Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Dormendo con la luce accesa

Di

Editore: Nazione Indiana (Murene)

4.4
(5)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 76 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8890476605 | Isbn-13: 9788890476600 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Andrea Raos ; Curatore: Andrea Raos

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Dormendo con la luce accesa?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 0

    grazie a nazione indiana

    grazie all'ammirevole e temeraria iniziativa di nazione indiana
    http://www.nazioneindiana.com/2010/05/27/murene-la-coll…
    al lavoro gratuito di realizzazione del libro (ideazione, selezione, traduzione, redazione, presentazione, infrastruttura tecnica) e di promozione, che non vie ...continua

    grazie all'ammirevole e temeraria iniziativa di nazione indiana
    http://www.nazioneindiana.com/2010/05/27/murene-la-collana/
    al lavoro gratuito di realizzazione del libro (ideazione, selezione, traduzione, redazione, presentazione, infrastruttura tecnica) e di promozione, che non viene remunerato, è possibile per i lettori poter leggere oltre aq uesto altri due libri
    Miguel Torga, L’universale è il locale meno i muri a cura di Massimo Rizzante
    e
    Ingo Schulze, L’angelo, le arance e il polipo, a cura di Stefano Zangrando,
    abbonandosi a murene al prezzo di venti euro
    http://www.nazioneindiana.com/products-page/

    ha scritto il 

  • 4

    Mirabolante...

    E' una delle parole che mi vengono in mente pensando a questo testo. Tutto sommato mi e' piaciuto anche se, questo, e' il mio primo approccio a questo tipo di poesia/prosa contemporanea.
    Al di la degli aggrovigliamenti musicali delle parole...ci sono una serie di massime che mi hanno colpi ...continua

    E' una delle parole che mi vengono in mente pensando a questo testo. Tutto sommato mi e' piaciuto anche se, questo, e' il mio primo approccio a questo tipo di poesia/prosa contemporanea.
    Al di la degli aggrovigliamenti musicali delle parole...ci sono una serie di massime che mi hanno colpito e che non metterò tutte per non rischiare di divenire autoreferenziale.
    E' un buon punto di partenza da cui iniziare a capire, forse piu' approfonditamente, questo tipo di scrittura.
    L'ho letto con piacere, da novellina, con un pizzico di curiosità e di stupore.

    Vi lascio con una sola delle massime...quella che mi e' piaciuta di più perche' mi ricorda un discorso che facemmo con una amica molto tempo fa sul valore da assegnare ad un lavoro:

    "Getta sguardi e sii quotidiano, e renditi conto che la storia non ti intrappola ma ti libera.
    Calcola il tuo lavoro in termini di fame. Sottraiti al dovere
    di dare consigli ai giovani, cosi' da continuare a cercare di capirlo tu."

    ha scritto il 

  • 5

    Un incontro casuale, se non fosse per la "garanzia" di Nazione Indiana. Come un incrociarsi lungo un corridoio di metropolitana: del tutto fortuito ma una vera rivelazione. Anzi, meglio: un flash. Dell'autore non sapevo e non so nulla tuttora (se non le poche note che ho trovato sul libro stesso) ...continua

    Un incontro casuale, se non fosse per la "garanzia" di Nazione Indiana. Come un incrociarsi lungo un corridoio di metropolitana: del tutto fortuito ma una vera rivelazione. Anzi, meglio: un flash. Dell'autore non sapevo e non so nulla tuttora (se non le poche note che ho trovato sul libro stesso) ma quello che ho pescato tra le sue righe è, abbastanza, impagabile. Poemi astrusi, citazioni e folgoranti invenzioni linguistiche e immaginifiche. Un continuo interrogare il senso e il significato, sempre tutto in cortocircuito tra parole e immagini evocate: evidentissima la passione estrema dell'autore per l'enigmistica. Sguardo iper-cinico alla condizione dell'esistenza, i suoi poemi sono di questi anni (recentissimi): praticamente una diretta senza bisogno di antenna o satelliti...
    Quasi un gioco, senza dubbio; un divertissement ma, parlo per me, sicuramente imperdibile.
    In realtà, i riferimenti di Rodefer sono coltissimi: Dante, Baudelaire, Lucrezio, Rilke, ecc, eppure il risultato è questa personalissima visione stralunata della poesia (e del mondo).

    ha scritto il