Ed. dal 2003 al 2006 pag. 535

Un piccolo raffinato college nel Vermont. Cinque ragazzi ricchi e viziati e il loro insegnante di greco antico, un esteta che esercita sugli allievi una forte seduzione spirituale. A loro si aggiunge un giovane
...Continua
the raffodils
Ha scritto il 28/06/18
Dio di delusioni
Niente più che un thriller, e nemmeno troppo originale, con qualche sporadico riferimento al mondo classico. Il tentativo di raccontare le dinamiche psicologiche all'interno di un gruppo così chiuso (di per sè interessante) per me non è riuscito. Tro...Continua
Alisee
Ha scritto il 26/06/18
4.5 Intelligenti e dannati
Dio di illusioni è un romanzo molto particolare, per lo stile e la capacità descrittiva dell'autrice. Dà l'impressione di trovarsi di fronte ad un romanzo appartenente, sotto certi aspetti, ad un'altra epoca, per l'incredibile varietà lessicale e l'a...Continua
Claire
Ha scritto il 06/05/18

Splendido: i personaggi e le vicende ti entrano dentro, uno di quei libri che non vorresti finissero mai, per continuare a seguire questo intrigo troppo grande per delle giovani menti estremamente plasmabili

Frasi arzianti
Ha scritto il 09/04/18
Frasi dal libro
“Alcune cose sono troppo terribili per entrare a far parte di noi al primo impatto; altre contengono una tale carica di orrore che mai entreranno dentro di noi. Solamente più tardi, nella solitudine, nella memoria, giunge la comprensione: quando le c...Continua
Henriette
Ha scritto il 29/03/18
La bellezza è severa.
Chiusa l'ultima pagina (la numero 622) non resta altro che un senso di perdita ineccepibile. Per la fine della storia, certo, ma per molto altro. Non sarà facile abbandonare del tutto i protagonisti di questo meraviglioso viaggio: Richard, Francis, B...Continua

wolenboeken
Ha scritto il Aug 13, 2016, 07:34
Prima, ero paralizzato. Perché pensavo troppo, vivevo troppo con il cervello.
Pag. 553
wolenboeken
Ha scritto il Aug 13, 2016, 07:33
La mia vita è sempre stata scialba e stagnante... morta, insomma. Il mondo mi è sempre parso un luogo deserto. Ero incapace di godere delle più semplici gioie. Mi sentivo morto in tutto ciò che facevo.
Pag. 552
wolenboeken
Ha scritto il Aug 09, 2016, 12:46
Ogni cosa crudele o stolta che avessi detto mi tornava in mente con amplificata chiarezza: una serie ininterrotta di insulti, colpe, imbarazzi a partire dall'infanzia mi sfilavano davanti uno per uno, con vivida e incisiva nitidezza.
Pag. 355
wolenboeken
Ha scritto il Aug 06, 2016, 13:06
Ci piace pensare che abbia un certo valore, la vecchia banalità amor vincit omnia. Ma se ho imparato una cosa, nella mia breve, triste vita, è che quella banalità è una bugia: l'amore non vince nulla, e chi lo pensa è uno sciocco.
Pag. 258
wolenboeken
Ha scritto il Aug 01, 2016, 12:00
Mentre fino a un certo punto Milton ha ragione - è la mente il nostro luogo, ed essa può fare del paradiso un inferno ecc. -, è nondimeno chiaro che i fondatori di Plano la progettarono non sul modello del paradiso ma piuttosto sull'altra, ben più do...Continua
Pag. 19

Nandina
Ha scritto il Dec 31, 2014, 17:24
Dio di illusioni
Dio di illusioni
copertina edizione BUR 2014

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi