Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Discorso sul metodo

Traduzione, introduzione e note di Vincenzo De Ruvo

Di ,

Editore: Barbera

2.9
(14)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 123 | Formato: Paperback

Data di pubblicazione: 

Genere: Education & Teaching , Philosophy

Ti piace Discorso sul metodo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 2

    È interessante valutare come un uomo riesca a passare alla storia per 10 cose giuste che ha detto riuscendo a far dimenticare le altre 90 sbagliate.

    Sino alla terza parte, a mio giudizio, il ...continua

    È interessante valutare come un uomo riesca a passare alla storia per 10 cose giuste che ha detto riuscendo a far dimenticare le altre 90 sbagliate.

    Sino alla terza parte, a mio giudizio, il discorso regge: il Metodo è sensato, ma il resto... le considerazioni su Dio, la stessa concezione anatomica del cuore... da mettersi le mani nei capelli! Sì, certo, è un testo da contestualizzare, ma egli riteneva il Metodo fosse valido soprattutto per i posteri, quindi mi sembra giusto decontestualizzarlo e criticarlo nella sua contemporaneità: una buffonata.

    ha scritto il 

  • 3

    Un libro molto particolare è puramente di spiegazione. Cartesio voleva spiegare il "come" arrivava alle sue conclusioni, al perché delle sue scelte di ricerca e dei suoi modi.

    Il libro è a metà ...continua

    Un libro molto particolare è puramente di spiegazione. Cartesio voleva spiegare il "come" arrivava alle sue conclusioni, al perché delle sue scelte di ricerca e dei suoi modi.

    Il libro è a metà tra un atto biografico e un trattato di filosofia sul pensiero o sull'esatto "metodo" per avanzare nella ricerca scientifica ma anche umana.

    Al giorno d'oggi, questo "metodo" è ampiamente superato però, la semplicità con cui vengono esposti questi concetti non semplici, è da ammirare per un filosofo e matematico dell'inizio 1600.

    ha scritto il