Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Disgrace

By J. M. Coetzee

(17)

| Paperback | 9780143036371

Like Disgrace ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

From the author of Waiting for the Barbarians and the Booker-Prize-winning Life & Times of Michael K, a dazzling new novel--his first in five years

Disgrace--set in post-apartheid Cape Town and on a remote farm in the East Continue

From the author of Waiting for the Barbarians and the Booker-Prize-winning Life & Times of Michael K, a dazzling new novel--his first in five years

Disgrace--set in post-apartheid Cape Town and on a remote farm in the Eastern Cape--is deft, lean, quiet, and brutal. A heartbreaking novel about a man and his daughter, Disgrace is a portrait of the new South Africa that is ultimately about grace and love.

At fifty-two Professor David Lurie is divorced, filled with desire but lacking in passion. An affair with one of his students leaves him jobless and friendless. Except for his daughter, Lucy, who works her smallholding with her neighbor, Petrus, an African farmer now on the way to a modest prosperity. David's attempts to relate to Lucy, and to a society with new racial complexities, are disrupted by an afternoon of violence that changes him and his daughter in ways he could never have foreseen. In this wry, visceral, yet strangely tender novel, Coetzee once again tells "truths [that] cut to the bone." (The New York Times Book Review)

"The kind of territory J.M Coetzee has made his own. . .By this late point in the century, the journey to a heart of narrative darkness has become a safe literary destination . . . Disgrace goes beyond this to explore the furthest reaches of what it means to be human: it is at the frontier of world literature."--Sunday Telegraph (UK)

458 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Un libro molto bello, che disturba e lascia un senso di amarezza che non va via chiusa l’ultima pagina.
    Credo che la sua forza sia nel mostrare la caduta di David Lurie senza suscitare compassione per la complessita’ di un personaggio controverso.
    Pe ...(continue)

    Un libro molto bello, che disturba e lascia un senso di amarezza che non va via chiusa l’ultima pagina.
    Credo che la sua forza sia nel mostrare la caduta di David Lurie senza suscitare compassione per la complessita’ di un personaggio controverso.
    Per alcuni aspetti molto umano, a suo modo dignitoso, alla ricerca di un umilta’ perduta e pronto ad espiare. Per altri impresentabile, rancoroso, che se ne avesse l’occasione sarebbe anche violento. Dovrebbe essere il difensore dei valori “occidentali” ma poi, fino alla fine, non esita a sfruttare una poveretta minorenne drogata che poi riporta “dove ti ho trovata”.
    Forse il mondo invisibile del Sud Africa o magari anche quello non raccontato dai media dei paesi evoluti e’ cosi’, almeno in parte. Un gioco di sopravvivenza tra “specie” diverse, anche all’interno della categoria della “razza” umana. Come tanti libri, anche questo lascia alla fine un germoglio di speranza, “saro’ una buona madre” dice Lucy. E David si chiede se da nonno, perdendo la passione, non possa diventare un uomo migliore. Un libro che cerca di uccidere, umiliare, ridicolizzare ogni speranza ma che forse non ce la fa.

    Is this helpful?

    Waldstein said on May 28, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Sei un genio del male,coetzee. Anche se le tue fini irrisolte mi mettono l'ansia.

    Is this helpful?

    Cec said on May 21, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Bello, amaro. <br />Una prosa essenziale, una storia aspra i cui personaggi sono legati ad una propria logica individuale sconvolgente.

    Is this helpful?

    Oliviabigbunny said on May 20, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Scambiabile

    Ambientato in Sud Africa, in cui la situazione politica e sociale è ben lontana dalla nostra, carica di asperità e silenzi. In Vergogna si racconta la vicenda del professor David Lurie, uomo sposato e divorziato che intraprende una relazione con una ...(continue)

    Ambientato in Sud Africa, in cui la situazione politica e sociale è ben lontana dalla nostra, carica di asperità e silenzi. In Vergogna si racconta la vicenda del professor David Lurie, uomo sposato e divorziato che intraprende una relazione con una giovane studentessa. La sua “colpa” è quella di aver varcato il confine che separa due ruoli, di aver fatto sesso con una ragazza la cui differenza di età è notevole, e avere la convinzione di non aver sbagliato. Allontanato come un appestato dal mondo universitario, si trasferisce per un po’ dalla figlia, in una sperduta casa in campagna. Lì dovrà scontrarsi con una realtà ben diversa dalla sua, ancora più ostile, dovrà relazionarsi con la figlia e le sue decisioni.
    Oltre al contesto sociale vi è una grande riflessione sulla vecchiaia, sulla sessualità che appare dissonante vicino ad un corpo non più giovane, sulle scelte imposte da se stessi e da altri.
    Dal libro avrei eliminato le pagine riguardanti Byron, un progetto a cui il professore teneva parecchio, ma che hanno reso la lettura un po’ lenta e noiosa.

    Is this helpful?

    Ametista said on May 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Vergogna di J.M. Coetze

    Una storia che fa così tanto riflettere su se stessi è difficile da trovare. Entra così tanto nell'intimità del protagonista che anche noi ci sentiamo messi a nudo, non riesci a sentirti giudice di ciò che fa, riesci a sentire i suoi sentimenti, r ...(continue)

    Una storia che fa così tanto riflettere su se stessi è difficile da trovare. Entra così tanto nell'intimità del protagonista che anche noi ci sentiamo messi a nudo, non riesci a sentirti giudice di ciò che fa, riesci a sentire i suoi sentimenti, riesci a sentire le sue colpe, riesci a sentire la sua rabbia e frustrazione.
    Se aveste la pazienza vi consiglio di informarvi sulla situazione sociale in Sudafrica mentre lo leggete o dopo, vi aiuterà a capire ciò che l'autore non dice. Non capisco sinceramente perchè non lo dica, se per volontà personale o per paura che non venisse stampato, questo non lo so, ma comunque dovreste cercare di entrare in un mondo che non ci appartiene, dove, nonostante gli sforzi di Mandela ci sono leggi per i "bianchi" e per i "neri". Dove nonostante sia un paese con un arcobaleno di etnie dal libro sembra che siano tutte ben differenziate, ognuna con i propri usi e costumi.
    Se ce l'avete tra le mani iniziate a leggerlo e non riuscirete più a smettere.

    RECENSIONE A CURA DI ELLE

    Passa a trovarci:
    www.ilclubdellibro.it

    Is this helpful?

    Il Club del Libro said on Mar 8, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    http://antoniodileta.wordpress.com/2014/03/07/vergogna-… “David apre il cancello, poi la porta, fa entrare la ragazza. Accende le luci, prende la borsa. Vede le goccioline di pioggia sui suoi capelli e le fissa incantato. Lei abbassa gli ...(continue)

    http://antoniodileta.wordpress.com/2014/03/07/vergogna-…

    “David apre il cancello, poi la porta, fa entrare la ragazza. Accende le luci, prende la borsa. Vede le goccioline di pioggia sui suoi capelli e le fissa incantato. Lei abbassa gli occhi, offrendogli lo stesso sorrisetto evasivo e forse civettuolo di poc’anzi.
    In cucina David stappa una bottiglia di Meerlust e mette biscotti e formaggio su un piatto. Quando torna, la trova in piedi davanti alla libreria, con la testa inclinata per leggere i titoli. Mette su un po’ di musica: il quintetto per clarino di Mozart.
    Vino, musica: un rituale che un uomo e una donna recitano da secoli. Non c’è niente di male nei rituali, sono stati inventati per facilitare i passaggi imbarazzanti. Ma la ragazza che si è portato a casa non è solo trent’anni più giovane di lui: è una studentessa, una sua studentessa, sotto la sua tutela. Qualunque cosa capiti fra loro, dovranno rivedersi nei panni del professore e dell’allieva. È preparato a una cosa del genere?”
    (J. M. Coetzee, “Vergogna”)

    “Vergogna” di J. M. Coetzee è un gran romanzo, scritto (tradotto) bene, avvincente, che tocca temi delicati e che mi ha fatto scoprire un autore che finora era solo “un nome”, benché Premio Nobel per la Letteratura nel 2003. Il protagonista della storia è David Lurie, cinquantadue anni, professore disincantato e disilluso, che aspira a scrivere un’opera su Byron, reduce da due matrimoni falliti e che si concede, unico svago dalle abitudini quotidiane, gli incontri del giovedì con una prostituta. David ritiene che i fallimenti coniugali siano derivati anche dalla mancanza di un “fuoco interiore”, dalla sua incapacità di costruire qualcosa di più profondo rispetto a un amplesso occasionale. In questo quadro, s’inserisce un incontro fatale, che stravolgerà la sua esistenza, con Melanie, una sua studentessa. La passione tra i due scocca in maniera repentina e reciproca, ma presto la situazione si complica, perché le loro posizioni sono scomode agli occhi altrui, e soprattutto perché un giovane spasimante della ragazza non accetta la situazione. Finisce che David è accusato di aver molestato la giovane e costretto a essere sottoposto alla morbosa curiosità dei mass-media, oltre che a un’infamante inchiesta da parte di colleghi universitari, ai quali non pare vero di poterlo estromettere dall’insegnamento.
    La prima vergogna che possiamo riferire al titolo, quindi, è quella della ragazza, che si lascia guidare da altri in quella denuncia immotivata, solo perché “non sta bene” che una giovane studentessa abbia una relazione con un uomo molto più adulto, per giunta suo professore, ma è soprattutto la vergogna di David, che di fatto rinuncia a difendersi, accettando la condanna, perché a loro, ai perbenisti che non gli perdonano di essere stato “schiavo di Eros”, non basta la sua ammissione di colpevolezza, pure assurda, ma pretendono un pentimento pubblico, una confessione che David non può fare. Sceglie, quindi, di andarsene in campagna da sua figlia Lucy, che custodisce cani altrui e collabora con una signora che sterilizza e pratica eutanasia su animali. Un tremendo avvenimento, però, renderà quel teorico rifugio un inferno ben peggiore di quello dal quale era fuggito. Una vile aggressione a lui e alla figlia, stuprata da tre uomini. Il seguito del romanzo, che non svelo, è tutto incentrato sulla vergogna che impedisce alla donna di denunciare i suoi aggressori. David si sente impossibilitato a comprendere gli atteggiamenti della figlia, e avverte con dolore il distacco che c’è tra loro. Coetzee è molto abile nel trattare temi così delicati, e riesce a mescolare questa vicenda privata con la situazione del Sudafrica post-apartheid, in particolare sull’odio reciproco difficile da estirpare, sulle dinamiche ambigue che regolano i rapporti sociali, per esempio quello con Petrus, vicino di casa ottuso perché radicato in convinzioni difficili da mutare dall’oggi al domani, sull’intreccio perverso tra odio e amore. Non mancano, inoltre, riflessioni sugli animali, sui trattamenti cui sono sottoposti, e più in generale sull’ineluttabile destino di morte e violenza che li accomuna a noi.

    Is this helpful?

    Sisifo77 said on Mar 7, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book