Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Dietro lo specchio

Il misterioso fascino delle dimensioni addizionali, da Platone alla teoria delle stringhe e oltre

Di

Editore: Codice

3.7
(39)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 289 | Formato: Altri

Isbn-10: 8875780706 | Isbn-13: 9788875780708 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: S. Orrao

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Non-fiction , Science & Nature

Ti piace Dietro lo specchio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Poche teorie fisiche sono più accattivanti di quella che prevede l'esistenza,nel nostro universo, di altre dimensioni oltre le quattro che sperimentiamoquotidianamente. Lawrence Krauss, autore de "La fisica di Star Trek", esaminala fascinazione esercitata su di noi da mondi paralleli, dimensioni nascoste eregioni dell'essere che si estendono oltre la nostra percezione. Dal mitodella caverna di Platone alla leggendaria serie televisiva "Ai confini dellarealtà", dalla relatività di Einstein alla teoria delle stringhe, passando per"Le cronache di Narnia" di Lewis e la radicale rappresentazione della realtàofferta dal cubismo, "Dietro lo specchio" traccia una mappa chiara edettagliata delle più avanzate teorie fisiche e matematiche, senza rinunciarea confrontarle con le discipline - arte, letteratura e cinema di fantascienza -che a queste teorie si sono ispirate. Un intreccio in grado di soddisfare illettore più esperto e di rivolgersi a un pubblico meno specialistico macurioso di avvicinarsi alle moderne frontiere della scienza.
Ordina per
  • 3

    Insomma...

    C'è da dire che l'intento è lodevole: spiegare cosa siano, come possano essere interpretate e come sono state immaginate nel corso della storia contemporanea le dimnensioni addizionali a quelle che conosciamo.
    Per circa la prima metà il libro si mantiene su un livello discorsivo e relativamente t ...continua

    C'è da dire che l'intento è lodevole: spiegare cosa siano, come possano essere interpretate e come sono state immaginate nel corso della storia contemporanea le dimnensioni addizionali a quelle che conosciamo. Per circa la prima metà il libro si mantiene su un livello discorsivo e relativamente tecnico. Dopodichè comincia la confusione con idee, spiegazioni, smentite, nuove idee e nuove smentite, senza una chiara distinzione causale o cronologica. Per un pubblico molto avvezzo alla materia potrebbe essere un trattato storico sulle teorie che includono o spiegano dimensioni aggiuntive, ma il taglio sembra piuttosto divulgativo (totale assenza di formule che sembra che al giorno d'oggi spaventino moltissimo e quindi gli autori evitino come la peste). Del resto determinati argomenti sono decisamente complicati e non credo sia facile seguirli anche per un appassionato (non specialista) dell'argomento. Insomma, complesso e caotico, ma non mancano affatto gli spunti interessanti

    ha scritto il 

  • 4

    Che bel saggio, non tanto per apprendere tutte le teorie della fisica delle particelle degli ultimi 150 anni, quanto per la descrizione dell'evoluzione del pensiero della fisica teorica e di come molte teorie, in primis quelle sulle dimensioni addizionali possano sembrare affascinanti quanto effi ...continua

    Che bel saggio, non tanto per apprendere tutte le teorie della fisica delle particelle degli ultimi 150 anni, quanto per la descrizione dell'evoluzione del pensiero della fisica teorica e di come molte teorie, in primis quelle sulle dimensioni addizionali possano sembrare affascinanti quanto effimere. Splendido l'ultimo capitolo "verità e bellezza". Consigliato a tutti i curiosi!

    ha scritto il 

  • 4

    Come Alice nel Paese delle Meraviglie.

    E' proprio così che mi sono sentito nel leggere questo saggio di Krauss: spaesato, affascinato, perduto e meravigliato. Come per la mitica ragazzina, infatti, entrare nel mondo delle ultime teorie della fisica, per quanto spalanchi autentici vortici di conoscenza, dà alla testa. La lettura del vo ...continua

    E' proprio così che mi sono sentito nel leggere questo saggio di Krauss: spaesato, affascinato, perduto e meravigliato. Come per la mitica ragazzina, infatti, entrare nel mondo delle ultime teorie della fisica, per quanto spalanchi autentici vortici di conoscenza, dà alla testa. La lettura del volume non è facile, e vi consiglio di farlo con la mente accesa, cercando di digerire i concetti un po' alla volta. A parziale discolpa dell'autore, va detto che gli argomenti di cui tratta sono ostici per definizione, tanto che è lui stesso ad ammettere che sono spesso i proponenti delle teorie i primi a domandarsi dove stiano andando a parare. In alcune parti del volume, però, si ha la spiacevole sensazione che Krauss non stia parlando ai lettori, ma a se stesso o a qualcuno dei suoi eminenti colleghi. Insistere sugli esempi, magari cercando paragoni con l'esperienza quotidiana, pur nella consapevolezza di inevitabili distorsioni, avrebbe giovato alla chiarezza della trattazione. Va apprezzato invece lo sforzo costante dell'autore nel ricordare come il lavoro della scienza sia critica, tenacia, scetticismo e passione allo stesso tempo, e come si possa (si debba!) essere pronti ad abbracciare ogni nuova teoria quando sembra funzionare, e ad abbandonarla senza rimpianti quanto le prove empiriche latitano. Libro consigliato, più per generare domande che per trovare risposte... come è giusto che sia.

    ha scritto il 

  • 3

    Un libro spesso complicato, come d'altronde lo è la materia di cui tratta: la fisica delle teorie di stringa et similia.
    Nonostante questa complessità intrinseca, l'autore è un ottimo divulgatore, sapendo alternare le parti più tecniche a quelle più discorsive.
    Molto interessante anche il taglio ...continua

    Un libro spesso complicato, come d'altronde lo è la materia di cui tratta: la fisica delle teorie di stringa et similia. Nonostante questa complessità intrinseca, l'autore è un ottimo divulgatore, sapendo alternare le parti più tecniche a quelle più discorsive. Molto interessante anche il taglio scettico, ma aperto a tutte le possibilità nei confronti delle teorie di stringa, mettendo bene in evidenza la necessità della sperimentazione quando si parla di fisica: non basta la bellezza di teorie matematiche, ma è necessaria la prova empirica portata a supporto.

    ha scritto il 

  • 4

    il fascino delle dimensioni addizionali

    Come dice il mio amico Fabio (beh, è vero che anche lui come me è un matematico...), il tempo di validità di un articolo con un nuova teoria in fisica teorica è leggermente inferiore a una settimana. D'accordo, esagera un po'; ma è vero che nell'unico secolo sono state proposte decine di teorie p ...continua

    Come dice il mio amico Fabio (beh, è vero che anche lui come me è un matematico...), il tempo di validità di un articolo con un nuova teoria in fisica teorica è leggermente inferiore a una settimana. D'accordo, esagera un po'; ma è vero che nell'unico secolo sono state proposte decine di teorie più o meno simili tra loro e sempre piuttosto esoteriche. In questo libro Krauss, noto per aver scritto La fisica di Star Trek, usa come filo conduttore le proposte di aggiungere dimensioni (spaziali) addizionali per far quadrare i conti nelle teorie di unificazione delle forze fondamentali. L'autore la prende molto alla lontana, con Faraday e la sua nozione di campo che a detta sua è stato il primo esempio di una teoria che dà come esistente qualcosa che in effetti non c'è, e continua con un racconto scritto in modo appassionante di come le varie teorie sono sorte, messe nel dimenticatoio, riciclate perché come per il maiale non si butta mai via nulla. Non garantisco che, nonostante l'ottima traduzione, alla fine uno abbia capito come funzionino le varie teorie delle stringhe; ma quello mi sa sia un problema della fisica e non nostro.

    ha scritto il 

  • 2

    Interessanti gli argomenti trattati, anche se divisibili in due grandi gruppi: Fisica e vario. Quindi se non ne capite un'acca statene alla larga! Altrimenti ben venuti! La lettura sarà piacevole, anche se a volte un po' complicata. Spesso si salteranno a piè pari definizioni fondamentali (come q ...continua

    Interessanti gli argomenti trattati, anche se divisibili in due grandi gruppi: Fisica e vario. Quindi se non ne capite un'acca statene alla larga! Altrimenti ben venuti! La lettura sarà piacevole, anche se a volte un po' complicata. Spesso si salteranno a piè pari definizioni fondamentali (come quella del momento angolare... o me la sono persa io?). Tutto a posto, direte voi, basta scorrere alla fine del libro per controllare le definizioni dei concetti principali a fine libro. Per la maggior parte dei casi va bene, ma ce ne sono alcune che dopo averle lette potrebbe venirvi la faccia a forma di punto interrogativo...
    In definitiva, consigliato, anche se solo ad un pubblico abbastanza "ingamato" nella materia, ma non tenete in conto il titolo, quello giusto sarebbe: "La fisica del Novecento e un breve escursus sulle dimensioni in altre materie".

    ha scritto il 

  • 2

    Tanta carne al fuoco

    In questo testo Krauss tratta fondamentalmente della questione delle dimensioni addizionali che sono state spesso ipotizzate e reinventate.
    La trattazione vira molto presto verso un discorso quasi esclusivamente dedicato alla Teoria delle Stringhe che viene descritta in maniera molto critica ...continua

    In questo testo Krauss tratta fondamentalmente della questione delle dimensioni addizionali che sono state spesso ipotizzate e reinventate.
    La trattazione vira molto presto verso un discorso quasi esclusivamente dedicato alla Teoria delle Stringhe che viene descritta in maniera molto critica, mettendo in evidenza i suoi pregi, ma senza tacere sulla sua grande mancanza di riscontri sperimentali.
    Come sempre l'autore confeziona un testo molto interessante, tuttavia in questo caso si tratta di un libro che non riesce ad appassionare, vengono trattati molti concetti - forse troppi per un testo così breve - e le spiegazioni sono troppo concise.
    E' un libro interessante che consiglio, ma va riletto almeno un paio di volte con grande attenzione per poter essere apprezzato e compreso.

    ha scritto il 

Ordina per