Dona Flor e i suoi due mariti

Di

4.2
(3575)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Tedesco , Spagnolo , Portoghese , Ungherese , Chi semplificata

Isbn-10: A000059506 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Tascabile economico

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Umorismo

Ti piace Dona Flor e i suoi due mariti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Scritto nel 1966, Dona Flor e i suoi due mariti è uno dei romanzi più sorridenti e "magici" di Jorge Amado, certo il più intriso degli umori vitali e festaioli della sua Bahia, del calore del clima, della passionalità della gente, della voglia di godere che pervade tutto e tutti. Flor, giovane e bellissima bahiana, cuoca eccezionale e amante appassionata, resta improvvisamente vedova del suo amato Vadinho, uno scatenato ballerino, giocatore e donnaiolo, che ama tuttavia ardentemente la moglie, e la tiene avvinta a sé con le sue inesauste risorse sessuali e la sua irresistibile allegria. Dopo qualche tempo, superato il grande dolore, Flor decide di risposarsi con Teodoro, un farmacista tranquillo e benestante diversissimo dal marito defunto. Ma la sera prima delle nuove nozze, Vadinho le appare in sogno, e la rimprovera aspramente per il "tradimento" perpetrato. Sconvolta, la donna ricorre allora alle armi della magia, e riesce a ottenere che egli torni in vita solo per lei, e che riprenda ad amarla e a trascinarla in sfrenati samba… Favola scanzonata e divertita, ma anche affettuoso tributo al patrimonio antropologico di un Brasile violentemente autentico e irresistibilmente affascinante, il romanzo disegna a colori vivissimi e cangianti un grande affresco popolare che nella coralità dei personaggi, negli odori delle strade e dei mercati, nello splendore del mare e di una natura infinitamente prodiga, continua a regalare un'emozione tanto consolante quanto dolcemente indimenticabile.
Ordina per
  • 4

    null

    È il primo libro che leggo di Jorge Amado e per quanto l'inizio non sia stato dei migliori devo dire che alla fine mi ha conquistata. Lentamente mi sono ritrovata immersa nella città di Bahia, a segui ...continua

    È il primo libro che leggo di Jorge Amado e per quanto l'inizio non sia stato dei migliori devo dire che alla fine mi ha conquistata. Lentamente mi sono ritrovata immersa nella città di Bahia, a seguire le avventure e le pazze storie dei suoi abitanti, a tifare per la felicita di Dona Flor e del suo unico grande amore Vadinho. Ci sono tratti un po lenti e noiosi alternati però a pagine piene di buffa comicità soprattutto quando lo spirito di Vadinho compare nella cucina di Dona Flor. Non vi dico altro se non di leggerlo assolutamente! !

    ha scritto il 

  • 4

    Un classico un po' datato.

    Un classico della letteratura brasiliana. Un libro divertente come nello stile di Amado e pieno di ironia e spirito latino americano.
    Per quanto mi riguarda non è al livello di altri suoi libri e la l ...continua

    Un classico della letteratura brasiliana. Un libro divertente come nello stile di Amado e pieno di ironia e spirito latino americano.
    Per quanto mi riguarda non è al livello di altri suoi libri e la lettura scorre molto lenta e a tratti si rischia la noia per la ripetitività degli argomenti comunque questo è compensato dalla qualità della scrittura e dal tratteggio meticoloso dell'autore di tutti i difetti e le peculiarità della società locale. La traduzione italiana non sempre mi è piaciuta e forse sarebbe il caso di farne una nuova.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Devo essere sincera, questo libro non avrebbe avuto lo stesso sapore se non fossi da poco tornata da Salvador de Bahia.
    E' stato come ripercorrere le strade di Salvador, per poi arrivare a sedersi al ...continua

    Devo essere sincera, questo libro non avrebbe avuto lo stesso sapore se non fossi da poco tornata da Salvador de Bahia.
    E' stato come ripercorrere le strade di Salvador, per poi arrivare a sedersi alla tavola di donna Flor, intrisa dall'intenso odore di acarajé , vatapà e moqueca, il tutto cucinato a regola ad arte.
    Gustando il suo cibo luculliano ho ascoltato le sue pene per quel pazzo marito che mai le da pace, ho udito il suo pianto salato dopo la sua morte, ho sospirato con lei per il suo nuovo amore, ho tremato con lei durante le cerimonie candomblé in cui invocava il potere degli orixa.
    Donna Flor mi ha letteralmente riportato nella sua colorata terra, il Brasile; ogni pagina è stata da me accompagnata con una lacrima di saudade (nostalgia) perché il Brasile è una terra magica ed Amado ha saputo celebrarla in modo magistrale.
    Obrigada!

    ha scritto il 

  • 5

    Grande romanzo sull'animo umano e sull'anima del popolo brasiliano, divertente, intrigante, appassionante.
    Non c'è un personaggio che non venga analizzato e tratteggiato, un po' verista e un po' fanta ...continua

    Grande romanzo sull'animo umano e sull'anima del popolo brasiliano, divertente, intrigante, appassionante.
    Non c'è un personaggio che non venga analizzato e tratteggiato, un po' verista e un po' fantastico (per la parte magica); Donna Flor, combattuta fra la passione del suo primo marito, Vadinho, e la tranquilla felicità del secondo,Teodoro, è il perno attorno a cui gira tutto l'intreccio.

    ha scritto il 

  • 2

    Un racconto classico della letteratura sudamericana, dove ci sono lunghi racconti particolareggiati di cose e sopratutto di molte persone ognuna con la propria storia dentro la storia principale. Molt ...continua

    Un racconto classico della letteratura sudamericana, dove ci sono lunghi racconti particolareggiati di cose e sopratutto di molte persone ognuna con la propria storia dentro la storia principale. Molte pagine piene di descrizioni che molte volte annoiano, come l'ultimo capitolo pieno di magia, ma molte altre sono molto gradevoli immergendoti in un mondo brasiliano pieno di colori e profumi e voglia di vivere.

    ha scritto il 

  • 4

    Mi è piaciuto, nonostante la ripetitività delle situazioni di magie e maledizioni, sono rimasta affascinata dalle credenze misteriose dei popoli sudamericani. L'A. disegna splendidi ritratti di giocat ...continua

    Mi è piaciuto, nonostante la ripetitività delle situazioni di magie e maledizioni, sono rimasta affascinata dalle credenze misteriose dei popoli sudamericani. L'A. disegna splendidi ritratti di giocatori, prostitute in miseria, cacciatori di dote, maghi e sensitivi. Il romanzo è tipicamente sudamericano, con tutti i suoi colori, i suoi rumori per le strade, gli odori, l'umanità sporca e dissoluta ma anche capace di grandi sentimenti e straordinarie azioni. L'autore è un vero maestro nel tratteggiare caratteri e creare personaggi e dialoghi memorabili. Però la forza con cui Amado ti trascina nella vita di Bahia è impagabile!

    ha scritto il 

  • 2

    Dopo aver letto "Gabriella garofano e cannella" ho iniziato il libro pieno di entusiasmo... in realtà ho trovato i libro per lunghi tratti lento e noioso, nella seconda parte quella dedicata alla magi ...continua

    Dopo aver letto "Gabriella garofano e cannella" ho iniziato il libro pieno di entusiasmo... in realtà ho trovato i libro per lunghi tratti lento e noioso, nella seconda parte quella dedicata alla magia il mio interesse si è annullato. Ciò premesso indubbia la capacità di catapultarti nelle dinamiche brasiliane, nella cultura leggera e festaiola, nelle strutture e nelle relazioni sociali... Forse avevo aspettative troppo alto ma, non sarà uno dei libri che ricorderò con piacere

    ha scritto il 

Ordina per