Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Doamna Bovary

(moravuri de provincie)

By Gustave Flaubert

(1)

| Others | 9789739032124

Like Doamna Bovary ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

1054 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Questo che per molti è considerato un capolavoro della letteratura è stato per me una delusione, forse per le aspettative enormi che avevo. Ho trovato la storia molto scontata ed a tratti banale e noiosa. Anche lo stile di scrittura non mi ha entusia ...(continue)

    Questo che per molti è considerato un capolavoro della letteratura è stato per me una delusione, forse per le aspettative enormi che avevo. Ho trovato la storia molto scontata ed a tratti banale e noiosa. Anche lo stile di scrittura non mi ha entusiasmato; nel complesso quindi, per il mio personale gusto, mi sento di bocciare il libro.

    Is this helpful?

    Rava23 said on Oct 20, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Capita raramente di provare così tanti sentimenti contrastanti nei confronti di un solo personaggio. Nel corso del racconto Emma è stata in grado di suscitare in me empatia ma allo stesso tempo repulsione, compassione ma allo stesso tempo biasimo. Gi ...(continue)

    Capita raramente di provare così tanti sentimenti contrastanti nei confronti di un solo personaggio. Nel corso del racconto Emma è stata in grado di suscitare in me empatia ma allo stesso tempo repulsione, compassione ma allo stesso tempo biasimo. Giunta alla fine del romanzo non sono riuscita a prendere una posizione definitiva nei suoi confronti, mi assomiglia così tanto che condannare azioni, seppur assurde e palesemente autodistruttive, che probabilmente sarei finita per compiere io stessa al posto suo trovandomi nella stessa situazione sarebbe stato ipocrita. Ciò che più sorprende è come Flaubert, pur essendo uomo, sia stato in grado di indagare e svelare in maniera così verosimile l'animo di una donna che pur se vissuta secoli fa risulta sempre attuale agli occhi di una ragazza del ventunesimo secolo. Emerge chiaramente inoltre una spiccata critica alla società del secolo, nel pieno dei fermenti e degli entusiasmi del positivismo è chiara l'opposizione dell'autore alla mentalità emergente che vuole la scienza al centro, come unica lente per guardare la realtà. Nel corso delle pagine più volte fa trapelare la sua posizione costruendo vicende e situazioni nelle quali la scienza fallisce miseramente e la religione risulta forse l'unica consolazione seppur magra e poco concreta. La comunità bigotta nel quale vivono i protagonisti, i personaggi caratterizzati in modo preciso, dall'uomo di chiesa allo strozzino opportunista, dal farmacista ottuso ed egoista che mira unicamente alla fama alla domestica ingrata e senza rispetto. L'atteggiamento che il paese assumerà davanti alla morte di chi fino a poche ore prima faceva parte della loro vita quotidiana mi ha lasciata spiazzata e quasi sconcertata, nonostante sia purtroppo tristemente tutto riconoscibile tuttoggi, così come il destino di chi fallisce, destinato all'abbandono da parte persino dei parenti più stretti che ti sorridevano finchè avevi un tetto e delle finanze sostanziose e non appena perdi il prestigio della tua posizione ti voltan le spalle. Insomma l'avvicendarsi di situazioni incalzanti che raggiungono un picco per poi precipitare inesorabilmente viene dispiegato tutto in maniera armoniosa e mai forzata, quasi fosse inevitabile e scritto fin dall'inizio che il destino dei personaggi sarebbe dovuto esser quello.

    Charles però non si meritava tutto lo schifo che ha subito poveraccio :'(

    Is this helpful?

    Valinavic said on Oct 18, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Una ricerca delle parole che mi ha lasciato... senza parole!

    Is this helpful?

    mauau said on Oct 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    non si puó dire molto su un classico di questa levatura.

    come Flaubert "era" Madame Bovary, cosí Madame Bovary é "il Romanzo". quanto turbamento, quanta tristezza, quante passioni umane. e quanto ha insegnato Flaubert, a generazioni di scrittori...

    Is this helpful?

    Recensire il Mondo said on Oct 11, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Non si può perdere l'abitudine alla felicità."

    Mi dispiace, amico Tolstoj, ma Emma batte Anna.
    Non che Emma si meriti più compassione della sua controparte russa, ma se c'è una sola cosa che, fortunatamente, manca in quel ricchissimo quadro realistico dipinto da Flaubert, è il giudizio. L'infelic ...(continue)

    Mi dispiace, amico Tolstoj, ma Emma batte Anna.
    Non che Emma si meriti più compassione della sua controparte russa, ma se c'è una sola cosa che, fortunatamente, manca in quel ricchissimo quadro realistico dipinto da Flaubert, è il giudizio. L'infelicità non è una colpa.

    Is this helpful?

    Tancredi said on Oct 9, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Al di là dell'ingenua noncuranza con la quale un esimio nessuno come me butta tre stellette e se ne va, quello che posso dire nei riguardi del Flaubert che ho fino adesso conosciuto è la duplice sensazione di attrazione e repulsione che i suoi scritt ...(continue)

    Al di là dell'ingenua noncuranza con la quale un esimio nessuno come me butta tre stellette e se ne va, quello che posso dire nei riguardi del Flaubert che ho fino adesso conosciuto è la duplice sensazione di attrazione e repulsione che i suoi scritti mi provocano. Non ho amato questo romanzo, eppure verso l'autore continuo a nutrire un certo rispetto. Credo continuerà questa diatriba, ci riproverò.

    Is this helpful?

    Stæfano said on Oct 6, 2014 | Add your feedback

Improve_data of this book