Dracula

Di

Editore: SugarCo (Tasco ; 215)

4.2
(12948)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 351 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco , Portoghese , Giapponese , Chi tradizionale , Francese , Coreano , Russo , Chi semplificata , Svedese , Catalano , Finlandese , Greco , Ceco , Galego , Polacco , Danese , Basco , Ungherese , Olandese , Indiano (Hindi) , Croato , Indonesiano , Farsi , Rumeno , Turco , Thai

Isbn-10: 8871982126 | Isbn-13: 9788871982120 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Remo Fedi

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico , Copertina rigida , Copertina morbida e spillati , CD audio , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Horror , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Dracula?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Ne spaventa più la penna che la pellicola!

    A tutti quelli che Dracula pensano di conoscerlo perché sin da piccoli hanno visto film, riduzioni televisive, cartoni animati etc. etc. posso solo dire che Dracula, il vero Dracula di Bram Stoker, è ...continua

    A tutti quelli che Dracula pensano di conoscerlo perché sin da piccoli hanno visto film, riduzioni televisive, cartoni animati etc. etc. posso solo dire che Dracula, il vero Dracula di Bram Stoker, è un'altra cosa. Per anni ho snobbato questo romanzo, pensando che fosse una storia trita e ritrita, quanto mi sbagliavo! Le vicende, narrate in forma epistolare o di diario da più protagonisti, mi hanno oltremodo affascinato; il Conte è una presenza quasi impalpabile, di cui ignoriamo i più profondi pensieri, che affabula e al tempo stesso terrorizza. Sì, perché, lo ammetto, ho provato una paura matta a leggere questo libro, molta di più che guardando qualsiasi film horror sul genere. E nonostante il romanzo parli chiaro e riveli che Dracula ambisce a succhiare il sangue soprattutto a giovani fanciulle, da uomo barbuto qual sono ho comunque dovuto sospendere la lettura in notturna e concedermi di proseguire solo alla luce del giorno. Capolavoro assoluto!

    ha scritto il 

  • 5

    Un capolavoro entrato nella Storia. Il vero vampiro, l'unico, l'originale, senza l'annacquamento e la storpiatura cinematografica.
    Un libro da leggere senza dubbio.

    ha scritto il 

  • 3

    Movies have ruined some of the gothic romantic flair that this book has. Reading this book made me wish that I had not already seen so many vampire movies that have clouded up my judgement of a vampir ...continua

    Movies have ruined some of the gothic romantic flair that this book has. Reading this book made me wish that I had not already seen so many vampire movies that have clouded up my judgement of a vampire.

    ha scritto il 

  • 4

    Dunque la storia di Dracula la sappiamo tutti? E invece no credetemi

    Per avere l’età che ha Dracula è un romanzo che invecchia bene, che addirittura se vogliamo migliora col tempo. Trovi la recensione completa qui:
    https://letturedisordinate.wordpress.com/2016/04/20/re ...continua

    Per avere l’età che ha Dracula è un romanzo che invecchia bene, che addirittura se vogliamo migliora col tempo. Trovi la recensione completa qui:
    https://letturedisordinate.wordpress.com/2016/04/20/recensione-dracula-bram-stoker/
    E la video recensione qui:
    https://www.youtube.com/watch?v=1oyjnQq2Rxw

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Cosa si nasconde dietro Dracula?

    Dracula, tutti conoscono questo nome, anche chi non ha ancora affrontato la lettura di questo incredibile romanzo (e nel caso siete tra questi mi raccomando, recuperate questo libro il più presto poss ...continua

    Dracula, tutti conoscono questo nome, anche chi non ha ancora affrontato la lettura di questo incredibile romanzo (e nel caso siete tra questi mi raccomando, recuperate questo libro il più presto possibile).
    Scritto nel 1897 Dracula è il libro che ancora tutt'oggi nella mente di tutti richiama l'immagine del vampiro. Stoker crea il personaggio di Dracula attraverso le credenze religiose e folcloristiche di diverse culture, mettendo insieme tradizioni di vari gruppi etnici, per raggiungere poi alla creazione del personaggio che in quel momento storico rappresentava l'ansia dei contemporanei di ciò che non si conosceva, in un mondo che si avvicinava sempre più ai due conflitti mondiali, al novecento e a tutti i cambiamenti che iniziavano a contrastare la società patriarcale vittoriana che nel corso del tempo si stava disintegrando. Nello stesso anno in cui Stoker pubblica Dracula vi è, infatti, la formazione della Società Nazionale per il suffragio femminile, e non a caso questo romanzo presenta un personaggio femminile coraggioso, intelligente e riconosciuto dagli altri personaggi maschili come fondamentale per quella che sarà la sconfitta di Dracula.
    In Dracula ho visto non solo una figura dell'orrore, ma le paure che tutti i giorni affrontiamo e con cui ci riconosciamo, ma Stoker ci fa capire che non si può scappare da esse, così come non si possono odiare, ma bisogna capire e comprendere, conoscere prima di agire, ed è nel finale, quando finalmente Dracula è sconfitto, quando Mina vede il suo volto che ritrova la pace che per secoli gli era stata negata, in quel momento essa comprende e ritrova anch'essa la pace perduta.
    Questo romanzo è così sottile e racchiude al suo interno molti insegnamenti: ci mostra una realtà che è ancora oggi presente nonostante gli anni passati, ed è per questo che si può affermare che Stoker ha scritto un romanzo senza tempo. Dracula è il vampiro che ha dato vita anche alle storie più recenti, che è ancora simbolo di paura e fascino, perché siamo difronte a un personaggio che ci viene mostrato tramite lo sguardo dei propri nemici, di chi di lui ha paura, ma che allo stesso tempo lo affronta perché non faccia più del male. E leggendo questa storia tramite le pagine dei diari e le lettere dei protagonisti che ho capito che è lo sguardo di Mina che io voglio continuare a seguire, lo sguardo di colei che nonostante tutto il dolore prova ancora compassione e dolcezza, di chi continua a sperare nel bene e vede il buono nelle persone.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Singolare

    Un libro del tutto singolare, linguaggio un po' pesante (scritto nel 1800, è ovvio), il dialogo di Van Helsing non aiuta nella scorrevolezza. La fine mi ha lasciata un po' "....ah.....". Del tutto si ...continua

    Un libro del tutto singolare, linguaggio un po' pesante (scritto nel 1800, è ovvio), il dialogo di Van Helsing non aiuta nella scorrevolezza. La fine mi ha lasciata un po' "....ah.....". Del tutto singolare, ma va letto!

    ha scritto il 

  • 5

    Se qualche settimana fa qualcuno mi avesse detto che avrei perso il sonno per leggere la storia stranota del principe delle tenebre non ci avrei mai creduto. Pensavo che trattandosi di un romanzo racc ...continua

    Se qualche settimana fa qualcuno mi avesse detto che avrei perso il sonno per leggere la storia stranota del principe delle tenebre non ci avrei mai creduto. Pensavo che trattandosi di un romanzo raccontato in forma di diario sarebbe stato una noia mortale, ma quanto mi sbagliavo... e quanto sono felice di potermi ricredere! Bello, bello, cupo e inquietante quanto avvincente ed emozionante. Stoker nel 1897 (!) ha creato un personaggio straordinario, il padre (nonno?) di tutti i numerosissimi vampiri che lo hanno seguito. Non riesco ad immaginare lo shock suscitato nei lettori dell'epoca da un personaggio del genere! Sotto le sembianze del ricco e raffinato gentiluomo si cela uno spietato assassino assetato di sangue (nel vero senso della parola!), una creatura demoniaca e crudele. Niente a che vedere con le varie trasposizioni cinematografiche, credo che nessuna sia riuscita a catturare la vera essenza del personaggio di Stoker, per non parlare della resa del professor Van Helsing!
    Resta il fatto che, indipendentemente dagli adattamenti mal riusciti, questo romanzo è indubbiamente un capolavoro. Voto: 9/10
    Se vi va passate a trovarmi su Facebook! www.facebook.com/quandounlibroticambialavita

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per