Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Doce cuentos peregrinos

By

Publisher: Vintage

3.8
(1298)

Language:Español | Number of Pages: 192 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , French , German , English

Isbn-10: 1400034949 | Isbn-13: 9781400034949 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Mass Market Paperback , Softcover and Stapled , Others

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Travel

Do you like Doce cuentos peregrinos ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
En Barcelona, una prostituta que va entrando en la vejez entrena su perro a llorar ante la tumba que ha escogido para sí misma. En Viena, una mujer se vale de su don de ver el futuro para convertirse en la adivina de una familia rica. En Ginebra, el conductor de una ambulancia y su esposa acogen al abandonado y aparentemente moribundo ex presidente de un país caribeño, sólo para descubrir que sus ambiciones políticas siguen intactas.

En estos doce relatos magistrales acerca de las vidas de latinoamericanos en Europa, García Márquez logra transmitir la amalgama de melancolía, tenacidad, pena y ambición que forma la experiencia del emigrante.
Sorting by
  • 4

    Per la recensione completa di immagini e citazioni: https://girodelmondoattraversoilibri.wordpress.com/2015/04/08/gabriel-garcia-marquez-dodici-racconti-raminghi/

    Aprire un libro di Gabriel Garcia Mar ...continue

    Per la recensione completa di immagini e citazioni: https://girodelmondoattraversoilibri.wordpress.com/2015/04/08/gabriel-garcia-marquez-dodici-racconti-raminghi/

    Aprire un libro di Gabriel Garcia Marquez è come entrare in un mondo magico, è come essere risucchiati da eventi incredibili e fantastici, ma che siamo disposti a credere che siano successi davvero. Nella racconta Dodici racconti raminghi, l’Autore ci conduce tra il Sudamerica e l’Europa, assieme a personaggi surreali quanto particolari.

    Saliamo su trasatlantici che da Buenos Aires sbarcano immigrati a Napoli, prendiamo aerei da Parigi durante una bufera di neve, arriviamo in una soffocante Barcellona in estate, attraversiamo la frontiera con la Francia a bordo di un’automobile di lusso e passeggiamo per Roma assieme ad un uomo che vuole avere a tutti i costi un’udienza con il Papa.

    In questo turbinio di luoghi, personaggi, avvenimenti, descrizioni il lettore resta a bocca aperta mentre legge, incredulo ma disposto a lasciarsi andare dalla magia della penna di Gabo. I racconti, come scrive Gabo stesso nella premessa, sono stati scritti e lasciati nel cassetto per molti anni, prima che lui si decidesse a dar loro la luce; li definisce raminghi perché scritti in anni e città diverse, scritti lontani tra di loro, così disomogenei che sembra quasi incredibile leggerli tutti assieme in una raccolta sola, senza un apparente filo logico che li unisca.

    Per riscriverli o cwww.inmondadori.itorreggerli, dopo così tanto tempo, Marquez si recò nuovamente in tutte le città dove li aveva ambientati, per assaporare ancora una volta i profumi dei luoghi e per vedere se i suoi ricordi erano corretti o sbaditi.

    Alcuni racconti mi hanno colpita in modo particolare, tanto da rileggerli subito per apprezzare al meglio alcune sfumature che magari mi erano sfuggite, proprio come i colori e i profumi delle città descritte da Gabo. Il genere del racconto solitamente mi piace molto, anche se – come ricorda Marquez – non è facile da scrivere, anzi, è più difficile di un romanzo.

    Concentrare tutto ciò che l’autore vuole dire in poche pagine, non è un’arte di tutti gli scrittori; ciò che mi è piaciuto nei Dodici racconti raminghi, sono i finali di quelle storie che terminavano con una sorpresa o un evento che non mi aspettavo, e ho apprezzato molto la magia sudamericana che permea costantemente le pagine e lo stile poetico e sognante che caratterizza la penna di Gabo.

    Gabriel Garcia Marquez è un Autore che mi ha sempre affascinata e ne ho sempre rimandato la lettura: ora che mi sono immersa nella sua scrittura, anche se molto poco, ho deciso di proseguirne la lettura e vedrete presto ampliata la sezione “Letteratura colombiana“.

    said on 

  • 4

    pura poesia

    i racconti non sono nulla di che per la storia, ma poi se ne esce con espressioni del tipo: "il sole si infilava a coltellate attraverso le persiane" , di fronte a cui non si può far altro che rabbriv ...continue

    i racconti non sono nulla di che per la storia, ma poi se ne esce con espressioni del tipo: "il sole si infilava a coltellate attraverso le persiane" , di fronte a cui non si può far altro che rabbrividire.

    said on 

  • 4

    Era un pezzo che non leggevo nulla di Marquez e ne sentivo la mancanza. Questi dodici racconti ramighi hanno colmato il vuoto e mi hanno lasciato il solito sapore di piogge torrenziali che mi danno i ...continue

    Era un pezzo che non leggevo nulla di Marquez e ne sentivo la mancanza. Questi dodici racconti ramighi hanno colmato il vuoto e mi hanno lasciato il solito sapore di piogge torrenziali che mi danno i suoi romanzi.

    said on 

  • 4

    RIVISITAZIONE CONFORTANTE

    In un periodo di mancanza di uscite editoriali di particolare interesse sono tornato a rileggermi questi racconti del compianto Gabriel Garcia Marquez nella prima edizione del 1992. Molti sono da cinq ...continue

    In un periodo di mancanza di uscite editoriali di particolare interesse sono tornato a rileggermi questi racconti del compianto Gabriel Garcia Marquez nella prima edizione del 1992. Molti sono da cinque stelle, altri un poco meno. Ma che meraviglia ritrovare il suo stile e i temi dell'amore, della morte, della vita!
    Un Rilettura di grande conforto!

    Blue Tango

    said on 

  • 4

    Una peregrinación de más de veinte años, pasando por cajones, olvido y reescrituras. Doce cuentos ricos de intertextualidad.

    Buen viaje, señor presidente (*****): La lucha de un viejo presidente contr ...continue

    Una peregrinación de más de veinte años, pasando por cajones, olvido y reescrituras. Doce cuentos ricos de intertextualidad.

    Buen viaje, señor presidente (*****): La lucha de un viejo presidente contra su enfermedad, en el exilio en Ginebra. Una historia personal y humana se convierte en la ocasión para una mirada cruda sobre los acontecimientos políticos, demasiado a menudo tristes, de América Latina.

    La Santa (*****): Entre santidad y superstición, en una Roma caracterizada por un tiempo cíclico que se repite aunque en una inmutable decadencia, la historia del un padre, personaje pirandelliano "en busca de autor", y su lucha decidida. Narración agradable, con paisajes coloridos por personajes de variados , con un toque de realismo mágico.

    El avión de la bella durmiente (****): Un vuelo intercontinental, el enamoramiento, la burla del destino y la noche placenteramente en vela en frente de una belleza de cuento de hadas.

    Me alquilo para soñar (****): Por la mujer del anillo de culebra, lo sobrenatural se hace cotidiano y real por contrato, en tiempo cíclicos y con toques de realismo mágico.

    Sólo vine a hablar por teléfono (*****): Cómo probar la propria salud mental? Un A García Márquez inesperadamente kafkiano El punto de vista del protagonista, del co-protagonista y del lector se unen y nos deja en la inquietud e impotencia.

    Espantos de agosto (***): Un castillos y sus relatos de fantasmas.

    María dos Prazeres (****): Un sueño premonitorio, su interpretación, la consiguiente prepartivi antes de salir de este mundo.

    Diecisiete ingleses envenenados (****):
    Un voto, un largo viaje y un accidente inesperado entre las calles de Nápoles.

    Tramontana (****): Entre la realidad y la superstición, la naturaleza y el misterio, un viento portador de muerte.

    El verano feliz de la Señora Forbes (****): Dos hermanos en sus vacaciones en la lejana Sicilia, una niñera excesivamente rígida, el deseo de venganza.

    La luz es como el agua (****): Navegando por ríos de electricidad, las aventuras de dos hermanos en ausencia de sus padres.

    El rastro de tu sangre en la nieve (*****): un hombre y una mujer, su luna de miel imprudente en coches por las calles franceses, un rastro de sangre como pista en la nieve.

    said on 

  • 3

    scrittura affasscinante, ma non deliziosamente complessa come agli inzii di carriera, storia carine, spesso intellettuali, che non riescono però a lasciare nessun segno

    said on 

  • 4

    Relatos que cautivan por su rica prosa y su alta calidad lingüística.
    La palabra en manos de este hombre se torna exquisita, haciendo que el desconcierto y la atracción hacia sus narraciones, adquiera ...continue

    Relatos que cautivan por su rica prosa y su alta calidad lingüística.
    La palabra en manos de este hombre se torna exquisita, haciendo que el desconcierto y la atracción hacia sus narraciones, adquiera originalidad, profundidad y credibilidad.
    Sencillamente formidables.

    said on 

  • 5

    Dodici racconti, uno più bello dell'altro. Quello che mi è rimasto più impresso è stato "Sono venuta solo per telefonare". Si tratta della storia di una donna alla quale si ferma l'auto in mezzo al nu ...continue

    Dodici racconti, uno più bello dell'altro. Quello che mi è rimasto più impresso è stato "Sono venuta solo per telefonare". Si tratta della storia di una donna alla quale si ferma l'auto in mezzo al nulla. Passa di lì un pullman pieno di donne vestite tutte con la stessa divisa; chiede se può salire e poi telefonare dal luogo in cui sono dirette. Il pullman lascia le donne nei pressi di un manicomio...
    Il resto non ve lo racconto.

    said on 

Sorting by