Dopo lunga e penosa malattia

Voto medio di 1487
| 323 contributi totali di cui 319 recensioni , 4 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Sono le tre di notte del 4 novembre. Il dottor Carlo Lonati viene chiamato d’urgenza, sotto una pioggia micronizzata attraversa i cinquecento metri che lo separano dalla casa del notaio Luciano Galimberti, suo antico compagno di bagordi. Quando ...Continua
Ha scritto il 18/08/17
Il peggior Vitali che si possa leggere: insulso, sconclusionato, un gialletto di serie B. Peccato che l'autore, sicuramente di gran talento, si perda in storie che lasciano il tempo che trovano. Leggerlo o non leggerlo non cambia nulla
Ha scritto il 20/06/17
per vedere la recensione integrale su http://flaviasdiary.altervista.org/recensione-lunga-penosa-malattia-andrea-vitali/
Ha scritto il 26/04/17
Monco
libro avvincente anche per i sui risvolti da libro giallo,come sempre ottima descrizione di luoghi e personaggi.basito di fronte ad un finale....Monco
Ha scritto il 14/04/17
Riletto solo per vedere se il finale era diverso da quello del racconto nella raccolta "L'aria del lago" ma, nonostante qualche variazione nella scrittura, sono rimasta delusa. Il finale aperto non è tra i miei preferiti, anche se Vitali mi piace ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 03/10/16
insipido
Di una noia mortale! Il finale poi.... lasciamo perdere

Ha scritto il Jun 06, 2009, 21:49
Pensò a Elsa. Forse era arrivato il momento di raccontarle qualcosa. L'aveva lasciata sola coi suoi dubbi. Peggio ancora. L'aveva lasciata sola con dei sospetti su di lui. Senza alcun conforto, senza compagnia.
Pag. 121
Ha scritto il Jun 06, 2009, 21:47
L'unico tempo certo è quello passato, citò tra sé.
Sorrise.
<<Seneca>>, mormorò.
Pag. 101
Ha scritto il Jun 06, 2009, 21:46
[...] l'autunno umido, piovoso, le foglie marce, l'odore disfatto che impregnava l'aria, l'immobilità delle cose, la pigrizia, la lentezza delle ore uguali una all'altra, come i giorni.
Pag. 100
  • 1 commento
Ha scritto il Jan 31, 2009, 20:38
Tornando dalla camra da letto cercò di riprendere quel pensiero, quell'immagine fatta in sogno, di Elsa come una delle ultime foglie di quell'autunno.
Pag. 149

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi