Diez negritos

By

4.4
(14564)

Language: Español | Number of Pages: | Format: Others | In other languages: (other languages) English , Chi traditional , Italian , German , French , Catalan , Swedish , Czech , Greek , Dutch , Portuguese

Isbn-10: 9130029740 | Isbn-13: 9789130029747 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Hardcover , Mass Market Paperback , Board Book , Softcover and Stapled

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like Diez negritos ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 4

    L'isola dei misteri.

    Premetto che è stato il primo libro di Agatha Christie della mia "carriera di lettore", non sono infatti un amante dei gialli ma ho ritrovato questo libretto tra alcuni vecchi libri di mia madre e cos ...continue

    Premetto che è stato il primo libro di Agatha Christie della mia "carriera di lettore", non sono infatti un amante dei gialli ma ho ritrovato questo libretto tra alcuni vecchi libri di mia madre e così visto che è praticamente il romanzo più famoso (o uno dei più famosi) della scrittrice inglese ho deciso di iniziarlo.
    Il romanzo è lungo circa 210 pagine, quindi abbastanza breve, almeno per quelli che sono abituato a leggere io. Nonostante ciò però devo dire che in queste poche pagine riesce a sviluppare la trama in maniera semplice, lineare ma soprattuto efficace, rendendo il racconto ricco di pathos e colpi di scena, elementi in cui la Christie era bravissima.

    La trama è molto particolare, infatti 10 persone, sconosciute tra loro, vengono invitate a passare qualche giornata su un'isola da un tale Mr. U.N. Owen. Nessuno conosce il proprietario della villa in questione ma durante la prima sera avviene un fatto molto singolare e inquietate, infatti una voce registrata presenta ogni membro della compagnia e rivela un delitto nascosto compiuto da questi. Poco dopo uno dei 10 muore.

    Inizia così un'avventura misteriosa che vedrà perire uno dopo l'altro i membri del gruppo, e la cosa ancora più terribile è che questi omicidi sono tutti preannunciati, infatti le persone muoiono seguendo una filastrocca intitolata "10 negretti" (da qui il titolo originale del libro, poi edulcorato nelle versioni successive).

    Chi è l'assassino? Questo sta a voi scoprirlo, le uniche cose da mettere in conto sono che: l'isola è deserta, nessuno può arrivare sull'isola causa cattive condizioni meteo. Quindi...

    Un romanzo veramente piacevole e divertente, si legge in pochissimo tempo e intrattiene molto volentieri. La Christie riesce non solo a incuriosire il lettore ma allo stesso tempo diventa anche una prova di intelligenza con chi legge, infatti non cercherà mai di ingannarvi, nè cambierà le carte in tavola, la verità è lì, sotto i vostri occhi, ma si nasconde bene.

    E se non doveste riuscire a trovare la soluzione nell'epilogo finale ci sarà tempo per la spiegazione dei poliziotti e la confessione dettagliata dell'assassino. Che dire...buona lettura.

    said on 

  • 5

    Non avevo mai letto nulla di Agatha Christie e volevo assolutamente leggere qualcosa. Ho scelto questo romanzo sia perchè è uno dei più conosciuti sia perchè quello che mi ispirava di più. Davvero un ...continue

    Non avevo mai letto nulla di Agatha Christie e volevo assolutamente leggere qualcosa. Ho scelto questo romanzo sia perchè è uno dei più conosciuti sia perchè quello che mi ispirava di più. Davvero un giallo ben pensato e scritto, sfido chiunque a predire la fine prima delle ultime pagine (l'autrice è bravissima a farti sospettare dei personaggi innocenti per distogliere l'attenzione dal vero colpevole).

    said on 

  • 4

    Perché non ho letto prima Dieci piccoli indiani della magistrale Agatha Christie?! È sempre stato lì, nella mia libreria, in attesa...
    Finalmente un giallo come si deve. Nessuna digressione inutile, a ...continue

    Perché non ho letto prima Dieci piccoli indiani della magistrale Agatha Christie?! È sempre stato lì, nella mia libreria, in attesa...
    Finalmente un giallo come si deve. Nessuna digressione inutile, anche se in alcuni punti avrei preferito una maggiore descrizione sia dei personaggi che degli eventi in generale, ma credo che ciò avrebbe compromesso l'aspetto essenziale di questo piccolo capolavoro.
    La trama segue un meccanismo ben calcolato, in modo tale che tutto si focalizza su un punto centrale: la ricerca dell'assassino, considerando che tutti possono essere sospettati finché non dimostrano la loro innocenza.
    Le domande ricorrenti sono semplici: chi è il signor Owen? Come avvengono gli omicidi? E tutto trova risposta alla fine (finale assolutamente inaspettato).

    said on 

  • 3

    Nononono, bellissima l'ambientazione sull'isola, bella l'idea delle dieci persone con lo scheletro nell'armadio ma...un giallo senza neanche un briciolo di indizi per capire da soli chi è l'assassino ...continue

    Nononono, bellissima l'ambientazione sull'isola, bella l'idea delle dieci persone con lo scheletro nell'armadio ma...un giallo senza neanche un briciolo di indizi per capire da soli chi è l'assassino proprio non lo posso accettare!

    said on 

  • 4

    A qualcuno è mai capitato di scorrere le pagine in avanti, giusto per vedere quante ne mancano alla fine del capitolo? Magari siete stanchi, a letto, gli occhi si stanno per chiudere, ma c'è ancora un ...continue

    A qualcuno è mai capitato di scorrere le pagine in avanti, giusto per vedere quante ne mancano alla fine del capitolo? Magari siete stanchi, a letto, gli occhi si stanno per chiudere, ma c'è ancora una briciola di lucidità intellettiva che vi spinge a dire che se mancano due, tre pagine al prossimo capitolo, forse è fattibile leggerle prima di morire addormentati. Ecco, a me è successo leggendo Dieci piccoli indiani, e ovviamente mi sono spoilerata da sola il chi della situazione. Lo sapevo che non lo dovevo fare, lo sapevo lo giuro, però è stato più forte di me: volevo dormire ma volevo ancora leggere. Con i gialli però è un'autospoileramento telefonato, dovevo e dovrò starci più attenta.

    Imprecazioni sussurrate sotto le coperte alle due di notte a parte, me lo sono goduto questo giallo a “isola chiusa” della Christona. Come tutte le sue narrazioni anche questa scorre davvero bene, e da signora del Giallo quale lei era e sarà per sempre, la curiosità di capire chi, cosa e come è costantemente stimolata, tant'è che credo siano pochi quelli che non si sono bevuti in un sorso questa bella storia di morte e morti mezza degenerata.

    Che poi, son dell'idea che i gialli della Christie andrebbero letti sempre due volte: la prima per lasciarsi trasportare da quella abitudinaria scia di morte che culmina nella scoperta dell'assassino ( senza che in tutto questo ci si capisca poco più di una mazza); la seconda per rivivere tutto col senno di poi, assaporando quel pizzico di superbia che finalmente ci distingue da quei poveri inetti e ignari personaggi.

    Comunque, devo ammettere con onestà che preferisco i casi di Miss Marple e Poirot sopra tutti; considero Dieci piccoli indiani un testo leggermente sopravvalutato tra la sconfinata produzione di capolavori della Signora, ma questo è una mia opinione personale. Però, narrazione di genere sempre valida e godibile, dal gusto retrò che mai stanca. Proverò a rileggerlo in lingua originale, prima o poi.

    said on 

  • 4

    Wow

    E' il primo libro di Agatha Christie che leggo e devo dire che mi ha lasciata a bocca aperta fino all'ultima pagina... Non vi preoccupate, non vi svelerò nulla dell'assassino e sul suo modo di agire c ...continue

    E' il primo libro di Agatha Christie che leggo e devo dire che mi ha lasciata a bocca aperta fino all'ultima pagina... Non vi preoccupate, non vi svelerò nulla dell'assassino e sul suo modo di agire con astuzia e furbizia. Si tratta di un libro ricco di dettagli e minuziose descrizioni dei vari personaggi coinvolti. Una lettura piacevole.

    said on 

  • 5

    Labirintico

    L'autrice di gialli più famosa di sempre mostra tutta la sua abilità nel creare labirintici intrecci narrativi, proprio perché in questo caso mette le carte subito in tavola e le scopre man mano facen ...continue

    L'autrice di gialli più famosa di sempre mostra tutta la sua abilità nel creare labirintici intrecci narrativi, proprio perché in questo caso mette le carte subito in tavola e le scopre man mano facendoci assaporare tutta la sospance degna dei migliori thriller.

    said on 

Sorting by
Sorting by