Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Discorso sulla servitù volontaria

By Étienne de La Boétie,Paul-Henri d'Holbach

(196)

| Paperback | 9788861901957

Like Discorso sulla servitù volontaria ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

“Com’è possibile che tanti uomini sopportino un tiranno che non ha forza se non quella che essi gli danno. Da dove prenderebbe i tanti occhi con cui vi spia se voi non glieli forniste? Siate risoluti a non servire più, ed eccovi liberi.”
“Vedendo que Continue

“Com’è possibile che tanti uomini sopportino un tiranno che non ha forza se non quella che essi gli danno. Da dove prenderebbe i tanti occhi con cui vi spia se voi non glieli forniste? Siate risoluti a non servire più, ed eccovi liberi.”
“Vedendo questa gente che striscia ai piedi del tiranno talvolta ho pietà della loro stupidità. Non basta che obbediscano, devono compiacerlo, devono ammazzarsi per i suoi affari.”
Étienne de La Boétie

Scrittore e uomo politico francese, si avvicina giovanissimo
Étienne de La Boétie (1530-1563)
Scrittore e uomo politico francese, si avvicina agli studi umanistici leggendo e traducendo opere di Senofonte e Plutarco. Segue i corsi di Diritto all’Università di Orléans e negli stessi anni scrive il Discorso sulla servitù volontaria.
Nel 1553, a soli ventitré anni, è ammesso al Parlamento di Bordeaux e impronta la sua attività politica alla difesa della tolleranza religiosa e alla salvaguardia della libertà di coscienza individuale.
Nel 1559 incontra Michel de Montaigne, con il quale stringe un’intensa amicizia che quest’ultimo celebrerà nei suoi Saggi. La lettura del Discorso sulla servitù volontaria colpì e appassionò tanto l’amico filosofo da indurlo a presentare proprio i suoi Saggi come commento «a un quadro ricco, rifinito e composto, un discorso chiamato La servitù volontaria».
Nel 1563 La Boétie contrae una grave malattia, con molta probabilità la peste, che lo porterà alla morte dopo dieci giorni di agonia.

24 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Questo è un libro che bisogna leggere assolutamente e meditarci sopra. A volte non bisogna dare la colpa sempre ad altri.

    Is this helpful?

    MAGIO said on Mar 22, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Etienne de la Boetie: il migliore amico di Montaigne

    e non mi si venga a dire che non se li sceglieva bene gli amici, Montaigne.

    Is this helpful?

    Bradipous said on Oct 26, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    A parte il tentativo di mettere in luce ( per altro in modo sommario e disorganico) il comportamento dell'uomo nei confronti del potere e la sua sottomissione - intesa prima di tutto come atteggiamento psicologico- in luogo di una libertà che andrebb ...(continue)

    A parte il tentativo di mettere in luce ( per altro in modo sommario e disorganico) il comportamento dell'uomo nei confronti del potere e la sua sottomissione - intesa prima di tutto come atteggiamento psicologico- in luogo di una libertà che andrebbe non solo proclamata ma soprattutto conquistata interiormente, questo libretto rivela tutti i suoi difetti.

    Is this helpful?

    Enrico said on Jul 21, 2013 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Ripescato perché?

    ---
    Come nel cinema la penuria di sceneggiature qualitative spinge ad adattare sempre più di frequente trame narrative dalla letteratura di carta, così si trovano spesso a scaffale ripescaggi di saggi redatti in secoli a noi lontanissimi, che dovrebb ...(continue)

    ---
    Come nel cinema la penuria di sceneggiature qualitative spinge ad adattare sempre più di frequente trame narrative dalla letteratura di carta, così si trovano spesso a scaffale ripescaggi di saggi redatti in secoli a noi lontanissimi, che dovrebbero, a detta dei curatori, proporre imperiture chiavi di lettura del presente.
    E invece sono solo noiosi e datati pamphlet, riproposti per parlare e far parlare di argomenti di attualità, a prescindere dalla qualità del prodotto. In questo caso, si parla di tirannia e di abdicazione di diritti, con un richiamo abbastanza palese alle vicende del signor B, contro il quale il Gruppo Spagnol (a cui appartiene Chiare Lettere) porta avanti da anni una battaglia culturale e mediatica.

    Is this helpful?

    Cristiano Modanese said on May 4, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Me ne sono venuti in mente a centinaia di individui che hanno questa particolare propensione a privarsi della propria libertà. Stupisce che un autore del Seicento sia tanto attuale, ma se in un Paese come il nostro c'è ancora una gran quantità di gen ...(continue)

    Me ne sono venuti in mente a centinaia di individui che hanno questa particolare propensione a privarsi della propria libertà. Stupisce che un autore del Seicento sia tanto attuale, ma se in un Paese come il nostro c'è ancora una gran quantità di gente che sputa addosso alla propria dignità tanto tranquillamente vuol dire che probabilmente siamo noi ad esserci fermati al Seicento.

    Is this helpful?

    Alessandro P. said on Dec 4, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    un'occasione mancata

    ho comprato il libro perché mi colpiva il titolo e mi interessava l'argomento; ora che l'ho finito, la mia curiosità è rimasta tale e quale a prima.
    è vero, i classici non hanno mai finito di dire quel che hanno da dire, e in questo caso si parla di ...(continue)

    ho comprato il libro perché mi colpiva il titolo e mi interessava l'argomento; ora che l'ho finito, la mia curiosità è rimasta tale e quale a prima.
    è vero, i classici non hanno mai finito di dire quel che hanno da dire, e in questo caso si parla di un classico che, pur usando argomentazioni un bel po' datate, dice il vero. la vera, grande pecca del libro è, a mio parere, l'introduzione, scritta per metà citando il libro stesso (quindi consiglio di leggerla dopo), con la stessa genericità e mancanza di appigli alla realtà d'oggi - eppure è firmata Flores D'Arcais.
    gradevole il saggio in appendice, settecentesco, molto ironico.

    Is this helpful?

    strettalafoglia590 said on Mar 13, 2012 | 2 feedbacks

Book Details

  • Rating:
    (196)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Paperback 96 Pages
  • ISBN-10: 8861901956
  • ISBN-13: 9788861901957
  • Publisher: Chiarelettere
  • Publish date: 2011-06-01
  • Also available as: Mass Market Paperback , Others
Improve_data of this book