Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Dizionario affettivo della lingua italiana

Di

Editore: Fandango Libri

3.7
(97)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 253 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8860440653 | Isbn-13: 9788860440655 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Curatore: Matteo B. Bianchi ; Contributi: Giorgio Vasta

Genere: Non-fiction , Philosophy , Da consultazione

Ti piace Dizionario affettivo della lingua italiana?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    OGGI (23.06.2012)
    Io, oggi, se mi dicono di scegliere una parola, scelgo oggi.
    Perché oggi, è un giorno che ho conosciuto delle persone belle, fuori e dentro, che si sono ritrovate per una iniziativa a favore dei terremotati dell'Emilia.
    E in questa iniziativa di oggi, c'entrava ...continua

    OGGI (23.06.2012)
    Io, oggi, se mi dicono di scegliere una parola, scelgo oggi.
    Perché oggi, è un giorno che ho conosciuto delle persone belle, fuori e dentro, che si sono ritrovate per una iniziativa a favore dei terremotati dell'Emilia.
    E in questa iniziativa di oggi, c'entravano dei libri e io ho portato questo libro qua e, sempre oggi, alla bella persona che lo ha acquistato, ho scritto, più o meno, questa dedica qui.
    Poi magari, domani, cambio e scelgo ieri.

    (Elisa B.)

    ha scritto il 

  • 4

    "Poco riesce a stimolare l'immaginazione come un buon dizionario" (J. Cortázar).


    Questo è un prezioso librino, da tenere in borsa - per i ritagli di tempo, le code - di cui si riesce a gustare appieno la ricchezza proprio nel leggere una voce o due, ogni tanto. E lasciarne risuonare l'eco ...continua

    "Poco riesce a stimolare l'immaginazione come un buon dizionario" (J. Cortázar).

    Questo è un prezioso librino, da tenere in borsa - per i ritagli di tempo, le code - di cui si riesce a gustare appieno la ricchezza proprio nel leggere una voce o due, ogni tanto. E lasciarne risuonare l'eco dentro di sé.

    ha scritto il 

  • 3

    comignolo, lanterna, verdura, rotondo, grondaia, solaio, soffiare. (e granturco, certo)

    Di questa stagione succede questa cosa straordinaria.
    Due punti e a capo.
    Tipo che te ne vai in giro in macchina o in bicicletta o quel che è, per le strade di sempre-sempre, quelle che fai tutti i giorni da settimane, da mesi, perfino da anni, che praticamente le sai a memoria.
    ...continua

    Di questa stagione succede questa cosa straordinaria.
    Due punti e a capo.
    Tipo che te ne vai in giro in macchina o in bicicletta o quel che è, per le strade di sempre-sempre, quelle che fai tutti i giorni da settimane, da mesi, perfino da anni, che praticamente le sai a memoria.
    Poi un giorno passi e all'improvviso è arrivato il granturco.

    I campi di granturco (quelli delle pannocchie, per intendersi).
    Il granturco fa questa cosa straordinaria: che un giorno non c'è e il giorno dopo invece sì.
    Improvvisamente se n'è sbucato fuori dal nulla, una muraglia verde a destra e un'altra a sinistra e, in mezzo, la strada.

    (che da bambini ci si giocava a nascondino, laddentro, e se ne usciva dopo un intero pomeriggio con le braccia e le gambe, scoperte dalle braghe corte, tutte tagliuzzate e ferite dalle foglie larghe e affilate che ci si passava in mezzo correndo come forsennati)

    A volte le parole son così: le hai percorse in lungo e in largo per tutta la vita, da settimane, mesi, anni; che le hai usate e abusate, a proposito e a sproposito, con tenerezza o violenza o non curanza.
    Poi magari un giorno qualcuno ti chiede: qual è la tua parola preferita?
    Tu alzi gli occhi e all'improvviso la strada è costeggiata da muraglie verdi come granturco, di parole, venute su in una notte che ti chiedi se fossero sempre state lì o cosa.

    Io non lo so che parola avrei scelto se me l'avessero chiesto.
    Alcune delle mie parole preferite di sempre, in generale, sono: comignolo, lanterna, verdura, rotondo, grondaia, solaio, soffiare e molte altre (che ho anche un quadernino apposta, della moleskine, con un'etichetta davanti con scritto su col pennarello nero: PAROLE BELLE. Tutte le volte che penso a una parola e mi viene in mente che mi piace, prendo il quaderno e ce la scrivo. Così quando mi capita magari di essere un po' triste le leggo, una dopo l'altra, tutte in fila, ad alta voce e dopo sto sempre un po' meglio.)

    Comunque. alcune di queste parole sono bellissime. Altre no.
    Pertanto tre stelline e mezza.
    Però trattasi di dizionario affettivo, quindi è anche giusto così, insomma.

    ha scritto il 

  • 3

    Si tratta di prose ora brevissime ora di respiro un po’ più ampio, redatte con impegno e stile molto varî: si va dai pezzi poetici a quelli frettolosi o insignificanti; da un’impresa collettiva che ciascuno degli autori che vi hanno aderito interpreta un po’ a modo suo, non ci si poteva aspettare ...continua

    Si tratta di prose ora brevissime ora di respiro un po’ più ampio, redatte con impegno e stile molto varî: si va dai pezzi poetici a quelli frettolosi o insignificanti; da un’impresa collettiva che ciascuno degli autori che vi hanno aderito interpreta un po’ a modo suo, non ci si poteva aspettare niente di differente o di meglio; ma nell’insieme la silloge resta sempre piacevole da leggere.

    ha scritto il 

  • 0

    Simpaticissimo e piacevolissimo. Insolito e a tratti geniale. Curioso, particolare, ci puoi trovare davvero di tutto. Una manciata di autori conosciuti scelgono una parola a caso del vocabolario che è anche la loro preferita e raccontano il perché attraverso aneddoti, considerazioni, e quant'altr ...continua

    Simpaticissimo e piacevolissimo. Insolito e a tratti geniale. Curioso, particolare, ci puoi trovare davvero di tutto. Una manciata di autori conosciuti scelgono una parola a caso del vocabolario che è anche la loro preferita e raccontano il perché attraverso aneddoti, considerazioni, e quant'altro. Da leggere a morsi, due o tre pagine alla volta, assimilando bene ogni diversa sfumatura. Una trovata ingegnosa per un regalo, sia agli altri che a se stessi, per soli feticisti delle parole.

    ha scritto il 

  • 3

    Dizionario sui generis: alcuni scrittori italiani sono stati interrogati sulla parola 'affettivamente' più significativa e ne è nato questa sorta di vocabolario dell'anima. Le due stelle trovano motivazione nella mia poca propensione alle letture 'sincopate' e in alcune definizioni personalmente ...continua

    Dizionario sui generis: alcuni scrittori italiani sono stati interrogati sulla parola 'affettivamente' più significativa e ne è nato questa sorta di vocabolario dell'anima. Le due stelle trovano motivazione nella mia poca propensione alle letture 'sincopate' e in alcune definizioni personalmente deludenti (ma ognuno ha l'emotività che si merita si sa e vale anche per me). Le voci invece più condivise le ho appuntata nelle note a margine...

    ha scritto il 

  • 3

    più che bello, curioso

    E' un libretto simpatico, dove un bel po' di scrittori hanno accettato di giocare con la loro materia prima, rivelandosi: pomposi, umili, divertenti, ironici, ampollosi, noiosi, equivoci, un po' deviati. Lo considero una radiografia attendibile dello stato dell'arte in Italia, complimenti a chi h ...continua

    E' un libretto simpatico, dove un bel po' di scrittori hanno accettato di giocare con la loro materia prima, rivelandosi: pomposi, umili, divertenti, ironici, ampollosi, noiosi, equivoci, un po' deviati. Lo considero una radiografia attendibile dello stato dell'arte in Italia, complimenti a chi ha avuto l'idea.

    ha scritto il 

Ordina per