Dona Flor et ses deux maris

(Histoire morale, histoire d'amour)

By ,

Editeur: Stock

4.2
(3557)

Language: Français | Number of pages: 708 | Format: Others | En langues différentes: (langues différentes) English , Italian , German , Spanish , Portuguese , Hungarian , Chi simplified

Isbn-10: 2234058112 | Isbn-13: 9782234058118 | Publish date: 

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Humor

Aimez-vous Dona Flor et ses deux maris ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 5

    Grande romanzo sull'animo umano e sull'anima del popolo brasiliano, divertente, intrigante, appassionante.
    Non c'è un personaggio che non venga analizzato e tratteggiato, un po' verista e un po' fanta ...continuer

    Grande romanzo sull'animo umano e sull'anima del popolo brasiliano, divertente, intrigante, appassionante.
    Non c'è un personaggio che non venga analizzato e tratteggiato, un po' verista e un po' fantastico (per la parte magica); Donna Flor, combattuta fra la passione del suo primo marito, Vadinho, e la tranquilla felicità del secondo,Teodoro, è il perno attorno a cui gira tutto l'intreccio.

    dit le 

  • 2

    Un racconto classico della letteratura sudamericana, dove ci sono lunghi racconti particolareggiati di cose e sopratutto di molte persone ognuna con la propria storia dentro la storia principale. Molt ...continuer

    Un racconto classico della letteratura sudamericana, dove ci sono lunghi racconti particolareggiati di cose e sopratutto di molte persone ognuna con la propria storia dentro la storia principale. Molte pagine piene di descrizioni che molte volte annoiano, come l'ultimo capitolo pieno di magia, ma molte altre sono molto gradevoli immergendoti in un mondo brasiliano pieno di colori e profumi e voglia di vivere.

    dit le 

  • 4

    Mi è piaciuto, nonostante la ripetitività delle situazioni di magie e maledizioni, sono rimasta affascinata dalle credenze misteriose dei popoli sudamericani. L'A. disegna splendidi ritratti di giocat ...continuer

    Mi è piaciuto, nonostante la ripetitività delle situazioni di magie e maledizioni, sono rimasta affascinata dalle credenze misteriose dei popoli sudamericani. L'A. disegna splendidi ritratti di giocatori, prostitute in miseria, cacciatori di dote, maghi e sensitivi. Il romanzo è tipicamente sudamericano, con tutti i suoi colori, i suoi rumori per le strade, gli odori, l'umanità sporca e dissoluta ma anche capace di grandi sentimenti e straordinarie azioni. L'autore è un vero maestro nel tratteggiare caratteri e creare personaggi e dialoghi memorabili. Però la forza con cui Amado ti trascina nella vita di Bahia è impagabile!

    dit le 

  • 2

    Dopo aver letto "Gabriella garofano e cannella" ho iniziato il libro pieno di entusiasmo... in realtà ho trovato i libro per lunghi tratti lento e noioso, nella seconda parte quella dedicata alla magi ...continuer

    Dopo aver letto "Gabriella garofano e cannella" ho iniziato il libro pieno di entusiasmo... in realtà ho trovato i libro per lunghi tratti lento e noioso, nella seconda parte quella dedicata alla magia il mio interesse si è annullato. Ciò premesso indubbia la capacità di catapultarti nelle dinamiche brasiliane, nella cultura leggera e festaiola, nelle strutture e nelle relazioni sociali... Forse avevo aspettative troppo alto ma, non sarà uno dei libri che ricorderò con piacere

    dit le 

  • *** Ce commentaire dévoile des détails importants de l\'intrigue ! ***

    3

    "E' accaduto a Bahia, dove tali cose avvengono senza causare meraviglia."

    Un bel romanzo, interessante, ma che non mi ha colpito come altri di Amado.
    Quello che ho apprezzato molto è la struttura del racconto: mi è piaciuta l'idea di raccontare di Vadinho dopo la sua morte, ...continuer

    Un bel romanzo, interessante, ma che non mi ha colpito come altri di Amado.
    Quello che ho apprezzato molto è la struttura del racconto: mi è piaciuta l'idea di raccontare di Vadinho dopo la sua morte, in retrospettiva...e la simmetria/dualismo fra la sua figura e quella del dottor Teodoro, opposti e complementari.
    Non mi ha convinto tantissimo la svolta finale da 'realismo magico'...seppur molto godibile...mi è sembrata una scorciatoia narrativa.

    dit le 

Sorting by