Dieci piccoli indiani

Agatha Christie - Corriere della Sera 2014, 1

Voto medio di 15336
| 1.421 contributi totali di cui 1.397 recensioni , 18 citazioni , 0 immagini , 6 note , 0 video
Una casa misteriosa su un’isola deserta, lontana dal resto del mondo. Dieci persone che non si sono mai conosciute prima, tutte accomunate da un inquietante passato, riunite sotto lo stesso tetto da una serie inspiegabile di inviti. Un’assurda ...Continua
Ha scritto il 17/12/17
Un giallo davvero intrigante, la suspance persiste fino all'ultima pagina e il finale è davvero sorprendente. La lettura è molto scorrevole, i personaggi sono caratterizzati benissimo e dalla prima all'ultima pagina è impossibile annoiarsi. La ...Continua
Ha scritto il 10/12/17
Incredibile! Un vero capolavoro ! 10 assassini ,10 persone assassinate e nessun detective .
Ha scritto il 01/12/17
Proposto da Daniela
Ha scritto il 26/11/17
Meraviglioso
Geniale, niente da aggiungere.
Ha scritto il 13/11/17
Dieci piccoli indiani
Uno dei capolavori di Agatha Christie scritto nel 1939 arrivato in italia solo nel '46. Non c'è molto da dire o meglio la grandezza di Christie la si conosce ed il romanzo se pur breve è un scintillante gioiello, scritto benissimo. Giallo narrato ...Continua

Ha scritto il Jan 27, 2017, 14:44
"Quel che c'è di buono nelle isole è che, quando vi si arriva,non si può andare oltre, si è giunti come a una conclusione..."
Pag. 64
  • 1 mi piace
Ha scritto il Jan 25, 2017, 20:59
"C'era qualcosa di magico in un isola: bastava quella parola ad eccitare la fantasia. Si perdeva il contatto col resto del mondo, perchè un isola era un piccolo mondo a sè. Un mondo, forse, dal quale si poteva non tornare indietro".
Pag. 28
Ha scritto il Jan 02, 2017, 17:56
«Soffriva un po’ di reumatismi» rispose Rogers. «Nessun medico l’ha curata di recente?» «Medici?» Rogers sembrava meravigliato. «Da anni non chiamiamo un medico. Né io né lei.» «Non c’era motivo di credere che soffrisse di cuore?» ...Continua
Ha scritto il Dec 08, 2016, 09:39
C’era qualcosa di magico in un’isola: bastava quella parola a eccitare la fantasia. Si perdeva contatto col resto del mondo, perché un’isola era un piccolo mondo a sé. Un mondo, forse, dal quale non si poteva tornare indietro.
Ha scritto il Dec 07, 2016, 23:48
C'era qualcosa di magico in un'isola: bastava quella parola a eccitare la fantasia. Si perdeva contatto col resto del mondo, perché un'isola era un piccolo mondo a sé. Un mondo, forse, dal quale non si poteva tornare indietro.

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Nov 06, 2017, 13:14
Collocazione: MIST 145
Ha scritto il Sep 07, 2017, 07:10
Seconda lettura
Ha scritto il Aug 18, 2016, 17:43
3
Ha scritto il Apr 15, 2016, 14:42
823.912 CHR 8654 Letteratura Inglese

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi