Dire quasi la stessa cosa

Esperienze di traduzione

Voto medio di 475
| 76 contributi totali di cui 65 recensioni , 11 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Il libro nasce da una serie di conferenze e seminari sulla traduzione tenuti da Umberto Eco a Toronto, a Oxford e all'Università di Bologna negli ultimi anni e dell'intervento orale cerca di mantenere il tono di conversazione. I testi si propongono d ...Continua
Ha scritto il 27/08/17
Eco scrive del tradurre usando quasi esclusivamente esempi pratici, e in larga parte esempi che lo riguardano in prima persona come traduttore (ha tradotto in verità solo un paio di testi) o come autore tradotto.
Nonostante la sua proverbiale spo
...Continua
  • 1 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 04/02/17
Un saggio sulle traduzioni scritto in modo magistrale. Nonostante si tratti di un saggio, non è ad uso esclusivo di addetti ai lavori, ma può far capire anche a noi comuni mortali le difficoltà e le peculiarità del mestiere di traduttore, tra esempi ...Continua
Ha scritto il 10/10/16
Tradurre è negoziare
Cosa vuol dire tradurre? La domanda è meno peregrina di quanto appaia. Se ci fosse una risposta precisa, non ci sarebbe alcun problema almeno in linea di principio ad avere una traduzione automatica o perlomeno una teoria della traduzione: ma entramb ...Continua
  • 1 mi piace
  • 3 commenti
Ha scritto il 26/05/14
Ho letto (e sentito) opinioni per lo più negative su questo libro, riguardo a come Umberto "Ego" Eco abbia tirato fuori il meglio del suo egocentrismo e abbia decantato se stesso sia in qualità di autore che di traduttore. Personalmente trovo che il ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 16/04/14
Umberto EGO colpisce ancora
Il celebre Signor Ego, eminente narcisista di ambiente accademico, questa volta ci propone un'opera a dir poco... Superflua!
E così, partendo da quello che doveva essere un discorso sulla traduzione, si arriva al delirio di onnipotenza. Come al
...Continua
  • 3 mi piace

Ha scritto il Aug 16, 2011, 19:35
La conclamata "fedeltà" delle traduzioni non è un criterio che porta all'unica traduzione accettabile (per cui è da rivedere persino l'alterigia o la condiscendenza sessista con cui si guarda talora alle traduzioni "belle ma infedeli"). La fedeltà è ...Continua
Pag. 364
  • 1 commento
Ha scritto il Aug 16, 2011, 19:33
Una interpretazione precede sempre la traduzione - se non si tratta di traduzioni dozzinali di testi dozzinali, fatte tirando al soldo senza perdere tempo. In effetti i bravi traduttori, prima di iniziare a tradurre, passano un gran tempo a leggere e ...Continua
Pag. 247
  • 1 commento
Ha scritto il Aug 16, 2011, 19:31
A me bastava ed ero ugualmente contento: certe volte mi chiedo se forse non scrivo romanzi soltanto per permettermi questi riferimenti comprensibili solo a me stesso, ma mi sento come un pittore che ritragga una stoffa damascata e tra le volute, i fi ...Continua
Pag. 218
  • 1 commento
Ha scritto il Aug 16, 2011, 19:30
Per concludere, Montanari (2000: 175) propone di tradurre source/target come testo fonte/ testo foce. Può sembrare un suggerimento come un altro, dove foce forse sta meglio dell'inglese target, troppo business-like, ...Continua
Pag. 195
  • 1 commento
Ha scritto il Aug 16, 2011, 19:26
Quando si traduce letteralmente dall'italiano in tedesco si ottiene spesso un effetto un po' solenne o altmodisch, a causa dell'uso frequente, in italiano, di costruzioni participiali o gerundive - o addirittura con ablativo assoluto - che nel ...Continua
Pag. 180
  • 1 commento

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi