Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Suchen Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Don Quijote.

By ,

Verleger: Patmos

4.3
(4465)

Language:Deutsch | Number of Seiten: 1103 | Format: Others | In einer anderen Sprache: (Andere Sprachen) English , Chi traditional , Spanish , Portuguese , Chi simplified , French , Italian , Dutch , Polish , Greek , Indian (Hindi) , Danish

Isbn-10: 3491960835 | Isbn-13: 9783491960831 | Publish date:  | Edition 5., Aufl.

Auch verfügbar als: Paperback , Hardcover

Category: Fiction & Literature , Humor , Travel

Do you like Don Quijote. ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Anmeldung kostenlos
Buchbeschreibung
Sorting by
  • 4

    Una prosa spagnolesca e seicentesca, tanto adorna e circonvoluta e arabescata nel suo periodare latineggiante da far sembrare l'italiano una lingua sintetica. La traduzione usa un italiano antiquato e ricco di parole desuete, suppongo con lo scopo di rendere il sapore dello spagnolo di Cervantes, ...weiter

    Una prosa spagnolesca e seicentesca, tanto adorna e circonvoluta e arabescata nel suo periodare latineggiante da far sembrare l'italiano una lingua sintetica. La traduzione usa un italiano antiquato e ricco di parole desuete, suppongo con lo scopo di rendere il sapore dello spagnolo di Cervantes, ma ottiene l'effetto di rendere la lettura difficile e pesante. La traduzione, da sola, si mangia una stellina.
    Una trama nota e stranota, che si apre svolgendosi con ingannevole semplicità per episodi successivi orchestrati sul medesimo schema narrativo, come in un serial tv ante litteram; poi si dilata e si dirama in una fioritura barocca di incontri e storie nella storia, amori infelici, separazioni e agnizioni, senza trascurare gli excursus e le dotte divagazioni. L'ironia è un po' amara e un po' straziante, come le parti comiche in cui Don Chisciotte viene fatto oggetto di burle feroci e crudeli.
    La seconda parte è decisamente più bella. Geniale è l'idea di mettere in scena il libro che narra le avventure di Don Chisciotte, cosicché il protagonista si trova a vivere le sue avventure affinché possa essere scritto il libro, o per smentire ciò che il libro narra, con l'effetto escheriano della mano che disegna se stessa mentre disegna se stessa. Le burle che vengono organizzate si fanno più ricche, articolate, barocche, costruite intorno alla leggenda che il libro ha creato. Se nella prima parte Don Chisciotte è uno zimbello oggetto di ripetute scariche di legnate, qui, dove la narrazione è più fusa, fluida, meglio articolata e meno paratattica, la memoria va piuttosto a un Truman Show in cui l'eroe recita una parte credendo di viverla.
    Mentre mi trovavo a riflettere che questo ossessivo parlare di libri - per la satira dei romanzi cavallereschi, come Jane Austen parodierà i romanzi gotici nell'Abbazia di Northanger, o per la critica della poesia classica - rende il Don Chisciotte il più anobiano dei romanzi, mi sono imbattuta nel punto in cui un personaggio, più che discretamente ricco, si vanta di possedere "circa sei dozzine di volumi", e ho provato una profonda gratitudine per l'invenzione della stampa e degli e-book, che mi hanno consentito di raggiungere i miei miserrimi 1600 titoli.
    Le figure dei due protagonisti, che la fama del romanzo ha ridotto al livello di macchietta caricaturale, campeggiano con potenza nella memoria, Sancio con la sua sentenziosa, concreta, terragna saggezza, e Don Chisciotte per la sua etica salda non meno che per la sua stralunata follia. Mi rimangono nel cuore le raccomandazioni di Don Chisciotte a Sancio che sta per intraprendere la sue breve carriera di governatore, l'addio di Sancio medesimo alla sua esperienza di governo, e soprattutto il tristissimo finale col testamento di Don Chisciotte rinsavito.

    gesagt am 

  • 5

    Parlando terra terra Don Chisciotte è, sotto molti aspetti, un libro di avventura comico scritto con una bellissima prosa e farcito di citazioni e poesia. Cosa lascia? Poco eppur molto.
    La prosa è veramente degna di lode, Cervantes gioca tra la prosa aulica di Don Chisciotte e la prosa bass ...weiter

    Parlando terra terra Don Chisciotte è, sotto molti aspetti, un libro di avventura comico scritto con una bellissima prosa e farcito di citazioni e poesia. Cosa lascia? Poco eppur molto.
    La prosa è veramente degna di lode, Cervantes gioca tra la prosa aulica di Don Chisciotte e la prosa bassa di Sancio panza e dei popolani. Epico il passaggio tra l'elogia di Don Chisciotte a Dulcinea e la risposta dialettale e sgarbata della contadina scambiata per Dulcinea. Belle anche le varie citazioni e le poesie scritte da Cervantes. Sicuramente un capolavoro di stile.
    Un capolavoro è anche la trama e gli incastri della storia. Geniale mettere il libro di Don Chisciotte all'interno del libro di Don Chisciotte, anticipa di secoli la splendida gag di "balle spaziali" dove, per ritrovare dei fuggitivi, guardano il video pirata già uscito di "balle spaziali". (Capisco la blasfemia dell'accostamento ma lasciate qualche facezia pure a me per favore)
    Ma la cosa più bella del libro è l'accostamento tra la pazzia di Don Chisciotte e la realtà. Tra il suo sogno e il reale. Ovunque vada egli trasforma tutto in un gioco, in un sogno, mettendo a dura prova il reale e la sua normalità anche se la realtà ne esce sempre vincitrice ed il povero sognatore è fortunato se ritorna con i piedi per terra illeso. Tuttavia trovo che, nonostante vinca sempre, la reltà ne esca in un qualche modo moralmente sconfitta da Don Chisciotte. Perchè, nonostante la vittoria, essa è più triste del mondo immaginario creato dal folle, essa è reale e, quindi,inferiore per definizione al sogno. Tuttavia viviamo nella realtà ed i sogni, aimè, svaniscono all'alba. I don Chisciotte esistono solo di notte, nei sogni assurdi di tutti noi che non sappiamo, o non vogliamo, cercare di trasformare la nostra realtà in sogno ed allora ci svegliamo, come anche i più incalliti di noi, come Don Chisciotte alla fine della sua vita, come il sognatore di Pietroburgo alla fine delle lunghe ma non infinite notti bianche. "Viviamo in un paradiso ma non lo sappiamo."
    Svegliamoci dunque ma ricordiamoci sempre che il sogno è superiore alla realtà.

    gesagt am 

  • 5

    Assolutamente stupendo...magico...coinvolgente. Non servono parole...serve leggerlo e perdersi con lui per la Spagna di quel tempo. Una vicenda romantica, triste, commovente... personaggi mitici.. ed un messaggio chiaro, semplice..

    gesagt am 

  • 5

    un classico che continuerà a vivere

    Nonostante tutti i secoli a fronte risulta essere un libro originale e pieno di metafore utili alla vita. La scelta di questo mezzo nobile che inizia una vita piena d'avventure convinto di poter cambiare il mondo è comunque una scelta coraggiosa e temeraria per la sua età. Spesso però nonostante ...weiter

    Nonostante tutti i secoli a fronte risulta essere un libro originale e pieno di metafore utili alla vita. La scelta di questo mezzo nobile che inizia una vita piena d'avventure convinto di poter cambiare il mondo è comunque una scelta coraggiosa e temeraria per la sua età. Spesso però nonostante i buoni propositi nob farà che peggiorare le situazioni proprie e altrui, e quasi ogni storia finisce che le prende. Il libro è lungo, spesso ripetitivo, ma mai stancante. Le gaffes dei due protagonisti divertono e fanno ridere di gusto.

    gesagt am 

  • 3

    Scemo e più scemo

    Questo il titolo che gli avrei dato io. Mah, libro prolisso e ridondante, di facile lettura sì, ma dopo un po' piuttosto ripetitivo. Speravo meglio da questo superclassico. Non mi ha preso e arrivare in fondo è stata davvero dura. Amen.

    gesagt am 

Sorting by