Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Dieci piccoli indiani

(... e poi non rimase nessuno)

Di

Editore: Mondadori (Oscar Gialli, 95)

4.4
(14098)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 180 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Spagnolo , Tedesco , Francese , Catalano , Svedese , Ceco , Greco , Olandese , Portoghese

Isbn-10: A000096816 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Copertina rigida , Copertina morbida e spillati , CD audio , eBook

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Dieci piccoli indiani?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La storia: un'isola deserta, quasi irreale, una casa misteriosa, un ospite invisibile, dieci persone intrappolate, una voce che parla, ed è solo una voce, una serie inarrestabile di delitti, cadenzati dal ritmo di una filastrocca che diventa sempre più un incubo agghiacciante. Fino a che... non rimase nessuno.
Scritto nel 1939, "Dieci piccoli indiani", stampato e ristampato in tutto il mondo e in tutte le lingue, rappresenta, ancora oggi, un esempio, inimitato e inimitabile, di giallo classico. Quel giallo, cioè, costruito in un ambiente chiuso o ristretto: dimore patrizie, battelli esotici, treni leggendari, ville di campagna dove si muovono grandi famiglie o comunque gruppi eterogenei di persone, costrette da qualche causa esterna in un ambiente limitato o claustrofobico dal quale non possono evadere.
Questa astrattezza del giallo classico, questo suo anelito verso il puro gioco mentale, trova la sua massima espressione, ed esasperazione, in alcune opere della Christie, ma soprattutto in "Dieci piccoli indiani". Sfidando tutte le convenzioni del genere, l'autrice fa giocare a tutti i dieci personaggi tra ruoli classici, ma di solido, distinti: La Vittima, Il Sospettato e L'Investigatore. E uno dei dieci, inoltre, gioca un quarto ruolo: L'Assassino.
Una situazione assolutamente atipica, di sorprendente genialità, apparentemente incurante di qualsiasi "verosimiglianza", ma dettata dall'applicazione di una logica rigorosa e infrangibile.
Ordina per
  • 4

    Fantastico giallo con finale shock

    Anche questa volta la grande Agatha Christie non delude! Bellissimo giallo in cui 10 persone che non hanno tra loro apparentemente nulla in comune si trovano invitate su di un'isola solitaria in una ...continua

    Anche questa volta la grande Agatha Christie non delude! Bellissimo giallo in cui 10 persone che non hanno tra loro apparentemente nulla in comune si trovano invitate su di un'isola solitaria in una stupenda villa in cui però a mano a mano si verificano degli omicidi...Chi è l'assassino? I protagonisti arrivano a dubitare l'uno dell'altro...la tensione è tanta così come i colpi di scena...il finale ...imprevedibile!!! Veramente un bel libro, merita assolutamente di essere letto.

    ha scritto il 

  • 5

    Ahimè questo è stato l'unico romanzo della Christie che ho letto, ma se sono tutti così allora è davvero una grande autrice come si dice.
    Un romanzo veramente stupendo, con una trama intrigante e che ...continua

    Ahimè questo è stato l'unico romanzo della Christie che ho letto, ma se sono tutti così allora è davvero una grande autrice come si dice.
    Un romanzo veramente stupendo, con una trama intrigante e che in certi momenti mi ha fatto letteralmente rabbrividire ( come dovrebbe fare qualsiasi giallo).
    Consigliatissimo!!

    ha scritto il 

  • 4

    Non amo i romanzi gialli ma questo è un vero gioiello dell'inimmaginabile. Intricato di personaggi e di vicende drammatiche e violente, assume tuttavia una leggerezza di scrittura che affascina e con ...continua

    Non amo i romanzi gialli ma questo è un vero gioiello dell'inimmaginabile. Intricato di personaggi e di vicende drammatiche e violente, assume tuttavia una leggerezza di scrittura che affascina e conquista. Leggetelo, leggetelo!

    ha scritto il 

  • 5

    "Dieci piccoli indiani" è una storia fatta di angosce, misteri, ansie ..tutto amplificato dalle ambientazioni inquietanti e dai particolari che ci vengono serviti su un piatto d'argento. La morte ed i ...continua

    "Dieci piccoli indiani" è una storia fatta di angosce, misteri, ansie ..tutto amplificato dalle ambientazioni inquietanti e dai particolari che ci vengono serviti su un piatto d'argento. La morte ed il sospetto predominano su tutto.

    ha scritto il 

  • 0

    Dieci piccoli indiani...e poi non ne rimase nessuno

    Uno dei più bei gialli che io abbia mai letto. Agatha Christie è, nel suo genere, davvero strepitosa.
    Non c'è violenza nei suoi libri, tutto ruota attorno alla psicologia dei personaggi: la vittima (o ...continua

    Uno dei più bei gialli che io abbia mai letto. Agatha Christie è, nel suo genere, davvero strepitosa.
    Non c'è violenza nei suoi libri, tutto ruota attorno alla psicologia dei personaggi: la vittima (o le vittime) non è mai compianta da nessuno (anzi, spesso la sua morte è vista come una liberazione); ognuno può essere il colpevole; tutti hanno qualcosa da nascondere.
    Poi, ogni indizio viene spiegato, con la logica ferrea che contraddistingue la scrittrice. Credo che scrivere un buon giallo non sia affatto semplice. Brava Agatha Christie!

    ha scritto il 

  • 3

    Chiusi in casa con un assassino

    Travolgente giallo di Agatha Christie che vede vari personaggi che si ritrovano invitati in una casa su un isola da uno sconosciuto. Sono 10 e fra loro si nasconde un assassino, mentre rimangono impri ...continua

    Travolgente giallo di Agatha Christie che vede vari personaggi che si ritrovano invitati in una casa su un isola da uno sconosciuto. Sono 10 e fra loro si nasconde un assassino, mentre rimangono imprigionati devono capire di chi fidarsi e di chi no. Uno di quei libri che si può leggere tutto d'un fiato. Basta fare attenzione ai vari intrecci, perdendo la concetrazione si rischia di non capirci più nulla.

    "In un angolo dello scompartimento fumatori di prima classe, il signor Wargrave, giudice da poco in pensione, tirò una boccata di fumo dal sigaro e scorse con interesse le notizie politiche del "Times". Poi, depose il giornale sulle ginocchia e guardò fuori dal finestrino. Il treno correva attraverso il Somerset. Diede un'occhiata all'orologio: ancora due ore di viaggio. Ripensò a quello che i giornali avevano scritto su Nigger Island."

    ha scritto il 

Ordina per