Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Don't Move

By

Publisher: Anchor Books

3.9
(10679)

Language:English | Number of Pages: 353 | Format: eBook | In other languages: (other languages) Italian , French , Spanish , German , Dutch

Isbn-10: 0307425592 | Isbn-13: 9780307425591 | Publish date: 

Translator: John Cullen

Also available as: Paperback , Hardcover

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Do you like Don't Move ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
In a confession to his comatose daughter, a respected surgeon recounts how he entered into an obsessive extramarital affair with the girl's mother and committed an act of unbridled rage that resulted in her conception.
Sorting by
  • 2

    L'istinto o la ragione?

    Una storia che lascia l'amaro in bocca; un uomo diviso tra ragione e sentimento....si ritrova un giorno a rievocare mentalmente la sua storia d'amore con Italia, mentre la figlia giovanissima è in sala operatoria a causa di un incidente...
    Diviso tra il cuore, quindi questa passione giovani ...continue

    Una storia che lascia l'amaro in bocca; un uomo diviso tra ragione e sentimento....si ritrova un giorno a rievocare mentalmente la sua storia d'amore con Italia, mentre la figlia giovanissima è in sala operatoria a causa di un incidente...
    Diviso tra il cuore, quindi questa passione giovanile e la mente che gli consiglia comunque di scegliere la donna che il destino gli ha messo accanto, sarà costretto per uno scherzo della sorte a scegliere la seconda...ma in questo modo perderà l'amore della sua vita....Una tragica scomparsa...e il ritorno a una vita normale...
    Devo dire che pur apprezzando questo libro che ci conduce nell'oscurità della mente dell'uomo, capace di ogni genere di bruttura, di intrigo e di inganno, non posso dire di aver apprezzato altrettanto il film con Sergio Castellitto...
    L'ho trovato incolore e insipido...
    Consiglio questa lettura con qualche riserva, per i contenuti di un'opera che comunque trovo interessante...
    Astenetevi da vedere il film...per quanto manifesti la tragicità della vicenda, secondo me non è ben riuscito....
    Saluti.
    Ginseng666

    said on 

  • 3

    Mah...

    Il primo libro che leggo della Mazzantini e la mia recensione si apre e si chiude con un "mah".
    Un evento tragico porta il protagonista del romanzo a narrare alla figlia la sua storia extraconiugale con una donna conosciuta per caso. Non ho apprezzato particolarmente lo stile della Mazzanti ...continue

    Il primo libro che leggo della Mazzantini e la mia recensione si apre e si chiude con un "mah".
    Un evento tragico porta il protagonista del romanzo a narrare alla figlia la sua storia extraconiugale con una donna conosciuta per caso. Non ho apprezzato particolarmente lo stile della Mazzantini, anzi, se devo dire la verità, non mi è proprio piaciuto. Parole messe a casaccio per descrivere sentimenti, espressioni troppo arzigogolate e squallide allo stesso tempo.
    Non ho visto il film ma siccome, nonostante tutto, il romanzo mi ha incuriosita, credo che prima o poi me lo guarderò. Per me, comunque, è un grosso "mah".

    said on 

  • 4

    Indubbiamente un bel romanzo. Però a malincuore ammetto che ho preferito il film. Quest'ultimo caratterizza meglio il personaggio di Italia, nel libo ho trovato una sorta di freddezza nei suoi confronti. Comunque è un romanzo che vale la pena leggere, senza dubbio.

    said on 

  • 5

    Un libro che mi è rimasto nel cuore, ricordo ancora perfettamente dove lo stavo leggendo e le emozioni trasmesse.
    Consigliatissimo per chi ama storie di dolore e di amore.

    said on 

  • 4

    E' un bel romanzo, ben pensato e ben scritto. Ci sono figure accattivanti: Italia prima di tutto, e poi l'altra. L'alra è la moglie, Italia è lei. Un romanzo tutto da leggere,amaro e crudele.

    said on 

  • 2

    frasi tipo "non so in quale orto rotolarono i suoi pensieri", insieme alle troppe similitudini, fanno scendere le stelline che assegno a questo libro.

    said on 

  • 4

    L'avvio di questo romanzo prende spunto da un incidente stradale: Angela, in seguito alla caduta dal suo scooter, viene subito trasportata in ospedale, proprio dove lavora il padre chirurgo. E' gravissima, ha un ematoma celebrale, e viene subito condotta in sala operatoria dove provvedono all'int ...continue

    L'avvio di questo romanzo prende spunto da un incidente stradale: Angela, in seguito alla caduta dal suo scooter, viene subito trasportata in ospedale, proprio dove lavora il padre chirurgo. E' gravissima, ha un ematoma celebrale, e viene subito condotta in sala operatoria dove provvedono all'intervento chirurgico gli stessi colleghi del padre. Un'attesa terribile e crudele durante la quale Timoteo – questo il nome del protagonista – ripercorre, in un 'ideale colloquio a distanza con la figlia, le principali tappe della sua vita. Con lucidità e senza ipocrisie. E' l'occasione per rivelare le proprie debolezze e le proprie passioni, dibattuto tra la tranquilla quotidianità del rapporto con la moglie e la relazione con Italia , una donna per nulla bella, disgraziata e reietta che gli procura forti emozioni e tormenti, tanto da mettere in crisi il suo matrimonio. Vincitore del Premio Strega del 2002, si tratta di un libro che pur avendo un grande vigore narrativo, a tratti, immalinconisce il lettore.

    said on 

Sorting by