Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Divina invasione

Urania 1031

Di

Editore: Mondadori (Urania)

3.8
(100)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 175 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000023112 | Data di pubblicazione: 

Genere: Fiction & Literature , Philosophy , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Divina invasione?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Essere i due soli emigranti umani su uno sperduto pianeta alieno non è affatto divertente. Soprattutto quando Herb Asher e Rybys Rommey devono vivere sotto due cupole separate, fra l'indifferenza dei nativi e del loro dio, l'antico Yah che dimorerebbe nelle vicinanze di una cupola. Intanto, sulla Terra lontana, si intrecciano i giochi di potere del Legato Scientifico a Est e del Sommo Prelato a Ovest. Fino al giorno, però, in cui Yah si scuote dalla sua attesa e decide di affidare alla maternità di Rybys il suo secondo figlio, Emmanuel. Alla improvvisata coppia di sposi toccherà quindi il rischioso compito di introdurre di contrabbando il nuovo figlio di dio sulla Terra, affinché questa sia liberata una volta per tutte dal maligno spirito di Belial che vi regna sovrano. L'ultimo e il più affascinante romanzo di un maestro della fantascienza moderna.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Dick si riconferma maestro insuperato della sf anche in questo
    racconto che è l' ultimo prima della morte. Protagonista è la lotta tra il bene e il male.
    Yah esiliato da 2000 e passa anni torna sulla terra ad affrontare
    Belial (come non ricordare "la città sostituita" una dei ...continua

    Dick si riconferma maestro insuperato della sf anche in questo
    racconto che è l' ultimo prima della morte. Protagonista è la lotta tra il bene e il male.
    Yah esiliato da 2000 e passa anni torna sulla terra ad affrontare
    Belial (come non ricordare "la città sostituita" una dei primi romanzi di Dick). Ancora una volta si incarnerà nel seno di una vergine e si presenterà al mondo sotto l' aspetto di un fanciullo, Emmanuel. A sostenerlo in questa lotta vi sono il profeta Elia, anche lui rincarnatosi, Zina, un' inquietante fanciulla che si scoprirà essere lo spirito femminile di Dio, ed Herb Asher ovvero lo stereotipo del personaggio dickiano padre putativo di Emmanuel.

    Si tratta di un opera dalla religiosità sofferta, contorta nel sublime gioco di travolgere le coordinate della realtà, fino ad arrivare ad un messaggio di salvezza finale.

    ha scritto il 

  • 5

    "A volte penso che questo pianeta sia sotto un incantesimo. Stiamo dormendo, o siamo in trance, e qualcosa ci fa vedere quello che vuole farci vedere e ricordare e pensare quello che vuole farci ricordare e pensare... siamo ciò che questa "cosa" vuole... significa che non possediamo una vera esis ...continua

    "A volte penso che questo pianeta sia sotto un incantesimo. Stiamo dormendo, o siamo in trance, e qualcosa ci fa vedere quello che vuole farci vedere e ricordare e pensare quello che vuole farci ricordare e pensare... siamo ciò che questa "cosa" vuole... significa che non possediamo una vera esistenza."
    Secondo capitolo della trilogia di Valis.
    L'eterna lotta tra il bene e il male: un Dio sconfitto e clandestino che progetta il suo ritorno nel mondo che ha creato, per la battaglia finale contro il demonio, Belial. Un Dio bambino e danneggiato che dovrà nascondersi e difendersi dai suoi avversari finchè non sarà pronto.
    E qual è il mondo reale?
    Quello in cui viviamo e ci sforziamo tra mille affanni di essere felici, non potrebbe essere una corruzione maligna del mondo perfetto creato da Dio e spazzato via dopo la sua ultima sconfitta ?
    Ancora Dick allo stato puro, alla ricerca di una sua verita', tra mondi alternativi e divinità confuse, istinti pagani e teologia centellinata ad arte.
    Prepariamoci per l'ultima, decisiva battaglia.

    ha scritto il 

  • 5

    Altro viaggione mentale assurdo...
    Dialoghi che incantano...

    Io e la religione non siamo amici ma il mistico, l'esoterico e, perché no, anche il parlare della stessa religione mi piacciono...
    ________________________________________________________________

    Commento dopo ...continua

    Altro viaggione mentale assurdo...
    Dialoghi che incantano...

    Io e la religione non siamo amici ma il mistico, l'esoterico e, perché no, anche il parlare della stessa religione mi piacciono...
    ________________________________________________________________

    Commento dopo la rilettura:

    Spettacolo!

    Spesso e volentieri mi è sembrato di scorgere elementi in comune con NGE. Parlo dei dibattiti tra Emmanuel e Zina che mi hanno ricordato gli scontri interiori di Shinji (tipo nella puntata in cui si dissolve nell'EVA01).

    ha scritto il 

  • 3

    Per Yah è tempo di tornare sulla Terra, nel grembo della morente Rybys, e, aiutato dal ‘padre legale’ Herb Asher, Elias (tutti e 3 viventi nel sistema CY30-CY30B) e la misteriosa bimba Zina, si prepara ad affrontare di nuovo il nemico storico Belial, già responsabile della Prima Caduta… Dick alte ...continua

    Per Yah è tempo di tornare sulla Terra, nel grembo della morente Rybys, e, aiutato dal ‘padre legale’ Herb Asher, Elias (tutti e 3 viventi nel sistema CY30-CY30B) e la misteriosa bimba Zina, si prepara ad affrontare di nuovo il nemico storico Belial, già responsabile della Prima Caduta… Dick alterna passaggi assolutamente magistrali ad altri più umani e non sempre riesce a dominare i tantissimi concetti religiosi e filosofici, soprattutto per l’assenza dell’inarrivabile ironia di Valis. Il "seguito", scritto nel 1980, è un libro meno sperimentale rispetto a Valis (che è il culmine di Tutto), un passo indietro forse, ma quasi ugualmente complicato; le chiavi del "mistero" sono scoprire la vera identità di Zina e di Linda Fox. Nella prima parte Herb cita Lontano dal pianeta silenzioso di C.S. Lewis, primo romanzo di una trilogia con un’idea di fondo che ritroviamo simile nei libri di Valis (la Terra abbandonata da Dio e dunque isolata dagli altri mondi dove il Male non esiste, che nelle idee di Dick diventa esclusa dalla vasta rete intelligente di comunicazione che pervade l’Universo…).

    ha scritto il 

  • 3

    L'ossessione per il tema religioso soffoca l'estro narrativo dell'autore che, comunque, quando si manifesta, lascia ammirati (uno degli ultimi capitoli, quello del dialogo tra Ascher [si chiama così?] e il poliziotto).

    ha scritto il 

  • 5

    La lotta tra il Bene e il Male, tra Jahve e Belial, è appena iniziata... Herb Asher, che vive nella sua cupola in uno sperduto pianeta, un giorno scopre di essere destinato a qualcosa di più grande che ritrasmettere agli altri coloni le trasmissioni radio.
    Novello Giuseppe, dovrà accompagnar ...continua

    La lotta tra il Bene e il Male, tra Jahve e Belial, è appena iniziata... Herb Asher, che vive nella sua cupola in uno sperduto pianeta, un giorno scopre di essere destinato a qualcosa di più grande che ritrasmettere agli altri coloni le trasmissioni radio.
    Novello Giuseppe, dovrà accompagnare la sua futura sposa (malata terminale) sulla Terra per far nascere il nuovo Messia.

    ha scritto il