apr 12, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Importante è farsi buone domande.

    Nessuna risposta, ma solo molti buoni spunti di riflessione. Bello, molto interessante da leggere, vero mind gym. Scritto in modo scorrevole anche se tratta temi tosti come multiuniversi, teoria delle stringhe, materia oscura e via.

    Is this helpful?

    Filippo Giunti said on Aug 21, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Il cammino della scienza è completo? O potrà mai esserlo? Due concezioni sembrano contrapporsi in risposta a queste domande. Per la prima, la scienza è un fortezza quasi interamente edificata, a cui manca forse qualche ritocco qua e là. Per l’altra, ...(continue)

    Il cammino della scienza è completo? O potrà mai esserlo? Due concezioni sembrano contrapporsi in risposta a queste domande. Per la prima, la scienza è un fortezza quasi interamente edificata, a cui manca forse qualche ritocco qua e là. Per l’altra, è un accampamento in continuo divenire, che ogni tanto deve essere smantellato e riedificato altrove. Questa prima contrapposizione si interseca con l’antico discorso sulla finitezza o l’infinitezza del Mondo e, quindi, della scienza che lo indaga.
    Michael Hanlon – uno dei più apprezzati divulgatori scientifici inglesi, autore di programmi televisivi e radiofonici – pone il suo nuovo testo al centro di questa doppia divergenza. Fra le infinite domande a cui la scienza cerca di dare delle risposte, Hanlon ne sceglie dieci, come altrettanti esempi di cammini ancora da percorrere: dall’esistenza della coscienza animale all’invecchiamento, dalla materia oscura dell’universo al significato del tempo, dall’obesità all’intelligenza. Domande a prima vista disparate, ma legate da un intento comune: lo stupore di argomenti poco noti che aprono spazi incredibili di fascinazione e nello stesso tempo raccontano cosa sia la scienza e come si ponga di fronte alle questioni a cui abbiamo accennato. Peccato che il discorso non si mantenga sempre allo stesso livello. Se da una parte si muove nella direzione della novità – ad esempio quando parla dell’obesità o dell’invecchiamento – dall’altra cade spesso nella riaffermazione di temi sentiti troppe volte, senza offrire veramente delle chiavi di lettura originali. Nel capitolo “Possiamo davvero essere certi che il paranormale non sia una sciocchezza?”, per quanto l’autore parta da una premessa interessante – alcune delle teorie scientifiche attuali, come il multiverso o l’entanglement quantistico, non sono certo meno esotiche o inverosimili di tante concezioni paranormali – non riesce poi a districarsi nel diverso valore epistemologico delle questioni in gioco, perdendosi quindi in una sterile contrapposizione fra mondi culturali diversi. Per non parlare dei capitoli più propriamente “politici”, come “Che cosa abbiamo intenzione di fare con gli stupidi?”, dove, a fronte di spunti di riflessione insoliti, scivola poi in fastidiose semplificazioni.
    Il libro resta comunque gradevole e stimolante: ripropone in molte delle sue pagine quel senso della meraviglia e del curioso che è alla base della scienza, attraverso una scrittura vivace e brillante, che a ben vedere procede più per assonanze che per concatenazioni logiche – alla fine di ogni capitolo la sensazione di aver letto qualcosa di interessante sfuma nella difficoltà di ricostruire un effettivo percorso di pensiero. Ma attenzione, questa non vuol essere una critica: l’autore sta esponendo delle questioni, non sta dando delle soluzioni – quelle le darà (forse) la scienza in un futuro più o meno prossimo. Il libro sembra raccontare di altro, ossia il procedere della conoscenza scientifica dal dubbio e dallo stupore verso soluzioni via via sempre meno provvisorie, attraverso un gioco continuo di errori, ripensamenti, vicoli ciechi, ritorni e salti improvvisi.
    È un libro che racconta la scienza, dunque, non come insieme di discipline sempre più specialistiche e controintuitive, ma come modo di porsi verso il mondo. Perché la ricerca continua. Anzi, come ben sostiene Michael Hanlon, ogni conquista di una vetta della conoscenza non farà che aprire ai nostri occhi un altro panorama, in cui nuove vette – e nuove sfide – ci obbligheranno a riprendere subito il cammino. Curioso il fatto che Hanlon sembri nutrire una vera e propria adorazione mistica per il concetto di entanglement quantistico, che cita a dismisura, talvolta fors’anche in modo improprio, lungo tutto il libro

    Is this helpful?

    Talas said on Jul 26, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    divulgativo, pure troppo.

    forse esageratamente semplice, pero' utile riassunto su cosa indaga (o potrebbe indagare) la scienza. Una lettura per tutti. La comprensibilita' non e' un demerito.

    Is this helpful?

    souvenir da alphaville said on Jul 14, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Anche Hanlon si sofferma più sui fallimenti che sugli “esperimenti corretti”. Ecco le sue dieci domande: 1) Fido è uno zombie? 2) Perché il tempo è così misterioso? 3) Per piacere, posso vivere in eterno? 4) Che cosa abbiamo intenzione di fare con gl ...(continue)

    Anche Hanlon si sofferma più sui fallimenti che sugli “esperimenti corretti”. Ecco le sue dieci domande: 1) Fido è uno zombie? 2) Perché il tempo è così misterioso? 3) Per piacere, posso vivere in eterno? 4) Che cosa abbiamo intenzione di fare con gli stupidi? 5) Che cos’è il lato oscuro? 6) L’universo è vivo? 7) Sono la stessa persona che ero un minuto fa? 8) Perché siamo tutti così grassi… e ha davvero importanza? 9) Possiamo davvero essere certi che il paranormale sia una sciocchezza? 10) Che cos’è effettivamente la realtà?
    Non fate domande!
    EdMax

    Is this helpful?

    Max said on Jun 14, 2011 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book