Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Donnarumma all'assalto

By Ottiero Ottieri

(17)

| Others | 9788878197442

Like Donnarumma all'assalto ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

18 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    L'ho trovato un po' datato per i nostri tempi anche se qualcosa da imparare rimane, specie nella metodologia di selezione del personale. Quello che non mi spiego è come possa aver fatto l' olivetti, azienda che aveva uno sguardo così sbilanciato al ...(continue)

    L'ho trovato un po' datato per i nostri tempi anche se qualcosa da imparare rimane, specie nella metodologia di selezione del personale. Quello che non mi spiego è come possa aver fatto l' olivetti, azienda che aveva uno sguardo così sbilanciato al futuro a diventare il nostro passato.

    Is this helpful?

    bruttagente said on Sep 17, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Bellissimo libro. Per Ottieri (come in parte per Volponi) oltre alla volontà di mettere le mani nella materia umana, oltre alla voglia di capire come l'industrializzazione possa essere vissuta, c'è l'effettiva conoscenza reale degli uomini, una grand ...(continue)

    Bellissimo libro. Per Ottieri (come in parte per Volponi) oltre alla volontà di mettere le mani nella materia umana, oltre alla voglia di capire come l'industrializzazione possa essere vissuta, c'è l'effettiva conoscenza reale degli uomini, una grande cultura, un pensiero limpido e uno stile efficace.

    Is this helpful?

    Whisper said on Aug 14, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Indùstriati! #1: Donnarumma

    La fabbrica che nasce a Pozzuoli-Santamaria è struttura calata dall’alto che per attecchire deve affrontare le difficoltà di una realtà già di per sé magmatica, fluida e in alcuni aspetti oscura …

    La psicotecnica è lo strumento attraverso il quale i ...(continue)

    La fabbrica che nasce a Pozzuoli-Santamaria è struttura calata dall’alto che per attecchire deve affrontare le difficoltà di una realtà già di per sé magmatica, fluida e in alcuni aspetti oscura …

    La psicotecnica è lo strumento attraverso il quale il protagonista cercherà di cogliere l’oro: trovare gli nel popolo meridionale le risorse umane utili alla prosperità della fabbrica. I test psicotecnici, quindi: la loro descrizione dei test viene condotta in modo asettico, forse celatamente ironico, quasi l’autore non credesse nella loro efficacia. La procedura il più delle volte fallisce; i candidati spesso non superano lo scoglio dei test e dei successivi colloqui venendo ricacciati nel limbo di coloro che premono per entrare, rimossi, confinati nella zona franca della portineria. Da lì incombono sempre, imperterriti, statue di sale... continua su http://lunadifronte.wordpress.com/2014/03/17/industriat…

    Is this helpful?

    hungrybear85 (l'orso divora-libri) e Niniel said on Mar 18, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Scritto nel 1959, a valle dell'esperienza di Ottieri in Olivetti, descrive un mondo lontano in cui la disoccupazione era vissuta dal popolo non con rassegnazione ma con - violento - senso di privazione. Ottima scrittura, con un piglio che si fa inter ...(continue)

    Scritto nel 1959, a valle dell'esperienza di Ottieri in Olivetti, descrive un mondo lontano in cui la disoccupazione era vissuta dal popolo non con rassegnazione ma con - violento - senso di privazione. Ottima scrittura, con un piglio che si fa interno ed esterno alla storia nell'unire la partecipazione emotiva del protagonista alle più distaccate osservazioni di sociologia del lavoro.

    Is this helpful?

    dv said on Jan 11, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Risorse Umane

    "La disoccupazione non è un segreto".

    Caposaldo della c.d. letteratura industriale, questo romanzo documentaristico di Ottieri mostra al lettore i movimenti, le idee, gli scontri intorno alla nascita dell'Olivetti di Pozzuoli.
    Nei giorni delle sele ...(continue)

    "La disoccupazione non è un segreto".

    Caposaldo della c.d. letteratura industriale, questo romanzo documentaristico di Ottieri mostra al lettore i movimenti, le idee, gli scontri intorno alla nascita dell'Olivetti di Pozzuoli.
    Nei giorni delle selezioni del personale, fra test e colloqui (con dialoghi eccezionali), accade uno "scontro di civiltà": l'ansia dell'apparato industriale, animata di ottime intenzioni, di portare al Sud l'efficienza e il progresso dell'Italia Settentrionale, deve fare i conti con la disperazione e, talvolta, l'irrazionalità di un'intera popolazione. Emerge, così, anche il volto meno patinato della fabbrica, dello stabilimento, con i suoi ingranaggi sporchi e vischiosi. Emerge, inoltre, l'umanità destinata a essere disillusa del protagonista, lo stesso Ottieri.

    Un breve filmato d'epoca:
    https://www.youtube.com/watch?v=m-1Z_YyWNUo

    Is this helpful?

    mariafre said on Jan 25, 2013 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Nonostante tutto.
    Io sto con Donnarumma.

    Is this helpful?

    Giax said on Jan 22, 2013 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (17)
    • 4 stars
    • 3 stars
  • Others 253 Pages
  • ISBN-10: 8878197440
  • ISBN-13: 9788878197442
  • Publisher: TEA
  • Publish date: 1995-01-01
  • Also available as: Paperback , Hardcover
Improve_data of this book