Dio non è grande

Come la religione avvelena ogni cosa

Voto medio di 642
| 105 contributi totali di cui 78 recensioni , 27 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
"La fede religiosa è inestirpabile, appunto perché siamo creature ancora inevoluzione. Non si estinguerà mai, o almeno non si estinguerà finché nonvinceremo la paura della morte, del buio, dell'ignoranza e degli altri".Questa la tesi da cui ... Continua
Ha scritto il 02/06/17
…e dove arriva appesta la cultura umana
Se Michel Onfray è indignato e Paul Desalmand è pacato, Christopher Hitchens è una via di mezzo: non s’incazza (quasi) mai, però mantiene un elevato livello di polemicità. E mostra come alla radice delle peggiori schifezze della Storia umana ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 24/08/16
In queste ore un dittatore a capo di una fazione di fondamentalisti religiosi sta consolidando un regime di oppressione ad un tiro di sasso dall'Europa degli autoproclamati figli di Voltaire e Rousseau. Lo sta facendo con le stesse modalità con cui ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 30/05/16
Sono stato un po'indeciso se dare 3 o 4 stelle: sì, perché seppur la prosa di Hitchens sia decisamente scorrevole e piacevole, e i contenuti siano ampiamente meritevoli delle 4 stelline, ogni tanto l'autore si lascia trasportare e diventa ...Continua
  • 2 mi piace
Ha scritto il 07/09/15
Sottoscrivo tutto
29.08.2015 Secondo me il classico livre de chevet, anche perchè leggerlo tutto in un colpo è un po' faticoso, sia per l'argomento che per la scrittura, però sì, ho trovato qualcuno che usa le parole per dire quello che penso e non ho mai saputo ...Continua
  • 4 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 02/05/15
Pur partendo da una tesi di fondo che personalmente condivido appieno, leggendo il libro si fatica a vedere un discorso unitario e approfondito: se, infatti, la domanda o l'argomento che si pone all'inizio di ogni capitolo viene trattato attraverso ...Continua

Ha scritto il Sep 18, 2010, 18:08
“Tantum religio potuit suadere malorum” (“A tali misfatti poté indurre la religione”, Lucrezio, De rerum natura)
Pag. 15
Ha scritto il Sep 10, 2010, 17:18
Dobbiamo prima andar oltre la nostra preistoria e sfuggire alle mani nocchiute che si allungano per trascinarci indietro alle catacombe, agli altari fumanti e ai colpevoli piaceri della soggezione e dell'abiezione. «Conosci te stesso», dicevano i ...Continua
Pag. 271
Ha scritto il Sep 10, 2010, 17:18
Sarebbe come buttare via la parte carnosa e rosicchiare tristemente il nocciolo, quando ci venisse offerta una deliziosa e fragrante primizia, maturata in una serra intelligentemente e amorosamente progettata.
Pag. 270
  • 1 commento
Ha scritto il Sep 10, 2010, 17:17
Ancora una volta si dimostra come la religione monoteistica sia il plagio di un plagio di una diceria di una diceria, dell'illusione di un'illusione che riporta sempre e comunque all'artificio di alcuni non-eventi.
Pag. 267
  • 1 commento
Ha scritto il Sep 10, 2010, 17:17
«Il vero valore di un uomo non è determinato dal possesso, supposto o reale, della Verità, ma piuttosto dal suo sincero impegno a cercarla. Non è nel possesso della Verità, ma piuttosto nel perseguimento di essa che egli estende i suoi poteri e ...Continua
Pag. 265

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi